Come pulire un mobile in abete

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se in casa avete un mobile in abete che è piuttosto malconcio, sporco, non curato e scolorito, potete riportarlo al suo antico splendore intervenendo con diverse tecniche in base alla finitura originale oppure modificandola in modo da poter equipararlo, come colore, agli altri mobili presenti nella casa. In questa guida vediamo dunque come fare per pulire un mobile in abete.

26

Occorrente

  • Garza e ovatta
  • olio di lino
  • bicarbonato di sodio
  • pomice in polvere
  • cera solida
  • aniline
36

Non utilizzare solventi

In genere l'abete si pulisce tenendo conto della finitura fatta in origine: infatti, se il mobile è stato soltanto ricoperto di flatting, quindi lasciato con il suo colore naturale (abete bianco), per pulirlo è vietato assolutamente utilizzare solventi poiché tirereste via anche la pellicola protettiva creata con la suddetta vernice trasparente. Se quest'ultima non intendete rimuoverla, eliminando invece soltanto la patina di sporco, fate ricorso ad un rimedio naturale e nel contempo professionale.

46

Eliminare lo sporco

La soluzione in questo caso prevede l'utilizzo di un batuffolo di cotone imbevuto in acqua in modo da eliminare lo sporco superficiale. Prendete una garza, imbottitela con dell'altra ovatta e poi, sul legno, versate qualche goccia di olio di lino. Utilizzando la garza come tampone ottenete, nell'immediato, un eccellente risultato ovvero sciogliere lo sporco più ostinato e, nel contempo, lucidare alla perfezione il mobile in abete. In riferimento a ciò, il consiglio almeno per le prime due passate, è quello di sostituire la garza fin quando non appare pulita dopodiché si procede con l'ultima mano che serve a ricreare la caratteristica patina semilucida.

Continua la lettura
56

Passare della cera

Un'altra tecnica altrettanto valida per pulire un mobile in abete in precedenza colorato con aniline, quindi in tipico stile arte povera, è quella di utilizzare della cera non prima di aver rimosso la patina di sporco. Per fare ciò, essendo il mobile in abete colorato, potete anche utilizzare qualche sostanza leggermente abrasiva e, precisamente, il bicarbonato di sodio e la pomice in polvere. L'uno o l'altra vanno versati sul mobile asciutto e poi, con la stessa tecnica della lucidatura a tampone quindi con una garza imbottita, si procede alla rimozione dello sporco e ad assottigliare lo strato del legno. A lavoro ultimato, applicate dell'anilina dello stesso colore dopodiché attendete l'essiccazione ed infine procedete con una mano di cera solida che vi consente di ottenere l'intera struttura in legno come fosse nuova. In base ai gusti o alle esigenze di arredo, si può tuttavia scegliere se lasciare il mobile con una finitura opaca o farla diventare semilucida.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come pulire un mobile in cedro

I mobili di legno di cedro sono degli arredi molto pregiati e raffinati. Rendono l' ambiente della casa, classico, armonioso ed elegante. La manutenzione principale da svolgere è la pulizia, che è molto importante per mantenere sempre "vivo", sano e...
Pulizia della Casa

Come pulire un mobile in tsuga

All'interno della guida che seguirà ci occuperemo di mobili in tsuga. Nello specifico caso, ci occuperemo di come pulire un mobile in tsuga. Lo faremo lungo tutti i passi della guida, passo dopo passo, in modo tale da darvi la possibilità di comprendere...
Pulizia della Casa

Come pulire un mobile di ebano

L'ebano è una tipologia di legno molto pregiata, che richiede particolari cure, soprattutto per mantenere vivo e lucido il suo caratteristico colore scuro. A tal riguardo, nei seguenti passaggi, vi fornirò tutte le informazioni necessarie su come...
Pulizia della Casa

Come pulire un mobile in noce

I mobili noce, durante la pulizia, devono essere trattati in modo tale da conservare sempre la finitura originale. Il modo migliore per farlo è quello di utilizzare una finitura a cera in quanto è molto facile da applicare. Prima di iniziare, assicuratevi...
Pulizia della Casa

Come pulire un mobile in legno di cipresso

Le operazioni di pulizie della propria casa possono nascondere tante insidie. In realtà esse sono più complicate di quanto ci si aspetti. Un aspetto da non sottovalutare è la pulizia dei propri mobili. Bisogna infatti tener conto di diversi fattori,...
Pulizia della Casa

Come pulire un mobile in betulla

Se in casa abbiamo dei mobili pregiati come ad esempio di betulla, è importante prestare attenzione quando bisogna pulirli. Questa tipologia di legno infatti è abbastanza delicato, e si presenta di un colore bianco giallastro con delle tipiche venature...
Pulizia della Casa

Come Pulire I Giunti Smontati Di Un Vecchio Mobile Di Legno

In ogni casa si trovano mobili di vari tipi, dal più moderno al più antico, dal più piccolo al più grande, e come per ogni cosa, non sfuggono alla pulizia costante. C'è da dire che con il tempo oltre alla pulizia, i mobili sia per l'uso che ricevono...
Pulizia della Casa

Come sbiancare un mobile con candeggina

Il passare del tempo e l'uso possono rovinare gli strati di pittura o macchiare la superficie naturale del legno. Nel primo caso il lavoro da svolgere è duplice: innanzitutto si deve eliminare lo/gli strati di vernice che coprono il legno, detta sverniciatura,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.