Come restaurare un mobile in arte povera

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I mobili in arte povera, durante la restaurazione, devono essere trattati in modo tale da conservare sempre la finitura originale. Il modo migliore per farlo è quello di utilizzare una finitura a cera in quanto è molto facile da applicare. Prima di iniziare, assicuratevi che la superficie del mobile sia pulita e asciutta. Ecco come restaurare un mobile in arte povera.

26

Occorrente

  • carta vetrata a grana fine
  • carta vetrata a grana grossa
  • bastoncini di cera
  • aceto bianco
  • panni di vario genere
36

A volte i mobili in arte povera, si presentano usurati a causa degli insetti, come i tarli. Per rimediare ai fori che questi insetti creano, utilizzate dei bastoncini in cera, vendibili nelle ferramenta. Prima di applicare il bastoncino in cera, riscaldatelo in mano e usate la spatola di plastica in dotazione, per applicarlo. Levigate il mobile con una carta vetrata a grana grossa, dopodiché rimuovete la polvere con un panno asciutto o con l'aspirapolvere ed eseguite una leggera pressione con il bastoncino, in modo da essere utilizzato come riempitivo del foro o della crepa. Eliminate l’eccesso della cera con un po' di carta vetrata a grana fine.

46

Pulite la superficie con un panno di cotone; se il mobile è molto sporco, si può usare un panno inumidito con acqua con l'aggiunta di una piccola quantità di aceto (ma assicuratevi che sia molto diluita); questo rimuoverà qualsiasi traccia di sporco e la polvere accumulata nel corso del restauro. Per eliminare la polvere negli angoli, provate ad utilizzare una spazzola a setole morbide o anche uno spazzolino da denti. La cera per mobili agirà come detergente principale, in quanto eliminerà completamente il grasso e lo sporco. L'errore più grande quando si applica la cera per mobili, consiste nell'utilizzare una dose eccessiva in una volta; questo rende difficile la lucidatura finale del mobile, il quale se non viene lucidato correttamente, attirerà tantissima polvere e lascerà una finitura opaca. Il modo corretto per applicare la cera, è quello di utilizzare un cotone morbido e pulito o un panno privo di lanugine. Applicare la cera per mobili immergendo il tessuto nella lattina di cera e strofinando con un piccolo movimento circolare su tutta la superficie del legno, con parsimonia.

Continua la lettura
56

Una volta applicata la cera, attendete circa 30 - 60 minuti per assicurarvi che sia asciutta e che abbia impregnato perfettamente la superficie del legno. Per ottenere la finitura desiderata, utilizzate un panno pulito (preferibilmente di spugna) e lucidate la superficie nella direzione in cui sono indirizzate le fibre. Si consiglia di eseguire questo procedimento ogni 3 mesi. Nel caso in cui il mobile presenta finiture in metallo (come ad esempio: ottone, rame o ferro), applicate la soluzione detergente con un batuffolo di cotone o lasciate agire per 30 minuti; pulite poi con un panno di lana o di cotone.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come restaurare un mobile colpito dai tarli

Un mobile, soprattutto se antico, è soggetto a essere colpito dai tarli; e per poterlo restaurare occorrono delle tecniche di lavorazione molto particolari. Alcune tipologie di legno, come il faggio, la betulla, il ciliegio e l'abete, sono più soggette...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile di legno

Il restauro di un mobile di legno può sembrare a prima vista un'impresa difficile. In realtà questa operazione è abbastanza semplice, e può essere eseguita anche da persone che sono meno esperte con il metodo del fai da te. Leggendo questa guida ed...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile antico

Ognuno di noi possiede in casa almeno un mobile antiche, magari ereditato da qualche parente, e che si trova in condizioni un po' malconce. Per questo alle volte si necessita di un restauro per poter portare il suddetto mobile ad uno stato decente. Molto...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile con gommalacca

La gommalacca non è altro che una finitura versatile, e si tratta fondamentalmente di una resina in scaglie sciolta in un alcool denaturato che può migliorare il colore naturale del legno. La gommalacca è molto popolare grazie alla sua facilità di...
Ristrutturazione

Come restaurare uno sgabello

Nonostante possa sembrare alquanto difficile, restaurare un vecchio sgabello è un'operazione abbastanza fattibile. È necessario avere un po' di pazienza e, in modo particolare, degli strumenti giusti, per regalare allo sgabello l'originale bellezza...
Ristrutturazione

Come restaurare una madia

Nella guida che seguirà ci occuperemo di mobili e, più specificatamente, di restaurazione di mobili antichi, in quanto andremo a spiegarvi Come restaurare un madia.Molti di voi non conosceranno la madia, ma essa è semplicemente un mobile antico, che...
Ristrutturazione

Come restaurare i mobili in vimini

Se in casa avete dei mobili in vimini che si presentano piuttosto danneggiati e con alcune parti screpolate, potete intervenire con dei restauri appropriati e con dei materiali di facile reperibilità. Il lavoro non è difficile, e richiede soltanto un...
Ristrutturazione

Come restaurare una porta in legno spendendo poco

Se nella vostra casa avete una porta che si presenta particolarmente graffiata e con antiestetiche scheggiature oppure con delle parti mancanti, potete intervenire con un restauro professionale ed utilizzando prodotti di facile reperibilità oltre...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.