Come restaurare lo stucco veneziano

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

lo stucco veneziano ovvero una miscellanea di vernici nella tonalità pastello, è il fiore all'occhiello della tradizione artistica e pittorica della città lagunare. Un parete rifinita con dello stucco antico, può essere costantemente restaurata, purché si adottino delle tecniche adeguate. In riferimento a ciò ecco una guida su come procedere per restaurare lo stucco veneziano.

26

Occorrente

  • Stucco murale bianco e rosa
  • Spatola
  • Spugna
  • Rullo liscio
  • Carta abrasiva
  • Compressore
  • Flatting
36

Una parete a stucco veneziano tinteggiata in origine di rosa pallido e con evidenti e volute chiazze di bianco che fungono da eleganti sfumature, può essere ripristinata se si presenta deteriorata in più punti. Per massimizzare il risultato abbiamo dunque bisogno di alcuni semplici ma importanti attrezzi, e di utilizzare delle tecniche di tinteggiatura con la spugna, tali da pulire la parete, ma senza tuttavia eliminare lo strato sottostante di vernice, ed inoltre ideale per impedire che le parti restaurate diventino visibili ad occhio nudo e quindi antiestetiche.

46

Se dunque la parete si presenta con delle crepe, allora la prima operazione da fare è di utilizzare una spatola a lama molto molto sottile, e riempirle con del nuovo stucco. A questo punto con un panno pulito è necessario eliminare i contorni superflui prima che lo stucco si essicchi del tutto. Una successiva fase di carteggio, mirata proprio nei punti dove vi era la crepa, serve a rendere la superficie uniforme. Per compattarla definitivamente e non far notare un restauro, il trucco consiste tuttavia nell'utilizzare una spugna (meglio se di mare) non abrasiva, in modo da poter applicare il nuovo colore della stessa tonalità (rosa o bianco), facendo con la mano dei movimenti circolari. Con questa tecnica si evitano le antiestetiche striature rilasciate dai pennelli. Anche un rullo con il peluche liscio e di buona qualità è un ottimo attrezzo per il ripristino del colore originale di una parete tinteggiata in precedenza con dello stucco veneziano. Nel passo successivo vediamo invece come procedere se al posto della crepa troviamo una buona fetta di intonaco completamente da rifare.

Continua la lettura
56

In questi frangenti il consiglio è di controllare se la zona conteneva più rosa o bianco e regolarci poi di conseguenza e colorare lo stucco in una tonalità prossima a quella originale. L'applicazione con spugna o rullo e una fase successiva di carteggio sono in grado alla fine di regalarci una parete di nuovo perfetta e che può diventare anche ludica. In quest'ultimo caso basta infatti, utilizzare del flatting e spruzzarlo con un compressore in modo da ottenere una superficie perfetta senza antiestetiche colature e bolle.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come applicare lo stucco veneziano sui mattoni

La chiave per l'uso dello stucco veneziano sta principalmente nell'applicare degli strati sottili, creando così l'impressione di profondità e lucentezza simile a quella del marmo. Questa tecnica richiede non solo una speciale applicazione dell'intonaco,...
Ristrutturazione

Come rimuovere lo stucco veneziano cerato

Se avete appena preso casa e notate che le pareti trattate con dello stucco veneziano cerato sono malridotte, prima di provvedere ad una nuova tinteggiatura o usare della carta da parati, è importante rimuovere la suddetta sostanza, poiché non è in...
Ristrutturazione

Come realizzare uno stucco veneziano

A causa della crisi spesso ci si deve privare di tantissime cose ma grazie ai materiali fai-da-te sempre meno costosi e ad Internet che contiene milioni di guide su ogni cosa, in molti si cimentano a costruire da sé oggetti che è impossibile creare,...
Ristrutturazione

Come decorare le pareti con stucco colorato

Per vivacizzare le stanze e donare loro un nuovo aspetto che regali comfort e serenità, si può pensare di decorare le pareti con dello stucco colorato. In questo progetto decorativo la calda sfumatura color terracotta dell'intonaco fresco è permeata...
Ristrutturazione

Come si utilizza lo stucco francese

Nella guida che segue vi sarà spiegato come si utilizza lo stucco francese, una tipologia davvero originale. Questa pasta è molto semplice da applicare perché non c'è bisogno di miscelare alcun ingrediente ed è di facile stesura. Potete acquistarla...
Ristrutturazione

Come realizzare lo stucco fluido per pavimenti in legno

Per evitare il problema delle infiltrazioni di acqua nelle fessure del pavimento e la conseguente formazione della muffa nera, in edilizia si usa lo stucco, che è un impasto fatto con gesso calce o cemento. Alcuni tipi di stucco possono, però, causare...
Ristrutturazione

Come rimuovere lo stucco epossidico dalle piastrelle

Se avete appena rifinito le piastrelle con dello stucco epossidico ed intendete eliminare quello in eccesso che si è indurito, potere farlo senza danneggiare la superficie e nel contempo in modo semplice e veloce. In riferimento a ciò, nei passi successivi...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile colpito dai tarli

Un mobile, soprattutto se antico, è soggetto a essere colpito dai tarli; e per poterlo restaurare occorrono delle tecniche di lavorazione molto particolari. Alcune tipologie di legno, come il faggio, la betulla, il ciliegio e l'abete, sono più soggette...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.