Come restaurare con la gommalacca

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Il restauro di un tavolo o di un mobile antico è un'operazione abbastanza delicata. Per poter ottenere dei risultati soddisfacenti da un restauro bisogna avere molta pazienza e seguire dettagliatamente le indicazioni utili per non intaccare il materiale di base. Il legno, soprattutto dopo molti anni, ha bisogno di cure e di ringiovanimento. Leggendo questo tutorial si possono avere delle informazioni e dei consigli su come procedere per restaurare un tavolo pregiato, utilizzando la gommalacca.

24

La prima cosa da fare è quella di esaminare la superficie sulla quale si deve operare. Se si decide di intervenire su un mobile nuovo dal restauro si ottiene una finitura anticata con maggiore resistenza. Mentre se l'oggetto del lavoro è un mobile antico questo procedimento dà la possibilità di eseguire un vero e proprio restauro. La prima fase del lavoro consiste nella preparazione della superficie che si deve trattare. All'inizio bisogna passare sul tavolo uno straccio imbevuto con alcool e successivamente si deve eseguire un lavoro di levigatura utilizzando della carta abrasiva. Durante questa operazione si deve avere come punto di riferimento la venatura del legno.

34

Dopo che sono state effettuate queste prime operazioni bisogna applicare l'olio di vaselina. Bisogna utilizzare uno straccio per sfregare tutta la superficie; i movimenti devono essere energici e si devono coprire tutti i pori che sono presenti nel legno. A questo punto è consigliabile fare asciugare il legno per almeno 12 ore. Trascorso questo periodo di tempo bisogna passare un tampone formato da batuffoli di cotone impregnati di alcool e ricoperti da un telo di lino su tutta la superficie, formando dei cerchi.

Continua la lettura
44

Un ruolo fondamentale nell'opera di restauro lo svolge la gommalacca. Per poterla applicare si deve utilizzare un pennello piatto a peli morbidi. È consigliabile stendere uno strato molto sottile con movimenti circolari e leggeri; non bisogna mai passare più di una volta sullo stesso punto e si deve mantenere sempre il verso della venatura del legno. A questo punto si fa asciugare la gommalacca per 2/3 giorni; se il risultato non è di proprio gradimento è opportuno ripassare una seconda volta sul legno. Se invece si è soddisfatti del risultato non bisogna far altro che lucidare la superficie con un tampone inumidito di alcool. Il completamento del restauro rende la persona orgogliosa dei propri mobili in legno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come restaurare una sedia del 700

Il restauro è un'attività che riesce a valorizzare dei beni antichi rendendoli nuovamente utilizzabili e non esclusivamente limitandoli a meri oggetti da collezione. Nella guida che svilupperemo, ci concentreremo nella restaurazione delle sedie e, nello...
Ristrutturazione

Come restaurare un portone antico

Chiunque abbia mai posseduto o amato un antico portone sa che la sua bellezza e unicità non è paragonabile a quelli moderni. Proprio per la sua unicità nel suo genere, le opzioni a disposizione per poterlo restaurare sono molto poche in quanto molti...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile di legno

Il restauro di un mobile di legno può sembrare, a prima vista, un'impresa difficile. In realtà questa operazione è abbastanza semplice e può essere eseguita anche da quelle persone che sono meno esperte con il metodo fai da te. Leggendo questo tutorial...
Ristrutturazione

Come restaurare un mobile colpito dai tarli

Un mobile, soprattutto se antico, è soggetto a essere colpito dai tarli; e per poterlo restaurare occorrono delle tecniche di lavorazione molto particolari. Alcune tipologie di legno, come il faggio, la betulla, il ciliegio e l'abete, sono più soggette...
Ristrutturazione

Come restaurare uno sgabello

Nonostante possa sembrare alquanto difficile, restaurare un vecchio sgabello è un'operazione abbastanza fattibile. È necessario avere un po' di pazienza e, in modo particolare, degli strumenti giusti, per regalare allo sgabello l'originale bellezza...
Ristrutturazione

Come restaurare una porta esterna o un portale di legno

Quando una porta esterna o un portale di legno comincia ad essere danneggiato a causa delle intemperie e magari presenta anche dei buchi, non occorre necessariamente provvedere immediatamente alla sua sostituzione: con un po' di tempo e di energia, è...
Ristrutturazione

Come restaurare una porta impiallacciata

Quando si pensa alla ristrutturazione di una casa o all'arredamento di un'abitazione, è indispensabile pensare alle cose basilari che possono dare uno ostile ad una casa ovvero i pavimenti, le pareti e le porte. Questi tre elementi già da soli, riescono...
Ristrutturazione

Come restaurare un tavolo di vetro

I tavoli di vetro sono in genere molto resistenti, oltre che belli. Il vetro utilizzato per costruire un tavolo è temperato, il che significa che viene trattato chimicamente per sopportare una maggior quantità di peso rispetto al vetro ordinario. Controllato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.