Come restaurare una porta laccata

Tramite: O2O 25/11/2016
Difficoltà: media
17

Introduzione

Spesso quando si compiono lavori di ristrutturazione nella propria abitazione, ci si sofferma sulla modifica degli ambienti e sulla disposizione dei mobili, prestando poca attenzione alle porte. In realtà queste hanno una grande importanza a livello visivo, soprattutto se consentono l'accesso alle stanze più utilizzate della casa. Le porte in legno laccato in genere sono tra le più utilizzate, con il loro design semplice e le loro linee pulite donano eleganza e sobrietà alle stanze, differenziandosi per il tipo di lavorazione in listellare, massello e tamburato, di cui sono disponibili una grande varietà di colorazioni. Tuttavia con il passare degli anni tendono a perdere la lucentezza del colore, presentando segni d'usura e ammaccature. Utilizzando il metodo del fai da te, con un po di pazienza potrete voi stessi restaurarle per riportarle al loro originario splendore, di seguito troverete dei consigli utili su come restaurare una porta laccata.

27

Occorrente

  • Carta vetrata a grana grossa e fine, pennello, lacca per legno, stucco per legno, nastro di carta, panno morbido, alcol, cementite.
37

Prima di procedere al restauro, occorre rimuovere la porta dai cardini posizionandola su due cavalletti, rimuovete le maniglie e le serrature per poter lavorare senza danneggiarle, inoltre se dotata di pannelli in vetro, proteggeteli con del nastro di carta. Se dovete riparare eventuali ammaccature e graffi, è necessario rimuovere completamente il colore pre-esistente della porta.

47

Utilizzando della carta vetrata a grana grossa, agite sulla superficie seguendo il senso delle fibre del legno per un lavoro più accurato. A questo punto assicuratevi che la superficie sia pulita e senza particelle di polvere prima di passare lo stucco specifico per il legno, scartavetrate nuovamente la superficie utilizzando la carta vetrata a grana fine, assicurandovi che quest'ultima sia completamente omogenea, potrebbe essere necessario ripetere più volte l'applicazione. Pulite nuovamente con un panno imbevuto d'alcol prima di procedere con la laccatura.

Continua la lettura
57

In commercio potrete acquistare lacche a base nitrocellulosa, acrilica o catalizzata, tutte disponibili in varie colorazioni da stendere facilmente. Prima della sua stesura, passate uno strato di "cementite" per poi procedere con la prima mano di lacca, assicuratevi di utilizzare un pennello che non lasci righe. Sarà necessario passarne più mani per risultati migliori, dovrete però aspettare che sia completamente asciutta se non volete compromettere il lavoro. Una volta volta concluso, montate le serrature e le maniglie e riposizionate la porta nelle cerniere.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Tra una mano e l'altra di lacca, pulite sempre il pennello immergendolo nell'alcol per eliminare i residui.
  • Proteggete eventuali pannelli di vetro presenti sulla porta con del nastro di carta.
  • Utilizzante guanti e mascherina per proteggervi durante il lavoro.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come restaurare una porta esterna o un portale di legno

Quando una porta esterna o un portale di legno comincia ad essere danneggiato a causa delle intemperie e magari presenta anche dei buchi, non occorre necessariamente provvedere immediatamente alla sua sostituzione: con un po' di tempo e di energia, è...
Ristrutturazione

Come restaurare una porta impiallacciata

Quando si pensa alla ristrutturazione di una casa o all'arredamento di un'abitazione, è indispensabile pensare alle cose basilari che possono dare uno ostile ad una casa ovvero i pavimenti, le pareti e le porte. Questi tre elementi già da soli, riescono...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile colpito dai tarli

Un mobile, soprattutto se antico, è soggetto a essere colpito dai tarli; e per poterlo restaurare occorrono delle tecniche di lavorazione molto particolari. Alcune tipologie di legno, come il faggio, la betulla, il ciliegio e l'abete, sono più soggette...
Ristrutturazione

Come restaurare le porte di casa

Tra i vari lavori che periodicamente devono essere svolti all'interno di una casa, uno dei più temuti e, probabilmente, quello più rimandato, è la manutenzione delle porte di casa. Queste ultime, dopo anni di intenso utilizzo, finiscono per essere...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile di legno

Il restauro di un mobile di legno può sembrare a prima vista un'impresa difficile. In realtà questa operazione è abbastanza semplice, e può essere eseguita anche da persone che sono meno esperte con il metodo del fai da te. Leggendo questa guida ed...
Ristrutturazione

Come restaurare uno sgabello

Nonostante possa sembrare alquanto difficile, restaurare un vecchio sgabello è un'operazione abbastanza fattibile. È necessario avere un po' di pazienza e, in modo particolare, degli strumenti giusti, per regalare allo sgabello l'originale bellezza...
Ristrutturazione

Come restaurare un portone antico

Chiunque abbia mai posseduto o amato un antico portone sa che la sua bellezza e unicità non è paragonabile a quelli moderni. Proprio per la sua unicità nel suo genere, le opzioni a disposizione per poterlo restaurare sono molto poche in quanto molti...
Ristrutturazione

Come restaurare un tavolo di vetro

I tavoli di vetro sono in genere molto resistenti, oltre che belli. Il vetro utilizzato per costruire un tavolo è temperato, il che significa che viene trattato chimicamente per sopportare una maggior quantità di peso rispetto al vetro ordinario. Controllato...