Come pulire l'aerografo

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'aerografo è un piccolo strumento da disegno che consente di vaporizzare il colore per ottenere delle magnifiche sfumature. È usato in molti campi, dalla pasticceria alla decorazione di caschi e moto, al modellismo e al body-painting! È composto da un "aereo penna" che attraverso aria compressa spruzza il colore; da un "serbatoio" dove viene inserito il colore (che può essere di diversi tipi come olio, acquerello, tempera ecc) e a seconda dei tipi si trova in alto, in basso o lateralmente. E poi c'è la "duse" che sarebbe la parte finale dell'aerografo dove troviamo la punta da dove esce il colore. Tutte queste parti, una volta finito di utilizzare lo strumento, devono essere ripulite quasi maniacalmente, per evitare incrostazioni e quindi mantenere il corretto funzionamento.
Seguite questa guida e vi spiegherò come pulire un aerografo.

25

Occorrente

  • aerografo
  • straccetto o carta assorbente
  • acetone od acqua
35

La prima regola è quella che l'aerografo va pulito subito dopo il suo utilizzo, per evitare che il colore asciughi e quindi si solidifichi rendendo l'operazione della pulizia più difficile. Per prima cosa, dobbiamo svuotare il serbatoio da eventuali residui di colore rimasto. Se si è utilizzato un colore ad acqua (colore acrilico) possiamo mettere lo strumento sotto un po' di acqua corrente, per togliere facilmente la maggior parte del colore rimasto, insistendo all'interno del serbatoio e sulla punta. Prendimo ora un po' di carta assorbente e lasciamo sgocciolare il tutto.

45

Una volta che l'aerografo ha finito di sgocciolare possiamo iniziare a smontarlo, iniziando a svitare la sua "coda". Svitiamo il piccolo bullone e sfiliamo molto delicatamente l'ago. Puliamo l'ago con un panno pulito ed asciughiamolo bene. Con una carta assorbente inumidita passiamo all'interno del serbatoio e asciughiamo meticolosamente anche in questo caso. Passiamo adesso al puntale, svitiamolo, ed immergiamolo in poca acqua. Passiamo con un panno umido sull'augello di uscita del flusso, in modo da togliere ogni traccia di colore e poi asciughiamo per bene.
Quando siamo sicuri che le parti dell'aerografo siano pulite ed asciutte possiamo rimontarle in ordine inverso a come le avevamo smontate, per cui partiamo prima dall'augello, poi l'ago ed infine richiudo "la coda".

Continua la lettura
55

Se però si sono utilizzati colori a base solvente, la pulizia non va assolutamente fatta con acqua, non sarebbe sufficente e potrebbero rimanere delle incrostazioni. In questo caso infatti dobbiamo usare un solvente organico, come ad esempio l'acetone che troveremo nei negozi di colori in bottiglie da un litro. Il procedimento da fare è lo stesso di quello che abbiamo descritto precedentemente, solo che al posto dell'acqua dobbiamo usare il solvente. Ma alla fine del procedimento, quando l'aerografo sarà pulito è comunque consigliato lavare con acqua corrente per evitare che il deposito del solvente possa provocare dei danni alle pareti dell'aerografo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arredamento

Come riutilizzare un vecchio pensile da cucina

Il riciclo creativo dà la possibilità di poter recuperare vecchi oggetti e vecchi mobili utilizzandoli in maniera originale, pratica e davvero utile. Se ad esempio si è cambiata da poco tempo la vecchia cucina è preferibile non buttare i pensili,...
Ristrutturazione

Come posare un pavimento in resina su un pavimento esistente

La resina è una soluzione piuttosto gettonata non solo tra gli gli architetti, ma anche da coloro che amano gli spazi omogenei. L'assenza di fughe, l'idea di robustezza ed il concetto profondità la rendono piuttosto gradevole anche a tutti coloro che...
Ristrutturazione

Come dipingere le pareti con il compressore

Se dovete dipingere le pareti di casa vostra e la sola idea di usare pennellessa o rullo vi spaventa, in questa guida troverete degli ottimi consigli. Infatti una nuova tecnica permette di imbiancare con facilità anche alle persone che hanno poca esperienza...
Pulizia della Casa

Come pulire la macchina del caffè espresso

Il caffè è ritenuto da molti una bevanda alla quale è impossibile rinunciare. Per questo motivo la macchina dell'espresso è considerato un accessorio fondamentale dalla maggior parte degli italiani, un'idea regalo da fare e da farsi. Le pratiche cialde...
Pulizia della Casa

Come pulire il serbatoio dell'acqua

Se sul terrazzo di casa abbiamo installato un serbatoio dell'acqua, per soddisfare al meglio le esigenze familiari e per evitare che si rimanga senza il prezioso liquido in occasione di brusche interruzioni del servizio da parte del fornitore, è importante...
Economia Domestica

Come aumentare la pressione dell'acqua senza autoclave

Il problema della pressione dell'acqua, è molto comune negli impianti domestici. Aumentare la pressione dell'acqua spesso è un compito scoraggiante in quanto ci sono molte cause che riducono la pressione dell'acqua, ma esistono anche molti rimedi sorprendentemente...
Economia Domestica

Come pulire la teiera e la caffettiera

Uno degli inconvenienti più sgradevoli che le normali caffettiere presentano, è lo sgradevole sapore che conferiscono al caffè quando vengono usate dopo un periodo lungo di inutilizzo, o quando vengono usate per la prima volta. La caffettiera ha delle...
Pulizia della Casa

I migliori metodi per pulire l'argento in modo naturale

L'argento è un metallo molto duttile leggermente più duro dell'oro. Viene utilizzato in gioielleria per la creazione di bijoux ma anche per la produzione di posate ed altri articoli da tavola e d'arredo. Stiamo parlando certamente di un metallo molto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.