Come restaurare una ringhiera in ferro

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le ringhiere in ferro, specie se battuto, sono molto belle e robuste e tendono quindi a vivere molto più a lungo rispetto ad altri tipi di ringhiere. Queste vengono utilizzate ">non solo per proteggere, ma anche per abbellire scale, terrazze e balconi, sia dentro che fuori le abitazioni. L'unico problema del ferro è che quando si arrugginisce cambia colore e può sprigionare sostanze dannose; pertanto, è necessario restauralo. Non è difficile ristrutturare una ringhiera in ferro, riportandola al suo antico splendore, l'unica attenzione che bisogna fare è pulire il ferro avendo cura di rimuovere tutta la ruggine prima di iniziare il lavoro vero è proprio. L'intera operazione può richiedere molto tempo, ma il risultato finale sarà sicuramente più che soddisfacente. Premesso questo, vediamo come restaurare una ringhiera in ferro.

26

Occorrente

  • Teli in plastica (fogli di giornale), guanti, mascherine, acquaragia, pennelli, antiruggine, vernice a smalto, carta vetrata, spazzola d'acciaio.
36

La ruggine

Eliminate per prima cosa la ruggine in eccesso. Per rimuoverla completamente, levigate la ringhiera con della carta vetrata a grana spessa e successivamente passate con una spazzola d'acciaio la superficie da trattare. In questa fase preliminare si consiglia di ricoprire lo spazio circostante con dei teli in plastica e soprattutto utilizzare delle mascherine per evitare di respirare sostanze dannose.

46

L'acquaragia

Come seconda operazione, imbevete uno straccio asciutto con dell'acquaragia o in alternativa un diluente al nitro. Ampiamente diffusi ed utilizzati, si tratta di solventi di uso comune che permettono di eliminare senza fatica i residui di vernice. Ricordate che questi prodotti devono rimanere depositati almeno ventiquattro ore: trascorso il tempo necessario, dovrete passare nuovamente con una spazzola o della carta abrasiva in modo da eliminare qualsiasi impurità.

Continua la lettura
56

L'antiruggine

Completata la reazione dei vari componenti, passate una mano di antiruggine. Per chi non lo sapesse, si tratta di un prodotto che ha numerose funzionalità. Oltre a migliorare infatti l'aderenza della vernice, riesce a proteggere più a lungo il ferro dall'erosione e dagli agenti atmosferici. In alternativa a diluenti e soluzioni varie, potrete scegliere delle vernici che già contengono il trattamento antiruggine all'interno. Una volta che l'antiruggine si sarà essiccato, potrete passare alla verniciatura vera e propria. Sarà necessario, per questa operazione, applicare due strati di smalto a distanza di diverse ore. Per quanto riguarda i pennelli, potrete utilizzare sia la tipologia a manico lungo che il rullo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come sostituire una ringhiera

La ringhiera in una scala è l'elemento di rifinitura più importante, in quanto deve servire a proteggere chi la sale e la scende, ed inoltre il corrimano non deve essere troppo sottile ma, deve offrire una presa comoda e un sostegno sicuro. C'è da...
Ristrutturazione

Consigli per la pittura di una ringhiera in alluminio

Le ringhiere in alluminio hanno trovato, in questi ultimi anni, una vasta utilizzazione, soprattutto nelle abitazioni di recente costruzione. Molti sono i motivi che hanno determinato questo autentico "boom": primo fra tutti, la grande economicità di...
Ristrutturazione

Come scegliere le ringhiere in ferro battuto

Quando si deve selezionare una ringhiera per il terrazzo, si hanno numerose opzioni da considerare. Il legno rappresenta uno dei materiali più adoperati per le ringhiere tradizionali. Le alternative vinile o alluminio (più economiche) sono capaci di...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile colpito dai tarli

Un mobile, soprattutto se antico, è soggetto a essere colpito dai tarli; e per poterlo restaurare occorrono delle tecniche di lavorazione molto particolari. Alcune tipologie di legno, come il faggio, la betulla, il ciliegio e l'abete, sono più soggette...
Ristrutturazione

Come restaurare una sedia del 700

Il restauro è un'attività che riesce a valorizzare dei beni antichi rendendoli nuovamente utilizzabili e non esclusivamente limitandoli a meri oggetti da collezione. Nella guida che svilupperemo, ci concentreremo nella restaurazione delle sedie e, nello...
Ristrutturazione

Come restaurare uno sgabello

Nonostante possa sembrare alquanto difficile, restaurare un vecchio sgabello è un'operazione abbastanza fattibile. È necessario avere un po' di pazienza e, in modo particolare, degli strumenti giusti, per regalare allo sgabello l'originale bellezza...
Ristrutturazione

Come restaurare un portone antico

Chiunque abbia mai posseduto o amato un antico portone sa che la sua bellezza e unicità non è paragonabile a quelli moderni. Proprio per la sua unicità nel suo genere, le opzioni a disposizione per poterlo restaurare sono molto poche in quanto molti...
Ristrutturazione

Come restaurare una porta esterna o un portale di legno

Quando una porta esterna o un portale di legno comincia ad essere danneggiato a causa delle intemperie e magari presenta anche dei buchi, non occorre necessariamente provvedere immediatamente alla sua sostituzione: con un po' di tempo e di energia, è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.