Come riciclare l'olio della frittura

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

L'olio della frittura è, quasi sicuramente, uno dei maggiori residui che vengono prodotti dalle cucine italiane, sia private che dei ristoranti. Infatti, secondo gli studi recenti che sono stati fatti, ogni italiano ne produce circa 4 kg. Il problema di questo rifiuto di olio, tenendo in dovuto conto gli alimenti fritti che arrecano danni al nostro organismo, è l'errata abitudine allo smaltimento; quest'olio, generalmente viene buttato nel lavandino della cucina. Ciò contribuisce non solo al malfunzionamento delle fognature, degli impianti di depurazione comunali, ma inquina anche i corsi d'acqua e la terra. Nello specifico provoca effetti devastanti sia alla natura che alla nostra salute. Per questo motivo è fondamentale una maggiore informazione su come riciclare l'olio di frittura anche perché è previsto dalla legge.

26

Riciclare questo rifiuto per ottenere altri prodotti

Naturalmente occorre uno sforzo civico da parte di tutta la popolazione; in questo modo, riciclando questo rifiuto, possiamo ottenere dei prodotti di altro genere che utilizziamo tutti i giorni. Così facendo non solo salvaguardiamo l'ambiente e la nostra salute, ma possiamo ridurre i costi di acquisto di alcuni prodotti. Per riuscire in questo intento è indispensabile dare delle informazioni utili ed educare ogni cittadino circa il rischio a cui si va incontro.

36

Portare l'olio della frittura presso i centri autorizzati alla raccolta

Tuttavia, l'olio della frittura va raccolto in contenitori (magari utilizzando le stesse bottiglie al momento dell'acquisto) e che dopo il suo utilizzo bisogna portarlo presso i centri autorizzati alla raccolta. Questi ultimi, poi, devono provvedere a smistarlo nelle strutture idonee per il riciclo. Purtroppo in alcuni posti dell'Italia questi centri di raccolta tardano ad andare in funzione e questo non aiuta. Però, col passare del tempo e grazie all'aiuto di associazioni come il CONOE (Consorzio Obbligatorio Nazionale di raccolta e trattamento di oli e di grassi vegetali) questa mancanza si sta velocemente riducendo.

Continua la lettura
46

Salvare la natura e anche l'economia

L'olio della frittura può essere riutilizzato per produrre biodiesel, lubrificanti vegetali ed ecologici; questi prodotti sono utili per quanto riguarda le macchine che operano nel settore agricolo. Inoltre, si può produrre sapone (glicerina) ed anche combustibile per il riscaldamento degli edifici. Come si può notare il suo riciclo è un affare economico non trascurabile: le 280.000 tonnellate che l'Italia produce annualmente possono fruttare un valore economico di circa 84 milioni di euro annui. Tocca a noi a salvare la natura e di conseguenza anche l'economia.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come eliminare l'odore di fritto

Il cibo fritto, nonostante sappiamo che non sia esattamente salutare, è uno dei nostri cibi preferiti e spesso non possiamo farne a meno. Questo è dovuto ad una questione prettamente chimica perché sono le sostanze rilasciate nel nostro cervello quando...
Pulizia della Casa

Come attenuare l'odore di fritto in cucina

Quante volte dopo aver cucinato ci si trova con una fastidiosa puzza in cucina! Un'ottima frittura di pesce vale il prezzo di una casa invasa da un incredibile odore che non vuole proprio andare via? È possibile comunque coniugare il buon cibo con un...
Pulizia della Casa

Come eliminare l'odore di fritto dai vestiti

Adorate le ricette di piatti fritti, dorati, calorici e gustosi? Il vostro comfort food preferito è quel cosciotto di pollo impanato, preparato con la ricetta segreta della nonna, che vi consolerebbe anche da un turno di lavoro allucinante? Vi viene...
Economia Domestica

5 rimedi naturali per cucinare senza odori

Cucinare può essere a volte uno dei lavori domestici più complicato e stancante e lo diventa ancora di più se quando si rientra stanchi dal lavoro si deve cominciare a preparare il pranzo o la cena. Tutto questo è contornato dal dopo-pranzo in cui...
Economia Domestica

Come fare lo strutto in casa

Lo strutto è un prodotto ottenuto dal grasso del maiale ed è un valido ingrediente usato per la panificazione, la frittura e per arricchire molte ricette sia dolci che salate. È di colore bianco e non emana nessun odore in particolare. È possibile...
Economia Domestica

Come friggere le patatine fritte

Le patatine fritte rappresentano senza dubbio uno degli alimenti più amati ed apprezzati sia dai grandi che dai più piccoli. Tuttavia esse devono essere fritte in un determinato modo per aver il sapore e il gusto perfetti. Nella seguente guida pertanto...
Pulizia della Casa

Come pulire la friggitrice

Niente è più gustoso di una bella e fragrante frittura di pesce, di carne o di verdure, senza dubbio uno dei piatti più invitanti. Inoltre, grazie all'invenzione della friggitrice, adesso questi piatti sono ancora più facili da realizzare in casa:...
Pulizia della Casa

Come lavare in casa le tende con risultati da lavanderia

Le tende a parete oppure a soffitto sono adatte per qualsiasi ambiente e per ogni tipo di finestra. La maggior parte di esse si può lavare tranquillamente in lavatrice; in questo modo si risparmia un po' di tempo e del danaro. Leggendo questo tutorial...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.