Come restaurare un tavolo di vetro

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I tavoli di vetro sono in genere molto resistenti, oltre che belli. Il vetro utilizzato per costruire un tavolo è temperato, il che significa che viene trattato chimicamente per sopportare una maggior quantità di peso rispetto al vetro ordinario. Controllato termicamente, il vetro temperato è resistente alla rottura e alle crepe; ma, nonostante ciò, non è in grado di resistere alla normale usura, come graffi, tagli accidentali dovuti allo sfregamento degli oggetti. Anche se c'è poco da fare per ripristinare il vetro incrinato e i graffi profondi, è possibile tuttavia migliorarne l'aspetto se è macchiato, opacizzato o lievemente graffiato. Vediamo allora come restaurare un tavolo di vetro.

25

Restaurare i brodi del tavolo

Un tavolo di vetro, può essere sia bianco trasparente che particolarmente colorato con vernici a fuoco. Vediamo allora in entrambi i casi quali sono gli interventi di restauro che si possono effettuare. Il vetro bianco trasparente quando si scheggia lungo i bordi, può essere restaurato nel seguente modo. Prendiamo allora un pezzo di legno che avvolgiamo in un foglio di carta abrasiva a gran doppia realizzando una sorta di lingotto rigido che con delicatezza strofiniamo sulle parti scheggiate, preoccupandoci di assottigliarle e renderle uniformi alle altre parti lisce.

35

Riparare un vetro con crepe

Una volta ristabilita la giusta quadratura dei contorni del vetro, con lo stesso procedimento si utilizza della carta abrasiva a grana sottilissima che serve a dare lucentezza al bordino scheggiato. In questo modo il vetro trasparente è tornato come nuovo e pronto per essere riposizionato sul piano di appoggio originale. Se a causa di una caduta accidentale sul piano, il vetro si crepa per intero realizzando la classica ragnatela. In questo caso per salvarlo si può intervenire utilizzando nella parte sottostante dei fogli di carta adesiva.

Continua la lettura
45

Eliminare piccoli graffi dal vetro

Una volta essiccata quest'ultima va carteggiata per eliminare tutti gli spessori creati dalla colla e con dell'ovatta imbevuta in colori a scelta si può trasformare il piano di vetro in una specie di marmo. Infine se un vetro colorato è soltanto graffiato e nemmeno in profondità, ma presenta un colorazione abbastanza chiara tipo verde pisello allora conviene carteggiarlo eliminando i solchi ed applicando poi una speciale vernice per vetro. A questo punto, la colorazione è stata del tutto ripristinata ed è sufficiente capovolgere il vetro del tavolo sul piano di appoggio originale per ottenere di nuovo il colore naturale.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come restaurare un mobile colpito dai tarli

Un mobile, soprattutto se antico, è soggetto a essere colpito dai tarli; e per poterlo restaurare occorrono delle tecniche di lavorazione molto particolari. Alcune tipologie di legno, come il faggio, la betulla, il ciliegio e l'abete, sono più soggette...
Ristrutturazione

Come restaurare le porte di casa

Tra i vari lavori che periodicamente devono essere svolti all'interno di una casa, uno dei più temuti e, probabilmente, quello più rimandato, è la manutenzione delle porte di casa. Queste ultime, dopo anni di intenso utilizzo, finiscono per essere...
Ristrutturazione

Come restaurare una sedia del 700

Il restauro è un'attività che riesce a valorizzare dei beni antichi rendendoli nuovamente utilizzabili e non esclusivamente limitandoli a meri oggetti da collezione. Nella guida che svilupperemo, ci concentreremo nella restaurazione delle sedie e, nello...
Ristrutturazione

Come restaurare uno sgabello

Nonostante possa sembrare alquanto difficile, restaurare un vecchio sgabello è un'operazione abbastanza fattibile. È necessario avere un po' di pazienza e, in modo particolare, degli strumenti giusti, per regalare allo sgabello l'originale bellezza...
Ristrutturazione

Come restaurare un portone antico

Chiunque abbia mai posseduto o amato un antico portone sa che la sua bellezza e unicità non è paragonabile a quelli moderni. Proprio per la sua unicità nel suo genere, le opzioni a disposizione per poterlo restaurare sono molto poche in quanto molti...
Ristrutturazione

Come restaurare una porta esterna o un portale di legno

Quando una porta esterna o un portale di legno comincia ad essere danneggiato a causa delle intemperie e magari presenta anche dei buchi, non occorre necessariamente provvedere immediatamente alla sua sostituzione: con un po' di tempo e di energia, è...
Ristrutturazione

Come restaurare con la gommalacca

Il restauro di un tavolo o di un mobile antico è un'operazione abbastanza delicata. Per poter ottenere dei risultati soddisfacenti da un restauro bisogna avere molta pazienza e seguire dettagliatamente le indicazioni utili per non intaccare il materiale...
Ristrutturazione

Come restaurare una porta impiallacciata

Quando si pensa alla ristrutturazione di una casa o all'arredamento di un'abitazione, è indispensabile pensare alle cose basilari che possono dare uno ostile ad una casa ovvero i pavimenti, le pareti e le porte. Questi tre elementi già da soli, riescono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.