Come restaurare un mobile con gommalacca

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La gommalacca non è altro che una finitura versatile, e si tratta fondamentalmente di una resina in scaglie sciolta in un alcool denaturato che può migliorare il colore naturale del legno. La gommalacca è molto popolare grazie alla sua facilità di applicazione, al basso odore ed all'origine del tutto naturale che la rende non tossica. In questa guida, vedremo come restaurare un mobile utilizzando la gommalacca.

27

Occorrente

  • alcool etilico
  • lanetta di acciaio
  • carta vetrata
  • pennelli
  • gommalacca
  • straccio di lana
  • cera
  • guanti
37

Innanzitutto, per eliminare la vecchia gommalacca già presente, è necessario l'utilizzo di un batuffolo di lanetta d'acciaio imbevuta nell'alcool etilico al 99%, reperibile in qualsiasi farmacia e in tutti i negozi specializzati. Con mano molto leggera, per evitare di scalfire il legno, passate la lanetta con movimenti circolari prima su un lato e via via su tutto il resto del mobile. In alternativa, potrete utilizzare una carta vetrata a grana grossa e dopo aver tolto la vecchia finitura con la carteggiatura, pulite il mobile con un panno pulito per rimuovere polvere e sporcizia. Quando il legno è perfettamente asciutto, procedete alla nuova lucidatura, scegliendo un pennello adatto per il vostro lavoro ed immergendolo nella gommalacca.

47

Può essere applicato con un pennello a setole naturali o una spazzola a setole sintetiche. Successivamente, abbiate cura di far scolare il pennello sul bordo del contenitore, perché il pennello troppo intriso di liquido potrebbe lasciare sul mobile delle antiestetiche colature. Passate una prima mano di gommalacca, facendo applicazioni lunghe e regolari e seguendo la venatura del legno al fine di garantire un'applicazione uniforme. La gommalacca si asciuga molto velocemente, quindi è importante lavorare in modo rapido ed efficiente. Arrivati a questo punto, lasciate che la prima mano di gommalacca asciughi completamente e ciò può richiedere una mezz'ora.

Continua la lettura
57

In seguito, carteggiate leggermente la finitura con una carta vetrata a grana fine per prepararlo alla prossima mano di gommalacca. Procedete con la mano successiva così come avete fatto prima, facendo attenzione ad effettuare applicazioni regolari. Quando anche la seconda mano è perfettamente asciutta, potrete ripetere la carteggiatura e dare al mobiletto l'ultimo completamento, stendendo sulla sua superficie un sottile strato di cera, disponibile nei colorifici. Infine, lasciate riposare la cera per ventiquattro ore e con molta energia lucidate il mobile con un panno di lana. Buon lavoro!

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come restaurare un mobile colpito dai tarli

Un mobile, soprattutto se antico, è soggetto a essere colpito dai tarli; e per poterlo restaurare occorrono delle tecniche di lavorazione molto particolari. Alcune tipologie di legno, come il faggio, la betulla, il ciliegio e l'abete, sono più soggette...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile antico

Ognuno di noi possiede in casa almeno un mobile antiche, magari ereditato da qualche parente, e che si trova in condizioni un po' malconce. Per questo alle volte si necessita di un restauro per poter portare il suddetto mobile ad uno stato decente. Molto...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile in arte povera

I mobili in arte povera, durante la restaurazione, devono essere trattati in modo tale da conservare sempre la finitura originale. Il modo migliore per farlo è quello di utilizzare una finitura a cera in quanto è molto facile da applicare. Prima di...
Ristrutturazione

Come restaurare un portone antico

Chiunque abbia mai posseduto o amato un antico portone sa che la sua bellezza e unicità non è paragonabile a quelli moderni. Proprio per la sua unicità nel suo genere, le opzioni a disposizione per poterlo restaurare sono molto poche in quanto molti...
Ristrutturazione

Come restaurare uno sgabello

Nonostante possa sembrare alquanto difficile, restaurare un vecchio sgabello è un'operazione abbastanza fattibile. È necessario avere un po' di pazienza e, in modo particolare, degli strumenti giusti, per regalare allo sgabello l'originale bellezza...
Ristrutturazione

Come restaurare una madia

Nella guida che seguirà ci occuperemo di mobili e, più specificatamente, di restaurazione di mobili antichi, in quanto andremo a spiegarvi Come restaurare un madia.Molti di voi non conosceranno la madia, ma essa è semplicemente un mobile antico, che...
Ristrutturazione

Come restaurare i mobili in vimini

Se in casa avete dei mobili in vimini che si presentano piuttosto danneggiati e con alcune parti screpolate, potete intervenire con dei restauri appropriati e con dei materiali di facile reperibilità. Il lavoro non è difficile, e richiede soltanto un...
Ristrutturazione

Come restaurare una porta in legno spendendo poco

Se nella vostra casa avete una porta che si presenta particolarmente graffiata e con antiestetiche scheggiature oppure con delle parti mancanti, potete intervenire con un restauro professionale ed utilizzando prodotti di facile reperibilità oltre...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.