Come restaurare una porta impiallacciata

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Quando si pensa alla ristrutturazione di una casa o all'arredamento di un'abitazione, è indispensabile pensare alle cose basilari che possono dare uno ostile ad una casa ovvero i pavimenti, le pareti e le porte. Questi tre elementi già da soli, riescono a dare vita ad un ambiente e devono essere sempre ben mantenuti per durare nel tempo. Se le vostre porte di casa sono ormai un po' rovinate e hanno bisogno di una piccola restaurata, in questa guida vi spiegheremo in particolare, come poter restaurare una porta impiallacciata, attraverso dei procedimenti piuttosto facili e alla portata di tutti.

27

Occorrente

  • Acqua, sapone, primer, isolante, coltello, pennelli, pittura latex.
37

L'impiallacciatura di una porta è caratterizzata da una sorta di rivestimento, creato con fogli di legno molto sottili che vanno davvero trattati e curati nel tempo, per non spaccarsi o rovinarsi. Solitamente l'impiallacciatura viene creata per ricoprire un legno non molto pregiato, attraverso proprio l'utilizzo di sottilissimi pannelli di legno pressato molto sottile. Se le porte impiallacciate che avete in casa sono molto vecchie o sono state utilizzate in malo modo, è indispensabile procedere ad un restauro minimo per renderle leggermente più intatte. Solitamente per restaurare una porta impiallacciata, basta riverniciare l'intera porta utilizzando delle tecniche ben specifiche, che possono permettervi di rendere nuovamente lucida l'intera porta.

47

Iniziate quindi a scartavetrare o corteggiare le parti più rovinate della porta utilizzando una carta vetrata non troppo ruvida. Cercate di strofinare con delicatezza le parti della porta più rovinate e se avete difficoltà a scartavetrare determinati punti, potete anche smontare la porta per lavorare meglio. Se avete un macchinario elettrico come ad esempio una levigatrice, potete usufruirne, ma dovrete fare attenzione a non rovinare il legno delicato della porta. Una volta terminata questa operazione, dovrete necessariamente rimuovere tutta la polvere con un panno umido e dell'acqua tiepida per poter restaurare la porta in maniera precisa.

Continua la lettura
57

Adesso applicate uno strato di primer su tutta la superficie della porta, utilizzando un pennello molto morbido. Questo prodotto riuscirà a fare riemergere il colore naturale dell'impiallacciatura e in più, servirà a far aderire completamente la vernice che passerete successivamente sulla porta. Per verniciare la porta, dovrete procedere utilizzando un altro pennello pulito e dovrete passare il pennello sempre dall'alto verso il basso, ovvero verticalmente, rifinendo tutti gli angoli della porta. Lasciate asciugare il tutto e porta tornerà lucente e nuova come prima.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Togliete sempre la polvere prima di iniziare il restauro.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come restaurare una porta in legno spendendo poco

Se avete cambiato da poco casa e non vi piacciono proprio quei graffi sulle porte, o magari la vecchia casa di campagna ha bisogno di una buona rinfrescata, o più semplicemente desiderate imparare qualche piccolo trucco per ristrutturare infissi in legno...
Ristrutturazione

Come restaurare una porta laccata

Spesso quando si compiono lavori di ristrutturazione nella propria abitazione, ci si sofferma sulla modifica degli ambienti e sulla disposizione dei mobili, prestando poca attenzione alle porte. In realtà queste hanno una grande importanza a livello...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile colpito dai tarli

Un mobile, soprattutto se antico, è soggetto a essere colpito dai tarli; e per poterlo restaurare occorrono delle tecniche di lavorazione molto particolari. Alcune tipologie di legno, come il faggio, la betulla, il ciliegio e l'abete, sono più soggette...
Ristrutturazione

Come restaurare le porte di casa

Tra i vari lavori che periodicamente devono essere svolti all'interno di una casa, uno dei più temuti e, probabilmente, quello più rimandato, è la manutenzione delle porte di casa. Queste ultime, dopo anni di intenso utilizzo, finiscono per essere...
Ristrutturazione

Come restaurare una sedia del 700

Il restauro è un'attività che riesce a valorizzare dei beni antichi rendendoli nuovamente utilizzabili e non esclusivamente limitandoli a meri oggetti da collezione. Nella guida che svilupperemo, ci concentreremo nella restaurazione delle sedie e, nello...
Ristrutturazione

Come restaurare uno sgabello

Nonostante possa sembrare alquanto difficile, restaurare un vecchio sgabello è un'operazione abbastanza fattibile. È necessario avere un po' di pazienza e, in modo particolare, degli strumenti giusti, per regalare allo sgabello l'originale bellezza...
Ristrutturazione

Come restaurare un portone antico

Chiunque abbia mai posseduto o amato un antico portone sa che la sua bellezza e unicità non è paragonabile a quelli moderni. Proprio per la sua unicità nel suo genere, le opzioni a disposizione per poterlo restaurare sono molto poche in quanto molti...
Ristrutturazione

Come restaurare un tavolo di vetro

I tavoli di vetro sono in genere molto resistenti, oltre che belli. Il vetro utilizzato per costruire un tavolo è temperato, il che significa che viene trattato chimicamente per sopportare una maggior quantità di peso rispetto al vetro ordinario. Controllato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.