Come restaurare un intonaco antico

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L’intonaco è una parte integrante di ogni edificio; esso può essere antico oppure moderno. In entrambi i casi deve essere salvaguardato in quanto ha la funzione di proteggere la muratura dagli agenti atmosferici. Per questo motivo è importante restaurare gli intonaci degli edifici antichi. Gli intonaci di qualche tempo fa erano molto resistenti e durevoli; infatti essi hanno ancora oggi un buono stato di conservazione. In questa breve guida illustrerò dettagliatamente come restaurare un intonaco antico in pochi e semplici passi, perciò suggerisco di continuare a leggere questo breve articolo per scoprire come fare. Attenzione: questa è una guida redatta a solo scopo informativo, pertanto non mi assumo alcuna responsabilità dell'uso che se ne farà.

25

Caratteristiche dei vecchi intonaci

Gli intonaci antichi erano fatti con grassello di calce impastato con sabbia, polvere di marmo o laterizio. Essi a volte contenevano paglia, peli di maiale, caglio o uova. La messa in opera era fatta con uno strato di malte grossolane e con impasti di sabbia fine. L’utilizzo sempre meno frequente di grassello ha ridotto la qualità degli intonaci e di conseguenza essi hanno minore durata; inoltre sono stati sostituiti nel tempo con intonaci a base di cemento. Più rigidi, meno traspiranti e soggetti alla produzione di sali e a distaccamenti.

35

Verificare lo stato dell'intonaco

Prima di restaurare un intonaco antico è fondamentale fare delle indagini per verificare se aderisce perfettamente con la superficie muraria. Per fare questa operazione bisogna utilizzare la tecnica della battitura. In base al tipo di suono che produce la percussione è possibile capire se l’intonaco è ancora aderente o meno alla muratura. Se notiamo delle zone distaccate possiamo intervenire con micro iniezioni di malta idraulica liquida; cioè facendo dei fori con un trapano con una punta molto sottile.

Continua la lettura
45

Realizzare delle poste

Se occorre rifare l’intero intonaco le attuali tecniche di posa prevedono la realizzazione delle poste; cioè delle fasce di intonaco della larghezza di 5/10 centimetri, distanti un metro e mezzo l’una dall'altra. Mediante queste fasce la stesura dell’intonaco avviene in maniera omogenea e liscia. Questo procedimento non è adatto quando le murature sono antiche. Negli anni passati la stesura dell’intonaco avveniva senza poste e con strumenti analoghi al frattazzo. Il risultato era quello di ottenere superfici meno rigide. Per questo se dobbiamo rifare l’intonaco di un edificio antico è opportuno realizzarlo senza guide. In questo modo conformiamo l'intonaco nuovo a quello originale ed evitiamo le superfici irregolari. È importante tener presente che gli intonaci antichi erano a base di calce aerea e non di cemento. La calce aerea è “idrata” o “spenta”; cioè è costituita per la maggior parte da idrossido di calcio. Si utilizza specialmente per realizzare malte, intonaci e finiture architettoniche ed è venduta in polvere o in pasta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Esterni

Come restaurare un tavolino da giardino

Se nel nostro giardino abbiamo un tavolino che risulta visibilmente danneggiato a causa dell'esposizione costante alle intemperie, e che non intendiamo però sostituire per un fattore legato al design impostato, allora possiamo intervenire con delle...
Esterni

Come restaurare i mobili da giardino

I mobili da giardino sono soggetti a pioggia, sole, caldo, umidità e forti cambi di temperatura ed è per questo motivo che possono fare in fretta a rovinarsi. Oltre a prestare attenzione alle intemperie (portandoli magari in garage nei periodi di disuso...
Esterni

Come lastricare un portico

Se avete una casa rurale con annesso un portico che intendete restaurare, potete farlo posando delle piastrelle di vario genere come ad esempio in pietra naturale o con dei mattoni. Il lavoro non è difficile, e richiede soltanto l'utilizzo di alcuni...
Esterni

Come Riparare Un Muretto E Trattarlo

Un detto antico diceva che chi fa da sè, fa per tre e, mai come in questi tempi in cui sapere cavarsela da soli è importante anche per risparmiare, è valido. Questa guida vuole dare istruzioni e piccoli consigli per imparare come riparare un muretto...
Esterni

Come applicare una vernice idrorepellente

La vernice idrorepellente è un particolare tipo di pittura da applicare per combattere l'umidità che si deposita sui muri. In questo modo preveniamo il distacco della tinteggiatura anche in quegli ambienti particolarmente umidi e dove si forma della...
Esterni

Come creare un tavolino da giardino con i sassolini comuni

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori a capire come poter creare un tavolino, da giardino, con l'utilizzo di sassolini comuni. Grazie al metodo del fai da te, saremo in grado di creare tutto ciò che desideriamo e grazie ad esso,...
Esterni

Come sostituire un mattone rotto

Dovete sostituire un mattone rotto e state pensando di risparmiare effettuando l'operazione con le vostre mani? Se temete che tale intervento possa risultare piuttosto complicato da eseguire, probabilmente state sbagliando: se disponete di una certa manualità...
Esterni

Come ridipingere le grondaie

Solitamente, a causa delle intemperie, delle piogge e della grandine, le mura esterne della casa tendono a logorarsi. Ciò si nota particolarmente sulle vernici e sull'intonaco. Ma anche le grondaie subiscono qualche danno. In base al materiale che le...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.