Come pulire un mobile in legno di cipresso

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le operazioni di pulizie della propria casa possono nascondere tante insidie. In realtà esse sono più complicate di quanto ci si aspetti. Un aspetto da non sottovalutare è la pulizia dei propri mobili. Bisogna infatti tener conto di diversi fattori, tra i quali anche il materiale che li compone. In questa guida avremo l'opportunità di vedere come pulire un mobile in legno di cipresso in maniera molto semplice e soprattutto in modo molto efficace. Il legno di cipresso infatti necessita di cure particolari durante le procedura di pulizia, onde evitare che possa danneggiarsi. Quindi predisponente tutto il materiale indicato nella sezione apposita di questa guida.

26

Occorrente

  • Olio paglierino
  • Pennello morbido
  • Carta abrasiva a grana sottile
  • Vernice poliuretanica
  • Antimuffa
  • Teloni di plastica
  • Cera per legno
36

La struttura lignea del cipresso è molto resistente e soprattutto non si deforma, né tanto meno subisce delle crepe. Per questo motivo viene utilizzato nell’edilizia, per realizzare opere esposte permanentemente alle intemperie, ma anche per realizzare dei ponteggi stabili necessari agli operai per la costruzione di sopraelevate.

46

Se il colore naturale del cipresso, non soddisfa le nostre esigenze di design, possiamo optare per diverse tonalità come ad esempio il dorato, particolarmente adatto per un arredo in stile antico. Tuttavia indipendentemente dal colore scelto, è necessario utilizzare delle sostanze a base di poliuretano e alcuni prodotti antimuffa. La prima operazione da fare è dunque di proteggere tutti i mobili posizionati in corrispondenza di quello in cipresso da ripulire, utilizzando dei teloni in plastica, e lo scopo è di evitare che le suddette sostanze chimiche possano macchiarli. Ecco dunque che con un pennello abbastanza morbido cospargiamo l'intera superficie di olio paglierino, in modo da far ammorbidire lo strato superiore e renderlo facilmente lavorabile. Questo ammorbidente naturale, va lasciato in posa almeno una mezz'ora. Trascorso tale tempo, prendiamo della carta abrasiva a grana sottile ed iniziamo a levigare l’intera superficie del mobile.

Continua la lettura
56

A lavoro ultimato si procede con l'applicazione di pittura antimuffa, se ne attende l'essiccazione, dopodiché si continua con la vernice poliuretanica che possiamo applicare sia a pennello che con un compressore. Nel caso, si possono anche dare due mani, evitando però di creare spessori esagerati, quindi la vernice deve essere ben fluida. Una volta completata la verniciatura del mobile in cipresso, con della cera lo lucidiamo ulteriormente. Non mi resta a questo punto che invitarvi caldamente a seguire pedissequamente i passaggi di questa guida per ottenere un risultato ottimale.  

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Esterni

Come scegliere una panchina da giardino

Una panchina aggiunge sempre un tocco perfetto in un giardino paesaggistico. Al termine di un percorso tortuoso oppure sotto l'albero, una comoda panca ci dà la possibilità di sederci e poter contemplare la natura. È un modo per rilassarci e dimenticare...
Arredamento

Come addobbare la tavola di Natale

Uno dei periodi più belli dell'anno, almeno per le persone di fede cristiana, è senza dubbio il Natale. In questo periodo si sente quasi la necessità di rendere la propria casa più bella e accogliente, e allora oltre all'immancabile presepe ed albero...
Esterni

Come scegliere le siepi da giardino

Abitare in una casa provvista di uno spazio verde rappresenta il desiderio di molte persone. Oggi infatti sono sempre più numerose le famiglie che scelgono di abitare in una casa provvista di giardino. Se si sceglie una soluzione come questa, sarà tuttavia...
Esterni

Come costruire dei recinti e delle siepi vive

Nel presente completo e informativo articolo che potrà essere approfondito leggendo attentamente i passaggi successivi, verrà spiegato dettagliatamente come bisogna costruire dei recinti e anche delle siepi vive, all'interno del proprio giardino di...
Pulizia della Casa

Come tenere lontane le tarme dai vestiti

Fare il cambio di stagione a volte può essere davvero noioso, ma purtroppo è un'operazione che va fatta, e non si può proprio rinunciare. Non solo per cambiare i vestiti che dovremmo metterci, ma anche per effettuare un'accurata pulizia dentro l'armadio...
Pulizia della Casa

Tarme e tarli dei mobili: 10 rimedi naturali

Una delle difficoltà più comuni nella conservazione e cura dei mobili in legno, o di ciò che è conservato nel loro interno, è la prevenzione da un'infestazione di tarli e tarme, che costituiscono un vero pericolo se non eliminati tempestivamente....
Ristrutturazione

Come scegliere la pittura antimuffa

Le muffe all'interno degli edifici rappresentano un grosso problema. Questo insieme di funghi pluricellulari, sotto forma di miceli, ricoprono le superfici anche ampiamente. L'inalazione delle loro spore può essere motivo di allergie. Le muffe formate...
Pulizia della Casa

Come utilizzare i prodotti antimuffa

La muffa è un fungo che può cresce su diverse tipologie di muro, comprese le superfici ricoperte di vernice. Le muffe hanno bisogno di umidità per riprodursi e a volte basta il vapore della nostra traspirazione per favorirne la crescita, soprattutto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.