Come regolare il riscaldamento a pavimento

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Se nella nostra casa abbiamo intenzione di installare un sistema di riscaldamento a pavimento, detto comunemente "radiante", dobbiamo sapere che ci sono delle periodiche regolazioni da fare, e che servono ad ottimizzare la temperatura, rendendola calda, confortevole e soprattutto senza eccessi, in quanto potrebbe causare problemi alla salute. In riferimento a ciò, ecco una guida in cui troviamo una serie di consigli, su come regolare il riscaldamento a pavimento.

24

Un tipologia di impianto a pavimento è molto diversa da quella con i tradizionali radiatori, e pertanto anche la gestione compresa la regolazione della temperatura avviene in un modo inusuale e poco conosciuto, salvo da chi già lo possiede da molti anni. Nei passi successivi, vediamo dunque come procedere per capire ed agire in modo corretto.

34

Con un impianto di riscaldamento a pavimento, il calore viene erogato in modo uniforme su tutta la superficie, minimizzando la differenza tra la temperatura del pavimento stesso e quella dell’aria, cosa che invece è ben distinta ad esempio quando ci sono dei radiatori in ghisa. Un impianto di riscaldamento a pavimento, tra l’altro consente di mantenere la temperatura a circa 29°, ottimale per non arrecare danni alla salute. L’acqua che circola nelle piccole condotte sotto alla pavimentazione, e che arriva ad esempio da una caldaia a gas, viene preventivamente termoregolata grazie a delle serpentine, che trasmettono poi il calore all’ambiente per induzione, e quindi ideale per distribuirlo in modo uniforme. Anche per gli impianti di riscaldamento di questa tipologia, ci sono degli strumenti aggiuntivi che consentono di programmare e soprattutto regolare il calore.

Continua la lettura
44

Il termostato questo è il nome dello strumento in oggetto, ci consente quindi di impostare la temperatura come meglio crediamo, e soprattutto di programmare l’accensione magari un’ora prima che facciamo rientro a casa. Il corretto funzionamento per quanto riguarda invece la temperatura, esige che lo strumento venga impostato durante tutto l’arco della giornata sui 20°, nel pieno rispetto delle normative vigenti. La notte il termostato in automatico, deve invece abbassarla di almeno tre gradi, quindi portarla a 17. A riguardo di quest’ultima caratteristica è doveroso sottolineare che il tempo stimato per un termostato per ridurre la temperatura dai 20 gradi ai suddetti 17 impiega circa tre ore, quindi il tutto sta nelle mani degli utenti che possono diminuire o aumentare i tempi, in base alle proprie esigenze e al grado di freddo di determinati giorni dell’anno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come per regolare il flusso d'acqua di un riscaldamento a battiscopa

Sono moltissime le tipologie di riscaldamento che possono essere installate all'interno di un'abitazione. Il riscaldamento a battiscopa ad esempio, fa parte dei sistemi radianti, proprio come il riscaldamento che viene solitamente installato sulle pareti...
Economia Domestica

Come ottimizzare il riscaldamento a pavimento

Il sistema di riscaldamento è stato, nel corso degli anni, incredibilmente migliorato ed innovato per sfruttare al massimo la sua importantissima capacità di funzionamento. Ovviamente, se si vuole vivere nella stagione invernale in un ambiente accogliente...
Economia Domestica

Vantaggi e svantaggi del riscaldamento a pavimento

I pannelli radianti costituiscono un sistema in grado di riscaldare una superficie (come il pavimento), mediante tubature posizionate al di sotto. Nonostante la loro temperatura bassa, quest'ultime riescono a fornire calore all'ambiente da riscaldare....
Economia Domestica

Come risparmiare soldi con il riscaldamento elettrico

Il riscaldamento è certamente uno dei bisogni di cui necessitiamo durante l'inverno, ma spesso le bollette che giungono a casa sono salate e proibitive, per questo bisogna trovare un modo per risparmiare sul riscaldamento. In questa guida illustrerò...
Economia Domestica

Come eliminare l'aria in un impianto di riscaldamento

Per avere una maggiore efficienza energetica, le nostre abitazioni necessitano di costante manutenzione. L'impianto di riscaldamento viene utilizzato per lunghi periodi, ogni anno. L'utilizzo comporta l'accumulo di aria nelle condotte. Essa, espandendosi...
Economia Domestica

Riscaldamento autonomo o centralizzato: il più conveniente

Il riscaldamento è da sempre uno degli elementi di maggior comfort per la casa. Nessuna delle regioni del nostro paese sfugge alla temperatura rigida dell'inverno ed è quindi una necessità per tutti provvedere a riscaldare l'interno della propria abitazione....
Economia Domestica

Vantaggi e svantaggi del riscaldamento a battiscopa

Se la tua abitazione non è dotata di un sistema di riscaldamento centrale, mantenerla adeguatamente calda durante i mesi invernali potrebbe richiedere l'uso di soluzioni supplementari, tra cui l'innovativo riscaldamento a battiscopa. I caloriferi tradizionali...
Economia Domestica

Come regolare la caldaia per risparmiare

Il risparmio energetico è di fondamentale importanza, per gestire il proprio budget economico a disposizione. Il modo migliore per farlo nel periodo invernale, è di regolare a puntino la caldaia. A tale proposito in questa guida ci sono i suggerimenti,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.