Come restaurare uno sgabello

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Nonostante possa sembrare alquanto difficile, restaurare un vecchio sgabello è un'operazione abbastanza fattibile. È necessario avere un po' di pazienza e, in modo particolare, degli strumenti giusti, per regalare allo sgabello l'originale bellezza di un tempo e per far in modo che sia un complemento di arredo unico. Leggete con particolare attenzione questa guida per capire in modo dettagliato come fare.

26

Occorrente

  • Morbidi pennelli da lavoro, carta abrasiva, guanti in lattice, fogli di un vecchio giornale, nastro adesivo doppio, vernice nera e colorata.
36

Pulite adeguatamente lo sgabello

Innanzitutto è bene recarsi presso una ferramenta ben fornita per acquistare tutto il materiale necessario. Successivamente bisogna pulire adeguatamente lo sgabello con l'aiuto di un panno umido. In questo modo potrete rimuovere in profondità possibili tracce di sporcizia e polvere.
Con l'ausilio della carta abrasiva, risulta essere necessario levigare lo sgabello per bene (anche nelle parti più nascoste), attraverso movimenti circolari decisi. Se possibile, è decisamente consigliabile usare prima una carta vetrata più sottile (come, ad esempio, numero 60), sostituendola dopo un po' con la numero 100.

46

Lasciate asciugare per almeno dodici ore

I punti più difficili da raggiungere (come, ad esempio, gli angoli) potranno essere levigati con l'aiuto di una spazzola in filo d'acciaio, comunemente usata per la lavorazione di angoli piccoli ed impossibili da raggiungere con facilità. A questo punto sarà necessario eseguire il passaggio della prima vernice sulle gambe dello sgabello, sulla base e sulla parte inferiore e sulla parte superiore. Questa dovrà essere fatta utilizzando il colore nero. Lasciate asciugare per almeno dodici ore. Successivamente dovrete utilizzare una vernice del colore che desiderate, proprio in base alle vostre preferenze. La vernice, come per esempio quella rossa, dovrà essere passata proprio sulla parte anteriore dello sgabello, cercando di formare delle linee ondulate astratte.

Continua la lettura
56

Eseguite il restauro all'aria aperta

In questo modo lo sgabello restaurato apparirà con una base nera sottostante e delle gradevoli linee rosse sul colore nero. Lasciate adesso asciugare per qualche ora. Ricordate che le operazioni di verniciatura e sverniciatura possono causare purtroppo la diffusione di particelle dannose non appena verranno inalate. Per questo motivo è consigliabile eseguire il restauro all'aria aperta, in un giardino, in un terrazzo o in un balcone, in modo da permettere la dispersione degli odori della vernice. Utilizzate se possibile, per una maggiore sicurezza sul lavoro, anche una mascherina e dei guanti protettivi. Buon lavoro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' consigliabile eseguire il restauro all'aria aperta, in un giardino, in un terrazzo o in un balcone (in modo da permettere, in modo particolare, la dispersione degli odori della vernice) utilizzando,se possibile (per una maggiore sicurezza sul lavoro), anche una mascherina.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come restaurare un mobile colpito dai tarli

Un mobile, soprattutto se antico, è soggetto a essere colpito dai tarli; e per poterlo restaurare occorrono delle tecniche di lavorazione molto particolari. Alcune tipologie di legno, come il faggio, la betulla, il ciliegio e l'abete, sono più soggette...
Ristrutturazione

Come restaurare un portone antico

Chiunque abbia mai posseduto o amato un antico portone sa che la sua bellezza e unicità non è paragonabile a quelli moderni. Proprio per la sua unicità nel suo genere, le opzioni a disposizione per poterlo restaurare sono molto poche in quanto molti...
Ristrutturazione

Come restaurare una porta esterna o un portale di legno

Quando una porta esterna o un portale di legno comincia ad essere danneggiato a causa delle intemperie e magari presenta anche dei buchi, non occorre necessariamente provvedere immediatamente alla sua sostituzione: con un po' di tempo e di energia, è...
Ristrutturazione

Come restaurare una porta impiallacciata

Quando si pensa alla ristrutturazione di una casa o all'arredamento di un'abitazione, è indispensabile pensare alle cose basilari che possono dare uno ostile ad una casa ovvero i pavimenti, le pareti e le porte. Questi tre elementi già da soli, riescono...
Ristrutturazione

Come restaurare un tavolo di vetro

I tavoli di vetro sono in genere molto resistenti, oltre che belli. Il vetro utilizzato per costruire un tavolo è temperato, il che significa che viene trattato chimicamente per sopportare una maggior quantità di peso rispetto al vetro ordinario. Controllato...
Ristrutturazione

Come restaurare i mobili in vimini

Se in casa avete dei mobili in vimini che si presentano piuttosto danneggiati e con alcune parti screpolate, potete intervenire con dei restauri appropriati e con dei materiali di facile reperibilità. Il lavoro non è difficile, e richiede soltanto un...
Ristrutturazione

Come restaurare le porte di casa

Tra i vari lavori che periodicamente devono essere svolti all'interno di una casa, uno dei più temuti e, probabilmente, quello più rimandato, è la manutenzione delle porte di casa. Queste ultime, dopo anni di intenso utilizzo, finiscono per essere...
Ristrutturazione

Come restaurare il parquet

Un pavimento in parquet ben curato dura per generazioni, e può fare la differenza per quanto riguarda l'estetica dell'intera casa. Dunque, se il parquet sembra avere un aspetto opaco, oppure se recentemente sono stati spostati i mobili e la superficie...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.