Come riciclare l'olio della frittura

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

L'olio della frittura è, quasi sicuramente, uno dei maggiori residui che vengono prodotti dalle cucine italiane, sia private che dei ristoranti. Infatti, secondo gli studi recenti che sono stati fatti, ogni italiano ne produce circa 4 kg. Il problema di questo rifiuto di olio, tenendo in dovuto conto gli alimenti fritti che arrecano danni al nostro organismo, è l'errata abitudine allo smaltimento; quest'olio, generalmente viene buttato nel lavandino della cucina. Ciò contribuisce non solo al malfunzionamento delle fognature, degli impianti di depurazione comunali, ma inquina anche i corsi d'acqua e la terra. Nello specifico provoca effetti devastanti sia alla natura che alla nostra salute. Per questo motivo è fondamentale una maggiore informazione su come riciclare l'olio di frittura anche perché è previsto dalla legge.

26

Riciclare questo rifiuto per ottenere altri prodotti

Naturalmente occorre uno sforzo civico da parte di tutta la popolazione; in questo modo, riciclando questo rifiuto, possiamo ottenere dei prodotti di altro genere che utilizziamo tutti i giorni. Così facendo non solo salvaguardiamo l'ambiente e la nostra salute, ma possiamo ridurre i costi di acquisto di alcuni prodotti. Per riuscire in questo intento è indispensabile dare delle informazioni utili ed educare ogni cittadino circa il rischio a cui si va incontro.

36

Portare l'olio della frittura presso i centri autorizzati alla raccolta

Tuttavia, l'olio della frittura va raccolto in contenitori (magari utilizzando le stesse bottiglie al momento dell'acquisto) e che dopo il suo utilizzo bisogna portarlo presso i centri autorizzati alla raccolta. Questi ultimi, poi, devono provvedere a smistarlo nelle strutture idonee per il riciclo. Purtroppo in alcuni posti dell'Italia questi centri di raccolta tardano ad andare in funzione e questo non aiuta. Però, col passare del tempo e grazie all'aiuto di associazioni come il CONOE (Consorzio Obbligatorio Nazionale di raccolta e trattamento di oli e di grassi vegetali) questa mancanza si sta velocemente riducendo.

Continua la lettura
46

Salvare la natura e anche l'economia

L'olio della frittura può essere riutilizzato per produrre biodiesel, lubrificanti vegetali ed ecologici; questi prodotti sono utili per quanto riguarda le macchine che operano nel settore agricolo. Inoltre, si può produrre sapone (glicerina) ed anche combustibile per il riscaldamento degli edifici. Come si può notare il suo riciclo è un affare economico non trascurabile: le 280.000 tonnellate che l'Italia produce annualmente possono fruttare un valore economico di circa 84 milioni di euro annui. Tocca a noi a salvare la natura e di conseguenza anche l'economia.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come risparmiare sull'olio da cucina

L'olio è il condimento che non può mancare in cucina, infatti nella preparazione di certe pietanze è indispensabile. Occorre precisare che non tutti gli oli vengono impiegati allo stesso modo. L'olio extra vergine di oliva, per esempio, è ottimo crudo...
Economia Domestica

Come riciclare i gusci d'uovo

Riciclare i residui di cibi che consumiamo ogni giorno è un’ottima idea per rispettare l’ambiente che ci circonda, e per dar vita a delle originali creazioni. Per fare un esempio se avete dei gusci d’uovo, potete sfruttarli per creare delle decorazioni,...
Economia Domestica

Come riciclare un frigorifero

Stiamo attraversando un periodo in cui il riciclo di qualsiasi oggetto, di qualsiasi natura e di qualsiasi dimensione è diventata una vera e propria arte. È possibile farsi una idea di quanti oggetti e di come essi vengono riutilizzati, semplicemente...
Economia Domestica

Come riciclare le caramelle

Ogni giorno ci capita di buttare via moltissimi oggetti e cibi di ogni tipo, producendo una gran quantità di rifiuti. Tutto questo potrebbe essere evitato semplicemente imparando a riciclare o riutilizzare i vari oggetti anziché gettarli. Su internet...
Economia Domestica

Come riciclare una lavatrice

Oggi si parla spesso di riciclo; chi pratica questa attività ha un risparmio e allo steso tempo un guadagno economico, ma anche la collettività ne ha giovamento. Riciclare è fondamentale in quanto fornisce l’opportunità alle persone di sviluppare...
Economia Domestica

Come riciclare gli avanzi

Lo speco di alimenti è uno dei problemi principali della cultura occidentale. Ogni anno una famiglia italiana getta nella spazzatura 49 chilogrammi di cibo. Sono tanti gli accorgimenti che possiamo fare per evitare questo spreco che, oltre ad essere...
Economia Domestica

Come riciclare un vecchio televisore

Nell'epoca moderna i progressi tecnologici si susseguono a un ritmo frenetico, ed è facile ritrovarsi l'abitazione invasa da apparecchiature elettriche che non possono essere più usate o riparate: un cellulare di cui si è perso il caricabatteria, un...
Economia Domestica

Come riciclare la zucca di Halloween

Anche quest'anno la festa di Halloween è ormai passata, e come ogni anno, avrete sicuramente riposto nell'armadio maschere, costumi e festoni che potrete riutilizzare l'anno prossimo, anche se i dolcetti e le caramelle raccolti dai bambini allieteranno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.