Come pulire il rame con sale e limone

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il rame è uno dei materiali più utilizzati dall'uomo, per la realizzazione di oggetti di piccole e grandi dimensioni. Con questo elemento puro, si possono infatti creare bracciali, monete e soprattutto si usa come aggregante per la lavorazione dell'oro, per trasformarlo da puro in diverse carature, ma purtroppo è soggetto ad ossidarsi, creando problemi per pulirlo. A tale proposito, ecco una guida che indica, come pulire il rame con sale e limone.

26

Occorrente

  • Sale grosso e fino
  • Succo di limone
  • Paglietta di ferro
36

Questi due elementi naturali se combinati insieme, riescono ad eliminare dal rame, l'ossido. Se abbiamo ad esempio una pentola di rame ed intendiamo farla diventare di nuovo lucida, prendiamo un recipiente di plastica e all'interno versiamo del sale doppio da cucina, mezzo bicchiere d'acqua e del succo di limone, ottenendo in questo modo, una pasta leggermente abrasiva.

46

Dopo averlo lasciato in posa per circa mezz'ora, strofiniamo con una spugnetta e risciacquiamolo solo con acqua. Inoltre, vi è un importante accorgimento chiamato decapaggio, che serve principalmente per preparare la superficie del rame a ricevere delle colorazioni o un rivestimento con smalti o porcellane. Lasciando in ammollo il rame in un recipiente con abbondante sale e succo di limone, si ottiene quindi il decapaggio, che dopo un risciacquo ci consente di sovrapporre i suddetti materiali coprenti.

Continua la lettura
56

Se una pentola di rame si presenta molto annerita, grazie al sale e al limone, possiamo dunque ottenerla di nuovo lucida e da esporre in bell'evidenza nella nostra cucina rustica. Per ottenere dei buoni risultati, conviene utilizzare una paglietta di metallo e del sale fino che cosparso a pioggia, ci consentono di eliminare il nero e quando la superficie comincia ad assumere il suo caratteristico colore rosa, aggiungiamo il succo di limone.

66

Nel caso in cui sull'oggetto in rame sono presenti macchie e aloni, laviamo la superficie solo con acqua, cospargiamola con il sale grosso e aggiungiamo il limone. Lasciamo agire la soluzione per un'ora circa, poi con l'aiuto di una spugnetta poco abrasiva, strofiniamo leggermente i punti in cui sono presenti le macchie. Una volta che avremmo rimosso completamente le macchie, riempiamo una bacinella con acqua calda e poniamo all'interno l'oggetto. Lasciamolo in ammollo per circa un quarto d'ora e risciacquiamolo solo con acqua calda oppure con acqua tiepida. Prendiamo un panno di cotone asciutto e pulito e asciughiamo perfettamente la superficie dell'oggetto in questione. Le macchie possono essere rimosse anche senza l'utilizzo dell'acqua: Prendiamo una spugnetta poco abrasiva la imbeviamo del succo di limone e aggiungiamo il sale sulla superficie. Strofiniamo direttamente sulla macchia e asciughiamo con un panno in cotone.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come pulire e lucidare il rame

Gli oggetti in rame sono molto belli da vedere, le pentole e gli attrezzi per la cucina hanno inoltre la particolarità di esaltare il sapore del cibo. Ricordiamo la veneta polenta, che si cucina con la farina di mais, acqua e sale, ma rigorosamente in...
Pulizia della Casa

Come pulire e colorare il rame

Avete delle pentole, degli utensili o degli oggetti antichi in rame rovinati e non sapete come pulirli o da colorarli? Se la risposta è sì, allora non dovete far altro che leggere questa guida, che vi spiegherà come intervenire su questo tipo di prodotti...
Pulizia della Casa

Come pulire il rame con prodotti naturali

Il rame insieme all'argento e all'oro, fanno parte della cosiddetta categoria dei "metalli nobili", visto che interagiscono benissimo tra loro, per creare diverse carature, come nel caso dell'oro puro che grazie appunto al rame, da 24 carati scende...
Pulizia della Casa

Come pulire diverse superfici in rame

Il rame è sicuramente uno dei metalli più noti già dall'antichità e che, ancora oggi, trova largo impiego nella fabbricazione di oggetti come monete, tubature di gas ed acqua, e per la realizzazione di padelle e pentole, così come mille altre applicazioni....
Pulizia della Casa

Come pulire le pantole di rame

Chi ha la passione per la cucina conosce le qualità delle pentole in rame. Esse sono più "calde" dell'acciaio, cioè hanno una capacità termica molto più elevata e sono un ottimo conduttore. Nelle pentole di rame il calore si diffonde uniformemente...
Pulizia della Casa

Come Pulire Il Rame

Ci sarà sicuramente capitato di dover ripulire alcuni particolari oggetti presenti all'interno della nostra abitazione ma di non sapere come fare per evitare che questi possano rovinarsi. Su internet potremo cercare fra le moltissime guide presenti,...
Pulizia della Casa

Come pulire al meglio le pentole di rame

Anche se la presenza di pentole in rame all'interno delle abitazioni è sempre più rara, alcuni continuano ad usarle per la loro buona conducibilità termica; il calore infatti si diffonde in maniera uniforme per tutta la pentola. Molti inoltre pensano...
Pulizia della Casa

Come pulire gli oggetti in rame con il dentifricio

Il dentifricio, è una pasta creata per la pulizia e lo sbiancamento dei denti. In commercio esistono varie tipologie di dentifrici ma, molti non li usano semplicemente per lavarsi i denti, ma li dirottano per altri usi come per esempio pulire scarpe...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.