Come restaurare i mobili in vimini

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se in casa avete dei mobili in vimini che si presentano piuttosto danneggiati e con alcune parti screpolate, potete intervenire con dei restauri appropriati e con dei materiali di facile reperibilità. Il lavoro non è difficile, e richiede soltanto un po' di tempo a disposizione ed un minimo di capacità nel bricolage. A tale proposito, ecco una guida con alcuni consigli su come restaurare i mobili in vimini.

26

Occorrente

  • Tela abrasiva a grana doppia e sottile
  • Stucco per legno
  • Spatola
  • Pennello a setole morbide
  • Vernice acrilica
  • Talco
36

Carteggiare la superficie del mobile

Se il mobile in vimini da restaurare è ad esempio una cassettiera, la prima operazione da eseguire consiste nel carteggiare la superficie con della tela abrasiva a grana doppia se si presenta con evidenti solchi e scanalature, oppure con quella più sottile se invece ci sono soltanto dei lievi graffi. In entrambi i casi, l'abrasione consente di rimuovere la vernice protettiva che in genere viene utilizzata per questi manufatti.

46

Utilizzare lo stucco per il legno

Una volta che la superficie del mobile in vimini si presenta liscia e setosa, si può procedere con il restauro di eventuali parti mancanti o che presentano degli antiestetici e profondi solchi. Per questo lavoro conviene utilizzare lo stucco per il legno, aggiungendovi eventualmente anche alcune gocce di madretinta in modo che una volta essiccato assuma lo stesso colore della struttura in vimini. L'applicazione va fatta con una spatola, e subito dopo conviene usare uno straccetto bagnato allo scopo di levigare la parte interessata dal restauro, e nel contempo eliminare lo stucco in eccesso. Una volta atteso il tempo necessario per l'essiccazione, si usa della tela abrasiva a grana sottile per uniformare la superficie trattata. A questo punto nel passo successivo, ci sono le istruzioni su come procedere per ottimizzare il risultato.

Continua la lettura
56

Procedere con la finitura

Dopo aver completata la fase di restauro del mobile in vimini, si può procedere con la finitura scegliendo il materiale adatto. In genere questi tipi di manufatti, vengono tinteggiati con vernici acriliche ma anche con del flatting trasparente se si preferisce mantenere intatto il colore naturale del vimini tendente al giallastro. In entrambi i casi, è necessario utilizzare un pennello con setole morbide di buona qualità e procedere sempre in un senso per evitare antiestetiche striature. A margine va aggiunto che poco prima dell'essiccazione della vernice, conviene strofinare sul mobile in vimini del talco con il palmo delle mani per eliminare eventuali granuli ed ottenere la superficie perfettamente lucida e levigata.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come Restaurare I Piedi A Cipolla Di Mobili

I piedi a cipolla sono una caratteristica tipica dei mobili antichi. La loro forma affusolata ed elegante li rende perfetti per dare un tocco in più anche ai mobili in stile moderno. Se avete la fortuna di possedere un mobile antico, magari un vecchio...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile colpito dai tarli

Un mobile, soprattutto se antico, è soggetto a essere colpito dai tarli; e per poterlo restaurare occorrono delle tecniche di lavorazione molto particolari. Alcune tipologie di legno, come il faggio, la betulla, il ciliegio e l'abete, sono più soggette...
Ristrutturazione

Come restaurare una madia

Nella guida che seguirà ci occuperemo di mobili e, più specificatamente, di restaurazione di mobili antichi, in quanto andremo a spiegarvi Come restaurare un madia.Molti di voi non conosceranno la madia, ma essa è semplicemente un mobile antico, che...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile in arte povera

I mobili in arte povera, durante la restaurazione, devono essere trattati in modo tale da conservare sempre la finitura originale. Il modo migliore per farlo è quello di utilizzare una finitura a cera in quanto è molto facile da applicare. Prima di...
Ristrutturazione

Come restaurare il parquet

Un pavimento in parquet ben curato dura per generazioni, e può fare la differenza per quanto riguarda l'estetica dell'intera casa. Dunque, se il parquet sembra avere un aspetto opaco, oppure se recentemente sono stati spostati i mobili e la superficie...
Ristrutturazione

Come restaurare uno sgabello

Nonostante possa sembrare alquanto difficile, restaurare un vecchio sgabello è un'operazione abbastanza fattibile. È necessario avere un po' di pazienza e, in modo particolare, degli strumenti giusti, per regalare allo sgabello l'originale bellezza...
Ristrutturazione

Come restaurare un portone antico

Chiunque abbia mai posseduto o amato un antico portone sa che la sua bellezza e unicità non è paragonabile a quelli moderni. Proprio per la sua unicità nel suo genere, le opzioni a disposizione per poterlo restaurare sono molto poche in quanto molti...
Ristrutturazione

Come restaurare una porta esterna o un portale di legno

Quando una porta esterna o un portale di legno comincia ad essere danneggiato a causa delle intemperie e magari presenta anche dei buchi, non occorre necessariamente provvedere immediatamente alla sua sostituzione: con un po' di tempo e di energia, è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.