Come pulire le lampade

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La pulizia degli ambienti domestici, spesso crea problemi quando si tratta di oggetti delicati come ad esempio le lampade. Il problema principale è legato al tipo di materiale con cui vengono realizzate, quindi può capitare di averne in legno, in ceramica, plastica o rame. A seconda delle caratteristiche strutturali, bisogna dunque intervenire con prodotti adeguati. Nei passi successivi di questa guida, ci sono quindi alcuni consigli su come pulire le varie tipologie di lampade.

27

Occorrente

  • Alcool
  • Pasta abrasiva
  • Bicarbonato di sodio
  • Cera d'api
  • Ammoniaca
  • Segatura di bosso
  • Aceto
  • Sale
37

Le lampade specie quelle moderne, sono realizzate in leghe leggere come ad esempio titanio o alluminio e la pulizia va fatta in modo accurato per evitare di scolorirle, ritrovandosi poi con delle strutture non più adeguate al design impostato in casa. Su questo tipo di materiale, è quindi necessario oltre ad una pulizia preliminare con acqua ed alcool, usare delle speciali paste abrasive molto simili a quelle per la lucidatura della carrozzeria delle auto.

47

Un valido prodotto artigianale da fare in casa, invece è una crema a base di cera liquida e bicarbonato di sodio. Il composto dopo la pulizia preliminare viene applicato sulla superficie e lasciato in posa per una mezz'ora e quando si indurisce va poi asportato con un panno di lana, ottenendola pulita e perfettamente lucida grazie ai poteri della cera (lucidante) e del bicarbonato (abrasivo leggero).

Continua la lettura
57

Alla fine del trattamento, i pezzi vanno asciugati in segatura di bosso oppure con un asciugacapelli e persino in un forno elettrico, prima di procedere poi di nuovo al montaggio dei vari componenti. Un lampadario o un portalampada in rame o ferro battuto, essendo soggetti ad ossidarsi, vanno invece trattati con materiali adeguati, quindi conviene pulirli con aceto e sale, entrambi ottimi per rimuovere la ruggine, ed infine protetti con olio paglierino, in grado di lubrificarli e prevenire la formazione di altra ruggine.

67

Le lampade a piantana possono essere pulire nella stessa maniera delle lampade tradizionali, l'importante è seguire le informazioni di pulizia presenti sulla garanzia al momento dell'acquisto. Nel caso in cui la lampada è in silver, basterà semplicemente inumidire un panno di cotone con acqua tiepido, passarlo sulla superficie della lampada e lucidare con un panno di cotone asciutto. Se la lampada è di metallo, è possibile utilizzare un prodotto per il metallo specifico per la pulizia. Qualora la lampada fosse di legno, si consiglia l'utilizzo della cera. Levigate leggermente la superficie, applicate la cera e attendete almeno mezz'ora, prima di lucidarla con un panno asciutto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come Pulire Lampade E Paralumi

Le lampade e i paralumi costituiscono un importante quanto bello complemento di arredo. Essi possono essere di svariate forme e di diversi tipi di materiale: si può spaziare dalla alla lana al tessuto per arrivare a fabbricazioni speciali in oro, argento...
Pulizia della Casa

Come pulire le lampade a carburo

Casualmente, al mercato delle pulci, riusciamo a comprare una lampada a carburo proveniente dal mondo rurale. Dato che veniva utilizzata al posto della torcia, possiamo recuperarla e farla diventare come nuova. Possiamo riutilizzarla o, semplicemente,...
Pulizia della Casa

Come pulire una lampada di sale

Composte totalmente da cristalli di sale naturale rosa dell'Himalaya, queste lampade si stanno sempre di più diffondendo nelle nostre case, grazie non solo alla loro proprietà di donare all'ambiente una luce piuttosto ambrata ed un’atmosfera intima...
Pulizia della Casa

Come pulire un paralume in stoffa

Da strumenti che servivano a coprire e riparare la luce proveniente dalle lampade, i paralumi, oggi, sono diventati veri e propri complementi d'arredo, riproposti in varie forme e tessuti. Estremamente eleganti in contesti d'arredamento classici, originali...
Pulizia della Casa

Come pulire dei lampioni

Ogni cortile, giardino o vialetto che si rispetti ha un'illuminazione propria che consente di avere una buona visuale serale e notturna. Questo è reso possibile grazie ai lampioni da esterno che rendono luminosa e visibile la zona. Anche essi, nonostante...
Pulizia della Casa

Come pulire i lampadari di ottone

L'ottone è uno dei materiali che, sin dall'antichità, viene adoperato per realizzare eleganti elementi di arredo. Letti, lampadari, tavolini, maniglie e corrimano in ottone sono presenti in molte case, dando sempre un tocco di gran classe. L'ottone...
Pulizia della Casa

Come pulire i paralumi

Nell'arredamento di una casa ci sono tanti elementi di cui tenere conto. Ogni complemento d'arredo ha la sua importanza e il suo spazio ideale. Divani, poltrone e mobili devono essere coerenti stilisticamente col resto della casa. Colori e illuminazione...
Pulizia della Casa

Come pulire un vinile

I vecchi dischi in vinile, tanto utilizzati fino agli anni '70, oggi servono solo a riempire gli scaffali di qualche appassionato. Ma nonostante ciò, è sempre un buon consiglio tenerli puliti, anche perché la pulizia del vinile preserverà il suono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.