Come pulire le cinture di cuoio

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il cuoio è un materiale pregiato e di alta qualità che viene ricavato dalla pelle degli ovini, dei caprini e dei bovini. Si tratta di un prodotto molto resistente, estremamente igienico e molto bello esteticamente. Per tali motivi viene utilizzato per la produzione di calzature, borse, cinture e articoli di abbigliamento. Se il cuoio è di qualità, può durare a lungo; ma nonostante ciò, tale materiale non è immune dalla sporcizia. Vediamo dunque qui di seguito come pulire le cinture di cuoio.

24

Prima di iniziare a pulire le vostre cinture, è raccomandabile fare delle prove preliminari su una parte poco visibile, per verificare che non si rovini: non tutto il cuoio è uguale ed ha la stessa resistenza. Ricordiamo infatti che ogni tipo di cuoio richiede dei trattamenti diversi e particolari. Per pulire le cinture di questo materiale esistono dei prodotti in commercio formulati appositamente a tal scopo. Spesso capita però di non averli in casa: potete tranquillamente farne a meno, ricorrendo a dei rimedi della nonna. Una prima modalità consiste nel prendere un batuffolo di cotone imbevuto nel latte detergente o in alternativa nel latte scremato e passarlo sulla zona da trattare. Oltre a smacchiare, ridarà vigore e idratazione. Asciugate bene con un panno morbido, perché il cuoio tende ad assorbire i liquidi e a mutare immediatamente di colore.

34

Un altro sistema per garantire la lucentezza nel tempo della vostra cintura consiste nel passare su tutta la superficie la lanolina o la vasellina. Se preferite utilizzare dei prodotti naturali, normalmente presenti in casa, potrete preparare una soluzione di acqua con olio d'oliva. Agitate gli ingredienti energicamente all'interno di un contenitore e prendete poi un panno morbido, inumiditelo in questa miscela e passatelo su tutta la parte da pulire. Per chi non volesse utilizzare l’olio d’oliva, in alternativa può sostituirlo con quello di ricino. Mescolatelo con dell’alcool e strofinatelo su tutta la cintura. Lasciate agire per 12 ore e poi ripassate nuovamente l’olio di ricino con un panno. Il cuoio ritornerà come nuovo.

Continua la lettura
44

Un altro metodo anch’esso funzionante è l’utilizzo dell’albume d’uovo. Montatelo a neve con una frusta, inumidite un batuffolo di cotone e spalmatelo su tutta la superficie. Asciugate per bene. La vostra cintura sembrerà appena comprata in un negozio. Se il vostro accessorio ha una fibbia in ottone o di un altro metallo, basterà strofinare semplicemente un panno asciutto, senza sottoporlo a particolari trattamenti. Tutti questi rimedi sono abbastanza validi, ma è sempre bene procedere con cautela e provarli su delle piccole parti nascoste.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

5 modi per vestirsi di nero anche in estate

Generalmente si tende a non vestirsi di nero in estate. Le motivazioni principali sono essenzialmente due. La stagione estiva trasmette allegria, con la sua luce ed il suo calore. Pertanto si preferiscono gli abiti dalle tinte chiare, in quanto più brillanti...
Pulizia della Casa

Come ordinare un armadio

Tutti quanti in casa possediamo almeno un armadio dove poter riporre i nostri vestiti, in maniera comoda ed ordinata. Ma non sempre siamo soliti esserlo, anzi il più delle volte i nostri capi vengono acciuffati alla rinfusa all'interno del guardaroba....
Pulizia della Casa

Come organizzare l'armadio dei bambini

La camera dei bambini, generalmente, è sempre la stanza più disordinata, infatti i bambini tendono sempre a prendere i vari giochi e vestiti e poi a lasciarli sempre in mezzo. Per evitare di avere sempre la stanza sottosopra, dovremo adottare alcuni...
Pulizia della Casa

Come eliminare le macchie di liquore

Capita spesso di macchiare i vestiti ed altri oggetti con sostanze diverse, difficili da poter rimuovere con il semplice lavaggio. Tuttavia, ogni tipologia di macchia richiede un diverso trattamento affinché possa essere eliminata efficacemente, e sono...
Economia Domestica

Tecniche per piegare un sacco a pelo

Se per i nostri week-end o per le vacanze estive, amiamo utilizzare il sacco a pelo, è importante conoscere alcune tecniche per piegarlo correttamente, e quindi farlo durare a lungo. Apparentemente potrebbe sembrare troppo facile e banale, ma tuttavia...
Economia Domestica

Come guadagnare spazio dentro armadi e cassetti

L'ordine è fondamentale in una abitazione. Infatti una casa ordinata è senza ombra di dubbio gradevole da un punto di vista estetico. Ma soprattutto avere gli armadi e cassetti organizzati nel modo giusto, permette di sfruttare in maniera ottimale e...
Pulizia della Casa

Come pulire l'ecopelle

L'ecopelle è una specie di cuoio che viene adoperato per produrre sia degli abiti, come gonne, gilet, giacconi o impermeabili; sia per fabbricare accessori, come cinture, portafogli, borse e scarpe. Viene utilizzato altresì per tappezzare poltrone,...
Pulizia della Casa

Come curare la pelletteria

La pelle è una materiale che conserva bellezza, funzionalità ed eleganza anche con il passar del tempo. Qualche anno fa veniva usata per rivestire poltrone, divani ed a volte perfino le testate dei letti. Ultimamente questo materiale si utilizza per...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.