Come Restaurare I Davanzali Rovinati

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Capita molto spesso che i davanzali delle finestre imputridiscano perché l'umidità si infiltra sotto il rivestimento. Poi sono tanti gli agenti atmosferici che peggiorano le condizioni e lo stato del nostro davanzale, che se non viene protetto e restaurato tenderà a rovinarsi sempre di più, dando vita anche a cedimenti molto pericolosi.
Vediamo allora come intervenire su i davanzali rovinati, tentando di restaurare il tutto con le nostre mani.

26

Occorrente

  • punteruolo o spiedino
  • taglierino o martello piccolo
  • prodotto fungicida o candeggina
  • mastice da legno
  • spatola o coltellino
  • preservante chimico trasparente
  • olio di lino
  • vernice
  • guanti e mascherina
36

La cura e l'attenzione per la nostra casa si dimostra anche dai i piccoli dettagli. Poi, in realtà, le finestre e i davanzali sono fondamentali nell'estetica del nostro palazzo. Per questo bisognerebbe sempre avere il giusto riguardo e un'attenzione particolare. Se sarà necessario possiamo sempre intervenire con piccoli lavori di manutenzione, che magari possiamo fare personalmente risparmiando su eventuali costi.

Per scoprire se nei nostri davanzali c'è qualcosa di marcio, dovremmo sondare il legno nei punti in cui hanno perso la finitura, usando un piccolo punteruolo o uno spiedino. Quindi conficchiamolo nella zona spoglia, se entra facilmente, allora il davanzale soffre di putrescenza secca. Mentre se questo fosse in buone condizioni, il legno non penetrerebbe il legno.

46

Ora, se non è marcio, bisognerà provvedere in fretta a riverniciarlo, prima che si rovini.
Per riparare le zone marce iniziamo le operazioni frantumando e rimuovendo la zona marcia con un taglierino o un piccolo scalpello. Accertiamoci poi bene di togliere tutto il legno imputridito.

Quindi eliminiamo eventuali funghi che provocano il marciume usando un prodotto fungicida, oppure versiamo della candeggina, se la superficie è piatta.
Adesso, riempiamo il rappezzo di mastice da legno. Se la cavità è profonda, facciamolo a più riprese, aspettando qualche minuto tra un'applicazione e l'altra.

Assicuriamoci poi che il mastice penetri in ogni crepa. Fatto ciò, possiamo passare ad uniformare il rappezzo con la spatola o un coltellino.

Continua la lettura
56

A questo punto dovremmo passare ad applicare un preservante chimico trasparente, seguendo le dovute precauzioni, ovvero utilizzando guanti e una mascherina.
Poi aspettiamo ventiquattro ore e rivestiamo il rappezzo con olio di lino. Questo impedirà al mastice di seccarsi troppo. Una volta asciutto, diamo una mano di fondo, quindi dipingiamo e rifiniamo il davanzale con un colore che si armonizzi con il telaio della nostra finestra. E il gioco è fatto.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Usiamo le dovute precauzioni per la manutenzione.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come restaurare un mobile colpito dai tarli

Un mobile, soprattutto se antico, è soggetto a essere colpito dai tarli; e per poterlo restaurare occorrono delle tecniche di lavorazione molto particolari. Alcune tipologie di legno, come il faggio, la betulla, il ciliegio e l'abete, sono più soggette...
Ristrutturazione

Come restaurare una sedia del 700

Il restauro è un'attività che riesce a valorizzare dei beni antichi rendendoli nuovamente utilizzabili e non esclusivamente limitandoli a meri oggetti da collezione. Nella guida che svilupperemo, ci concentreremo nella restaurazione delle sedie e, nello...
Ristrutturazione

Come restaurare uno sgabello

Nonostante possa sembrare alquanto difficile, restaurare un vecchio sgabello è un'operazione abbastanza fattibile. È necessario avere un po' di pazienza e, in modo particolare, degli strumenti giusti, per regalare allo sgabello l'originale bellezza...
Ristrutturazione

Come restaurare un portone antico

Chiunque abbia mai posseduto o amato un antico portone sa che la sua bellezza e unicità non è paragonabile a quelli moderni. Proprio per la sua unicità nel suo genere, le opzioni a disposizione per poterlo restaurare sono molto poche in quanto molti...
Ristrutturazione

Come restaurare una porta esterna o un portale di legno

Quando una porta esterna o un portale di legno comincia ad essere danneggiato a causa delle intemperie e magari presenta anche dei buchi, non occorre necessariamente provvedere immediatamente alla sua sostituzione: con un po' di tempo e di energia, è...
Ristrutturazione

Come restaurare una porta impiallacciata

Quando si pensa alla ristrutturazione di una casa o all'arredamento di un'abitazione, è indispensabile pensare alle cose basilari che possono dare uno ostile ad una casa ovvero i pavimenti, le pareti e le porte. Questi tre elementi già da soli, riescono...
Ristrutturazione

Come restaurare un tavolo di vetro

I tavoli di vetro sono in genere molto resistenti, oltre che belli. Il vetro utilizzato per costruire un tavolo è temperato, il che significa che viene trattato chimicamente per sopportare una maggior quantità di peso rispetto al vetro ordinario. Controllato...
Ristrutturazione

Come restaurare le porte di casa

Tra i vari lavori che periodicamente devono essere svolti all'interno di una casa, uno dei più temuti e, probabilmente, quello più rimandato, è la manutenzione delle porte di casa. Queste ultime, dopo anni di intenso utilizzo, finiscono per essere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.