Come restaurare un mobile di legno

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il restauro di un mobile di legno può sembrare, a prima vista, un'impresa difficile. In realtà questa operazione è abbastanza semplice e può essere eseguita anche da quelle persone che sono meno esperte con il metodo fai da te. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette indicazioni su come è possibile restaurare un mobile in legno, sfruttando al meglio materiali e tecniche adeguate.

25

Occorrente

  • decapante
  • impregnante
  • gommalacca
  • cera d'api colorata
  • carta vetrata fine e finissima
  • stucco per legno
35

Togliere la vernice

La prima cosa da fare per restaurare un vecchio mobile è quella di togliere tutte le vernici ed i coloranti che sono presenti sulla superficie dello stesso. Per effettuare questa operazione bisogna utilizzare un prodotto chiamato decapante. Sulla confezione del prodotto si possono trovare tutte le informazioni per un corretto utilizzo. In questo modo si possono eliminare tutte le vecchie vernici sfruttando un semplice panno di cotone imbevuto di prodotto decapante. Alla fine di questa fase del lavoro bisogna pulire il mobile con un po' di acquaragia. In alternativa si possono eliminare tutti i residui di prodotti presenti sulla sua superficie con un solvente.

45

Chiudere eventuali tarli

A questo punto si deve osservare il mobile in legno per verificare se ci sono dei tarli. In caso affermativo bisogna eseguire un trattamento specifico per eliminarli. Il prodotto adatto può essere comprato in qualsiasi ferramenta ben fornita. Se ci sono delle screpolature oppure dei buchi bisogna chiuderli utilizzando dello stucco per legno. Per applicare al meglio lo stucco per legno si deve utilizzare una spatola in plastica e lasciare asciugare per circa 2/3 ore. Quando lo stucco è secco bisogna passare la carta vetrata per poter livellare la superficie ed eliminare eventuali sbavature ed imperfezioni che si sono create con l'applicazione dello stucco.

Continua la lettura
55

Applicare impregnante

Adesso è il momento di passare l'impregnante del colore preferito. Per l'applicazione di quest'ultimo si deve utilizzare un pennello di medie dimensioni. È consigliabile dipingere sempre nel senso del legno per non creare delle sbavature o dei segni. Quando la verniciatura è ben asciutta si deve passare un'altra mano di colore per avere un ottimo risultato. Dopo circa 2/3 ore l'impregnante colorato è asciutto ed a questo punto si deve passare la gommalacca sul mobile. Essa permette di fissare il colore, renderlo lucido e proteggerlo. Successivamente si stende un velo di cera e dopo circa due giorni si lucida il mobile con un panno di lana e l'olio di gomito.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come restaurare un mobile in stile shabby chic

La maggior parte dei mobili shabby chic si concentra sui cosiddetti colori 'patrimonio' ​​come i bianchi cremosi, il grigio-bianco, il verde-bianco, il blu uovo e i verdi ma non ci sono regole, in quanto va bene tutto. È possibile usare anche due...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile con gommalacca

La gommalacca non è altro che una finitura versatile, e si tratta fondamentalmente di una resina in scaglie sciolta in un alcool denaturato che può migliorare il colore naturale del legno. La gommalacca è molto popolare grazie alla sua facilità di...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile antico

Ognuno di noi possiede in casa almeno un mobile antiche, magari ereditato da qualche parente, e che si trova in condizioni un po' malconce. Per questo alle volte si necessita di un restauro per poter portare il suddetto mobile ad uno stato decente. Molto...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile in stile provenzale

Se in cantina o in un mercatino dell'antiquariato abbiamo acquistato un mobile antico e nello specifico in stile provenzale, possiamo cimentarci in una fase di restauro senza necessariamente affidarci nelle mani di un esperto del settore. Come vedremo...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile in arte povera

I mobili in arte povera, durante la restaurazione, devono essere trattati in modo tale da conservare sempre la finitura originale. Il modo migliore per farlo è quello di utilizzare una finitura a cera in quanto è molto facile da applicare. Prima di...
Ristrutturazione

Come laccare un mobile in legno

Non tutti sanno che è certamente possibile trasformare totalmente un mobile in legno da restaurare. Si può infatti cambiare completamente il suo stile semplicemente laccandolo. Anche se si tratta di un mobile in legno massello, trasformarlo cambiando...
Ristrutturazione

Come restaurare una porta in legno spendendo poco

Se avete cambiato da poco casa e non vi piacciono proprio quei graffi sulle porte, o magari la vecchia casa di campagna ha bisogno di una buona rinfrescata, o più semplicemente desiderate imparare qualche piccolo trucco per ristrutturare infissi in legno...
Ristrutturazione

Come restaurare mobili di legno rovinati

Non importa se la casa sia arredata con oggetti moderni o etnici in genere qualche pezzo di antiquariato deve esserci. Di fatto questi oggetti hanno valore inestimabile sia per quanto riguarda l'effettivo valore in denaro sia per quanto riguarda il valore...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.