Come realizzare un mobile cantina con una botte

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Nel XIII secolo, i Celti svilupparono le botti di legno con la finalità di trasportare le merci in giro per l'Europa. Oggi, queste botti vengono utilizzate principalmente per la conservazione di vini e liquori. Con una piccola dose di lavoro e creatività, questi oggetti possono essere trasformati in sedie, tavoli e mobili dando così un tocco particolare ed interessante alla cantina. Di seguito troverete delle indicazioni su come realizzare un mobile con una botte.

28

Occorrente

  • Carta vetrata 120-150
  • Carta vetrata 180-200
  • Panno umido
  • Vernice trasparente
  • Chiodi di 8 centimetri
  • Matello
38

Prendete una botte di 60 litri (in quanto meno costosa), possibilmente in buone condizioni e non usurata nel tempo. Dopo averla lavata sia all'interno che all'esterno con acqua e sapone caldo, lasciatela asciugare completamente. Togliete i rivetti che servono per fissare le doghe e, dunque, fate scorrere le doghe delle botti in modo tale da metterle insieme ai rivetti. Dopo questa operazione annotate precisamente le misure del mobile che intendete ricavare, per poi segnarle sulle doghe con un pennarello nero.

48

Il secondo passo consiste nel levigare con carta vetrata a grana 120/150, passando ad una levigatura più fine (180/200). Dopo aver rimosso i residui della levigatura con una spugnetta, assicuratevi che non vi siano tracce di polvere.

Continua la lettura
58

Ora applicate una passata di vernice trasparente per coprire così eventuali macchie e dare al legno un tocco di lucidità. Attendete che si asciughi e se eventualmente dovesse essere necessario, applicate un seconda passata.

68

A questo punto, levigate il metallo delle doghe con una carta vetrata a grana grossa, rimuovendo ogni traccia di polvere con un panno umido e dipingete le doghe con un colore a scelta. Successivamente unite insieme le doghe con dei nuovi rivetti possibilmente verniciati dello stesso colore.

78

Le doghe, una volta unite, formeranno delle vere e proprie lastre, i cui bordi dovranno essere levigati con della carta abrasiva a grana 120 -150. Rimuovete ogni traccia di polvere dal legno con una spugna o un panno umido. Utilizzate un pennello per applicare una mano di vernice ai bordi superiori e inferiori e al di fuori del legno; lasciare asciugare completamente.

88

Posizionate la lastre su un banco di lavoro e, con l'uso di un martello e dei chiodi di 8 centimetri di lunghezza, potrete realizzare finalmente un mobile con il legno della botte. Se dovessero avanzare delle doghe, le potrete riutilizzare per costruire sgabelli o piccole sedie, o semplicemente delle mensole dove riporre gli oggetti della cantina.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

Come arredare la cantina in stile natalizio

Il natale si avvicina, e con esso la magica atmosfera che gli è propria. Le case prendono nuova vita e vengono addobbate con nuove e vecchie decorazioni. Per respirare appieno il clima natalizio, ogni stanza può essere addobbata in modo di verso. E...
Arredamento

Come organizzare al meglio lo spazio in cantina

La cantina è un locale normalmente interrato o seminterrato, dove vengono riposti gli oggetti che non vengono utilizzati quotidianamente. Inoltre, essendo solitamente un ambiente dove non entra molta luce, si possono conservare anche alcuni liquidi come...
Arredamento

Come arredare e decorare la cantina

La cantina rappresenta, nell'immaginario collettivo, un luogo triste e lugubre dove vengono usualmente abbandonati e ammassati, nel corso degli anni, oggetti inutilizzati o ritenuti ingombranti. Tali oggetti accatastati malamente e non adeguatamente protetti,...
Arredamento

Come disporre il vino in cantina

Il vino è senza dubbio uno degli elementi fondamentali nell'alimentazione di quasi tutti gli italiani. Infatti, sono molti coloro che possiedono vigneti e producono vini in casa propria, e sono in molti anche coloro che ne sono appassionati e ne hanno...
Arredamento

Come organizzare la cantina

La cantina è un locale annesso all'appartamento che di solito è di piccole dimensioni ed è ubicato nella parte inferiore dell'immobile cioè nel seminterrato. Quando si acquista un'abitazione se c'è compresa la cantina e magari anche il solaio la...
Arredamento

Come realizzare un mobile libreria

Capita molto spesso di considerare l'arredamento di casa propria abbastanza noioso, ciò accade principalmente quando la monotonia prende il sopravvento. Uno dei componenti di arredo più originali è sicuramente il mobile libreria. In tale realizzazione...
Arredamento

Come progettare una lavanderia in cantina

La lavatrice occupa molto spazio e risulta spesso scomoda dentro casa. Se poi abbiamo un bagno piccolo dobbiamo per forza metterla in cucina. Inoltre il rumore della centrifuga è davvero fastidioso, e può disturbarci in quei pochi momenti che abbiamo...
Arredamento

Idee di arredamento di una cantina ristrutturata

Se abbiamo una cantina che è stata appena ristrutturata, dovendo arredarla, è importante adeguare mobili, suppellettili ed oggetti allo stile impostato. In genere si tratta di strutture rustiche, aventi pavimenti in cotto e pareti con mattoni a vista...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.