Come pulire lo stagno del giardino

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Un giardino ben curato e dotato di uno stagno artificiale, si presenta di solito particolarmente elegante ed è sempre dotato di un certo fascino. Vi si possono coltivare le bellissime ninfee o altre piante acquatiche ed è possibile inserirvi anche qualche pesce. Si tratta però di un punto-acqua a cui occorre dedicare una corretta manutenzione, provvedendo a praticarvi periodicamente un'adeguata e profonda pulizia. Fogliame in decomposizione, piccoli detriti, depositi organici lasciati dai pesci, polvere o altra sporcizia portata dal vento o dalla pioggia, sono elementi che non solo tendono ad intorbidire l'acqua ma possono facilmente generare delle pericolose tossine, quindi è necessario mantenere pulita la cavità dello stagno intervenendo una volta l'anno adottando una corretta procedura. In questa guida vedremo come pulire lo stagno del giardino.

27

Occorrente

  • pompa o capiente recipiente, spazzola, acqua calda, retino
37

Svuotamento

Per una buona pulizia generale, è innanzitutto consigliabile rimuovere e trasferire le piante acquatiche ed i pesci che nello stagno vivono. Adagiateli con delicatezza in bacinelle o altri recipienti pieni d'acqua. Svuotate completamente lo stagno. Utilizzate una pompa (prestando attenzione ad eventuali piccoli sassi o altri detriti che potrebbero creare delle ostruzioni), se è piuttosto ampio e profondo. Se invece le sue dimensioni sono molto contenute si può anche usare un capiente recipiente. Non lavorate da soli. Agite in compagnia di una seconda persona poiché a volte la melma depositata sul fondo emana dei gas che causano facilmente dei capogiri: quando si è soli anche un banale malore può essere pericoloso.

47

Pulitura pareti

Eliminata tutta l'acqua, pulite con cura le pareti ed il fondo della cavità. Rimuovete corpi estranei, melma e depositi di fogliame decomposto, usando una spazzola e dell'acqua calda. Fate attenzione a non creare abrasioni o altri danni sulla superficie del rivestimento impermeabile. Risciacquate bene l'interno della fossa con acqua pulita. Rimuovetela poi completamente. Riempitela ora con nuova acqua pulita dotata di temperatura adatta a far vivere gli eventuali pesci e le vostre piante. Collocate quindi nuovamente piante e pesci nello stagno.

Continua la lettura
57

Cure ordinarie

Bene, a questo punto, avete uno stagno pulito a fondo. Ora potete dedicarvi a una normale e semplice manutenzione del vostro stagno da eseguire più frequentemente, Con un retino dotato di lungo manico asportate foglie, fili d'erba, bastoncini di legno, insetti o altro.. Agite con regolarità, una volta ogni 15 giorni, ad esempio. Intervenite in ogni caso dopo un temporale estivo, un forte vento e intensificate le vostre cure nel periodo autunnale.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Attenzione: se si vuota lo stagno con una pompa usando cavi di prolunga, occorre tenerne le estremità fuori dall'acqua!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

Idee per soffitti moderni

In questa guida verranno suggerite alcune idee per realizzare dei soffitti moderni, in modo da ottenere piacevoli effetti decorativi, giocando con la forma, il colore e la consistenza. È importante, infatti, prestare la massima cura ed attenzione ad...
Pulizia della Casa

Come pulire le pantole di rame

Chi ha la passione per la cucina conosce le qualità delle pentole in rame. Esse sono più "calde" dell'acciaio, cioè hanno una capacità termica molto più elevata e sono un ottimo conduttore. Nelle pentole di rame il calore si diffonde uniformemente...
Esterni

Come prendersi cura del laghetto delle ninfee

La ninfea è una pianta acquatica che appartiene alla famiglia delle Nymphaeaceae. Originaria dell’Asia, è ormai diffusa in tutto il mondo, comprendendo circa cinquanta varietà che si adattano a qualsiasi microclima. Alla stessa famiglia della ninfea...
Ristrutturazione

Come applicare la vernice riflettente

La scelta di una vernice adatta per coprire una superficie può risultare molto spesso ostica, soprattutto se non si conoscono le basi del mestiere. Una scelta su cui molti ricadono è quella di applicare una vernice riflettente che, seppur più costosa,...
Arredamento

Come arredare una camera matrimoniale in stile country francese

Se si ha l'intenzione di ottenere una camera matrimoniale calda e circondata da colori allegri, una buona idea è quella di provare ad arredarla in stile country francese, il quale sta rapidamente diventando un modo popolare per ammobiliare le camere...
Esterni

Come realizzare una cascata di pietra

Una cascata di pietra è il dettaglio che donerebbe quel tocco di eleganza in più al vostro giardino. Nulla è più calmante del suono dell'acqua che colpisce le pietre sottostanti, e perché no, aggiungere qualche pesciolino nello stagno e trasformare...
Pulizia della Casa

Come pulire una pentola di rame stagnato

Una volta il rame si usava spesso come materiale per produrre i recipienti da cottura. A tutt'oggi comunque questo metallo è sempre consigliabile per cibi che richiedono lunghe cotture. Oppure per delle preparazioni di pasticceria particolari. Di certo...
Arredamento

Come arredare con oggetti cesellati a mano

L'arte antica del cesello, deve il suo nome allo scalpello utilizzato per eseguire la lavorazione. Questo metodo è molto applicato dagli orafi già in antichità, ma col trascorrere del tempo ha trovato impiego anche su metalli d'altra foggia e pietre....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.