Come pulire una cantina dopo un allagamento

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Dopo un forte temporale, non è raro trovare la cantina completamente sommersa dall'acqua, soprattutto se vivete in zone in cui sono presenti fiumi, torrenti o qualsiasi altro canale che potrebbe straripare. Durante un allagamento, agire immediatamente all'accaduto è di vitale importanza, sia per limitare i danni strutturali all'edificio, ma soprattutto per evitare la formazione e la crescita di muffa, potenzialmente pericolosa se inalata da bambini o persone allergiche. Ecco come pulire efficacemente e con con tutte le giuste precauzioni, una cantina dopo un allagamento.

25

Occorrente

  • Deumidificatore
  • Indumenti protettivi: guanti, mascherina monouso e stivali di gomma.
  • Candeggina
  • Pompa a immersione
35

Prima di iniziare i lavori di pulizia, indossate degli indumenti protettivi adeguati: stivali di gomma antiscivolo, poiché possono essere presenti acque reflue o contenenti sostanze inquinanti, guanti e una mascherina monouso, per evitare che possiate respirare spore nocive per la vostra salute.

45

Rimuovete la maggior quantità di acqua possibile adoperando una pompa idraulica o a immersione, particolarmente adatta per aspirare grandi quantità di liquidi in poco tempo. Se il livello dell'acqua è particolarmente alto, calate la pompa con una corda e collocatela nel punto più basso dello scantinato. In alternativa, se non disponete di tale strumento, munitevi di un secchio e una corda, e attingete l'acqua poco alla volta. A lavoro ultimato, spostate tutti i mobili, moquette e gli attrezzi in un luogo asciutto o coperto, per facilitare il lavoro di pulizia e cercare di asciugare e recuperare gli oggetti meno danneggiati. Una volta liberata l'area, occorre eliminare i fanghi alluvionali e i detriti depositatosi in cantina, perciò, utilizzando una pala, rimuovete quanto più melma possibile facendo attenzione a eventuali oggetti affilati o pericolosi.

Continua la lettura
55

Dopo aver completato il passaggio descritto precedentemente, lavate il pavimento una seconda volta, ma in questo caso detergete la zona interessata con una soluzione di acqua tiepida e candeggina (circa 1 tazza di varechina per ogni litro d'acqua). Usate uno straccio per pulire zone difficili da raggiungere o molto sporche, in questo modo eliminerete definitivamente muffe o spore tossiche. Attenzione, quando utilizzate sostanze chimiche assicuratevi di avere un ricambio d'aria costante, ma soprattutto ricordatevi di non miscelare la candeggina con l'ammoniaca o con altri detergenti contenti acidi (es. I decalcificanti), poiché potreste creare fumi nocivi e potenzialmente mortali.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come Riparare Il Parquet

Il parquet è una pavimentazione formata da listelli di legno massiccio. Se ne trovano di varie tipologie a seconda dello spessore e della qualità del legno utilizzato. Esiste il parquet con la posa a mosaico, a spina di pesce, a cassero regolare ed...
Ristrutturazione

Come affrontare gli allagamenti domestici

Quando si verifica un allagamento in casa, reagire prontamente all'accaduto è tutto. L’acqua, nonostante sia un elemento fondamentale per la vita, può creare molti problemi alla vostra abitazione. L'eccessiva umidità che si accumula in casa danneggia...
Economia Domestica

Come organizzare la dispensa in cantina

Possedere una cantina, al giorno d'oggi, è una gran fortuna per i proprietari di un immobile. In tempi lontani, le cantine erano il posto ideale per allestire dispense poiché le particolari condizioni che andavano a crearsi erano perfette per la conservazione...
Economia Domestica

5 dritte per tenere in ordine la cantina

In ogni abitazione la cantina è sempre il luogo in cui vengono conservate tutte le cose che si utilizzano di meno in casa. All'interno di una cantina si trovano spesso gli oggetti più strani e nella maggior parte dei casi, si accumulano troppe cose...
Arredamento

Come arredare e decorare la cantina

La cantina rappresenta, nell'immaginario collettivo, un luogo triste e lugubre dove vengono usualmente abbandonati e ammassati, nel corso degli anni, oggetti inutilizzati o ritenuti ingombranti. Tali oggetti accatastati malamente e non adeguatamente protetti,...
Arredamento

Come organizzare la cantina

La cantina è un locale annesso all'appartamento che di solito è di piccole dimensioni ed è ubicato nella parte inferiore dell'immobile cioè nel seminterrato. Quando si acquista un'abitazione se c'è compresa la cantina e magari anche il solaio la...
Pulizia della Casa

Come pulire la cantina

Alcune abitazioni includono uno spazio sotterraneo in cui solitamente vengono custoditi diversi oggetti. Molte persone utilizzano la cantina come deposito per gli scatoloni con le decorazioni di natale, oppure le biciclette, i vecchi mobili e altri oggetti...
Ristrutturazione

Come ristrutturare una vecchia cantina in chiave moderna

Nelle case molto grandi molto spesso si ha la fortuna di avere anche una grande cantina dove poter ricavare un vero e proprio appartamento o una vera e propria sala, dove poter trascorrere il tempo. La cantina molto spesso è un luogo molto buio, umido...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.