Come pulire le pantole di rame

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Chi ha la passione per la cucina conosce le qualità delle pentole in rame. Esse sono più "calde" dell'acciaio, cioè hanno una capacità termica molto più elevata e sono un ottimo conduttore. Nelle pentole di rame il calore si diffonde uniformemente ed i cibi si cuociono ovunque allo stesso modo.
Molto adatte alle lunghe cotture (ragù, stracotti ecc.) non fanno attaccare i cibi al fondo e fanno risparmiare sui costi del gas. In questo tutorial si spiega come pulire le pantole di rame per avere ottime prestazioni in cucina.

25

Nozioni generali

I grandi ristoranti sono soliti usare pentole di rame; in questo modo il calore si distribuisce e non influisce sulle proprietà organolettiche delle pietanze. Le pentole di rame, fino alla metà del secolo scorso erano utilizzate in quasi tutte le cucine. Oggi sono state, quasi completamente, sostituite da quelle in acciaio in quanto più economiche, più pratiche da utilizzare e da pulire. Infatti, il rame e difficile pulirlo perché tende ad ossidarsi. Vediamo ora come è fatta una pentola di rame. Generalmente l'esterno è composto da rame, all'interno è presente una pellicola di stagno, per evitare il contatto diretto dei cibi con il metallo. Questo è fondamentale in quanto il rame è tossico per la salute (può causare malattie al fegato); bisogna evitare che i residui di corrosione causata da cibi acidi si sciolgono negli altri alimenti e poi sono ingeriti.

35

Usare aceto e sale

Quando si puliscono le pentole di rame bisogna tener presente questa duplice composizione.
Per l'esterno possiamo utilizzare diversi metodi. Se puliamo pentole inutilizzate da anni e ci sono incrostazioni e zone di bruciato è opportuno lavare prima l'esterno con acqua caldissima e soda caustica, poi risciacquare e fare asciugare. In seguito facciamo un secondo lavaggio con una soluzione di aceto e sale grosso; bisogna strofinare con una spugnetta non abrasiva sul rame e poi risciacquare con acqua tiepida e asciugare. Il rame si può pulire anche con passata di pomodoro o bicarbonato e succo di limone; occorre strofinare con una spugna e fare un risciacquo sotto acqua corrente. Poi, si passa alla lucidatura che si effettua con i normali lucidanti che si trovano in commercio o con metodi naturali.

Continua la lettura
45

Detergere la parte interna

L'interno se è in buone condizioni si può lavare con acqua tiepida e detergente, come una qualsiasi altra pentola. Bisogna, però, fare attenzione a non utilizzare detergenti troppo aggressivi o spugnette abrasive che possono rovinare la patina di stagno. A proposito di quest'ultima è opportuno valutare se si presenta integra o meno. Se non è integra è preferibile rivolgersi ad artigiani specializzati per la stagnatura. Per l'interno va bene il lavaggio con acqua tiepida e aceto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come pulire il rame con prodotti naturali

Il rame insieme all'argento e all'oro, fanno parte della cosiddetta categoria dei "metalli nobili", visto che interagiscono benissimo tra loro, per creare diverse carature, come nel caso dell'oro puro che grazie appunto al rame, da 24 carati scende...
Pulizia della Casa

Come pulire e colorare il rame

Avete delle pentole, degli utensili o degli oggetti antichi in rame rovinati e non sapete come pulirli o da colorarli? Se la risposta è sì, allora non dovete far altro che leggere questa guida, che vi spiegherà come intervenire su questo tipo di prodotti...
Pulizia della Casa

Come pulire al meglio le pentole di rame

Anche se la presenza di pentole in rame all'interno delle abitazioni è sempre più rara, alcuni continuano ad usarle per la loro buona conducibilità termica; il calore infatti si diffonde in maniera uniforme per tutta la pentola. Molti inoltre pensano...
Pulizia della Casa

Come pulire gli oggetti in rame con il dentifricio

Il dentifricio, è una pasta creata per la pulizia e lo sbiancamento dei denti. In commercio esistono varie tipologie di dentifrici ma, molti non li usano semplicemente per lavarsi i denti, ma li dirottano per altri usi come per esempio pulire scarpe...
Pulizia della Casa

Come pulire una pentola di rame stagnato

Una volta il rame si usava spesso come materiale per produrre i recipienti da cottura. A tutt'oggi comunque questo metallo è sempre consigliabile per cibi che richiedono lunghe cotture. Oppure per delle preparazioni di pasticceria particolari. Di certo...
Pulizia della Casa

Come pulire diverse superfici in rame

Il rame è sicuramente uno dei metalli più noti già dall'antichità e che, ancora oggi, trova largo impiego nella fabbricazione di oggetti come monete, tubature di gas ed acqua, e per la realizzazione di padelle e pentole, così come mille altre applicazioni....
Pulizia della Casa

Come pulire e lucidare il rame

Gli oggetti in rame sono molto belli da vedere, le pentole e gli attrezzi per la cucina hanno inoltre la particolarità di esaltare il sapore del cibo. Ricordiamo la veneta polenta, che si cucina con la farina di mais, acqua e sale, ma rigorosamente in...
Pulizia della Casa

Come pulire gli oggetti in cromo ed in rame

Il cromo e il rame sono due meravigliosi materiali che rendono gli oggetti presenti nella vostra abitazione molto lucidi e brillanti oppure abbastanza opachi e romantici.Nella seguente interessante e informativa guida che vi enuncerò in modo dettagliato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.