Come ricaricare il gas del condizionatore

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Un condizionatore, per il suo corretto funzionamento, necessita di una quantità adeguata di gas. Può però accadere che questa quantità diminuisca. Ma non per delle motivazioni "fisiologiche", bensì in modo innaturale, per l'esistenza di una perdita. Nel caso in cui succedesse sovente di dover ricaricare il gas del condizionatore, è probabile la presenza di un microforo. Bisognerà pertanto immediatamente rilevarlo e ripararlo. Ricaricare il gas del condizionare è una procedura da poter svolgere anche in modo autonomo. Le indicazioni della guida si propongono di descrivere come intervenire, in modo rapido e sicuro. Si raccomanda tuttavia di ricorrere all'esperienza di tecnici specializzati, in caso di problemi. Ricordiamo infatti che dovremo trattare delle sostanze nocive, da evitare di inalare anche se accidentalmente.

25

Per ricaricare il gas del condizionatore, in commercio sono disponibili dei kit già pronti e di semplice uso. Per iniziare, installiamo il tubo di carica sulla porta della bassa pressione. Previa accortezza dell'utilizzo di una protezione per gli occhi. Se il sistema risulta completamente scarico, potrebbe esistere una contaminazione di umidità. Pertanto l'esecuzione della carica di gas non porterebbe dei risultati soddisfacenti. Tranne che non si sia già intervenuti per la riparazione della fonte di fuga del gas stesso. In particolare, sostituendo il ricevitore di essiccazione. Per riparare il sistema, si utilizzerà una pompa a vuoto che rimuova l'aria e l'umidità.

35

Per ricaricare il gas del condizionatore, spruzziamo una soluzione di acqua e sapone sui raccordi. In tal modo ci accerteremo che non si formino delle bolle d'aria. Controlliamo che le batterie di condensazione non presentino ostruzioni da detriti. Verifichiamo anche che il compressore funzioni perfettamente. Occorrerà eventualmente testare un compressore che presenta un basso livello di carica di gas. Controlliamo quindi il pressostato. Spurghiamo il tubo di carica, aprendo la valvola fino a farla riempire con il refrigerante. Poi, lentamente, allentiamo il raccordo di ottone che collega il tubo flessibile alla valvola stessa. Infine avvitiamola saldamente.

Continua la lettura
45

Colleghiamo il tubo flessibile all'attacco del moto-condensante. Poi attendiamo qualche minuto, per rilevare il livello del gas dal gruppo manometrico. L'operazione di ricarica terminerà quando l'indicatore del manometro si stabilizzerà sulla fascia indicante il livello esatto del gas. Ricordiamo sempre di indossare le opportune protezioni durante il ricambio. Oppure negli eventuali successivi controlli, qualora il problema dovesse ripresentarsi. https://www.wikihow.it/Caricare-il-Condizionatore-di-Casa.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non esitare a ricorrere all'intervento di tecnici specializzati, in caso di problemi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come modificare la cucina da gas propano a metano

Avete stipulato un contratto per la fornitura di metano, ma avete ancora la macchina o il piano cottura della cucina che funzionano a propano? Purtroppo il meccanismo intrinseco (macchina a gas funzionante con la bombola), non può funzionare col nuovo...
Ristrutturazione

Climatizzatore: cosa fare per mantenerlo in buone condizioni

Come ogni anno l'arrivo dell'estate pone puntualmente il problema del caldo. Difficile resistere al caldo intenso senza ausili elettronici come i ventilatori e climatizzatori. Quest'ultimi, in particolare, per funzionare al meglio e per ridurre al minino...
Ristrutturazione

Come installare una caldaia a condensazione

Le caldaie a condensazione sono delle caldaie che usano il calore dei gas di scarico che normalmente vengono rilasciati nell'atmosfera attraverso il camino. Per utilizzare questo calore latente, il vapore acqueo dal gas di scarico si trasforma in condensa...
Ristrutturazione

Guida alle stufe ecologiche

Con il prezzo dell'energia che continua a salire, così come quello del gas, si può pensare di utilizzare delle fonte energetiche alternative, magari più ecocompatibili. Quando dobbiamo decidere come riscaldare la nostra casa, è fondamentale scegliere...
Ristrutturazione

Come calcolare il volume di una stanza

Calcolare il volume di una stanza è un'operazione che in alcuni casi può ritornare particolarmente utile, quando ad esempio si deve installare un condizionatore con un determinato numero di frigorie, oppure semplicemente per conoscere il quantitativo...
Ristrutturazione

Come ristrutturare una vecchia taverna

Per organizzare una cena in compagnia degli amici o semplicemente per passare una bella serata con la famiglia la taverna è sempre il posto ideale. Non tutti posseggono la taverna ma molte persone, che hanno questa fortuna, sottovalutano questo spazio...
Ristrutturazione

Come rimuovere lo stucco veneziano cerato

Se avete appena preso casa e notate che le pareti trattate con dello stucco veneziano cerato sono malridotte, prima di provvedere ad una nuova tinteggiatura o usare della carta da parati, è importante rimuovere la suddetta sostanza, poiché non è in...
Ristrutturazione

Come sostituire lo scaldabagno

Lo scaldabagno di casa non funziona? Niente paura! Se volete cambiarlo ma non sapete come fare, questa guida fa proprio al caso vostro. Non tutte le abitazioni, in effetti, hanno un impianto a gas dotato di caldaia domestica, che produca sia il riscaldamento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.