Come pulire il rame con l'acido citrico

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Se in casa avete degli oggetti di rame come ciotole, vasi e soprattutto pentole, li potete pulire senza usare agenti chimici, ma affidandovi invece ad alcuni prodotti naturali come ad esempio l'acido citrico. Si tratta infatti di una sostanza in polvere vendibile in farmacia, e che è presente in grandi quantità nel limone. A tale proposito, ecco una guida su come ottimizzare il risultato.

27

Occorrente

  • Acido citrico
  • Aceto bianco
  • Spugna abrasiva
  • Panno da cucina
37

Applicare il prodotto direttamente sul rame

L'acido citrico ha notevoli proprietà disossidanti e pur essendo un tantino costoso, merita di essere utilizzato a fronte di prodotti chimici, che spesso possono provocare allergie o disturbi alle vie respiratorie. Oltre che in farmacia il composto è possibile tuttavia reperirlo anche nei centri di acquariologia, visto che in questo settore si usa come decalcificante per filtri biologici. Premesso ciò, dopo esservi accertati che l'oggetto da pulire sia effettivamente di rame al 100%, potete applicare l'acido citrico direttamente sulla superficie, ed aggiungervi poi qualche goccia di aceto bianco, ovvero un altro ottimo prodotto antiruggine naturale.

47

Strofinare l'acido insieme all'aceto

Dopo aver lasciato agire l'acido citrico e l'aceto per alcuni minuti, se le incrostazioni presenti sulla superficie in rame sono piuttosto spesse, allora potete usare una spugna abrasiva a grana sottile, strofinando energicamente e con movimenti circolari. Man mano che eseguite l'operazione, noterete subito che il colore dal marrone scuro comincia a diventare rosa pallido, il che significa aver eliminato tutta la patina che circondava l'oggetto. Continuando a strofinare con la spugna nei punti più stretti del rame come ad esempio sul bordino di cui si compone il coperchio di una pentola e le sue maniglie, potete poi asciugare la sostanza che nel frattempo è diventata da bianca a nera, usando un panno da cucina di spugna, oppure uno di daino.

Continua la lettura
57

Provvedere ad un accurato risciacquo

Il passaggio finale che vi consegna l'oggetto di rame lucido e pulito e nello specifico la pentola e il relativo coperchio appena descritti, consiste nel provvedere ad un accurato risciacquo, eliminando ogni residuo di acido utilizzato in precedenza. Inoltre è importante sottolineare che gli oggetti devono essere asciugati perfettamente per evitare che sulla superficie possa crearsi un'antiestetica patina di calcare, specie se si tratta di esporli in cucina su una piattaia o nel soggiorno come sottovasi per piante. Infine, vale la pena aggiungere che la pulizia del rame con l'acido citrico può rivelarsi ideale per ottenere il decapaggio del metallo, indispensabile qualora intendiate dorarlo con un processo elettrolitico.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come pulire e colorare il rame

Avete delle pentole, degli utensili o degli oggetti antichi in rame rovinati e non sapete come pulirli o da colorarli? Se la risposta è sì, allora non dovete far altro che leggere questa guida, che vi spiegherà come intervenire su questo tipo di prodotti...
Pulizia della Casa

Come pulire gli oggetti in rame

Gli oggetti in rame hanno un fascino senza tempo, ma per far sì che siano sempre evocativi, hanno bisogno di essere sottoposti a periodica pulizia. La pulizia del rame non serve solo per un fattore estetico, ma evita anche che con il passare del tempo...
Pulizia della Casa

Come pulire al meglio le pentole di rame

Anche se la presenza di pentole in rame all'interno delle abitazioni è sempre più rara, alcuni continuano ad usarle per la loro buona conducibilità termica; il calore infatti si diffonde in maniera uniforme per tutta la pentola. Molti inoltre pensano...
Pulizia della Casa

Come pulire gli oggetti in rame con il dentifricio

Il dentifricio, è una pasta creata per la pulizia e lo sbiancamento dei denti. In commercio esistono varie tipologie di dentifrici ma, molti non li usano semplicemente per lavarsi i denti, ma li dirottano per altri usi come per esempio pulire scarpe...
Pulizia della Casa

Come pulire le pantole di rame

Chi ha la passione per la cucina conosce le qualità delle pentole in rame. Esse sono più "calde" dell'acciaio, cioè hanno una capacità termica molto più elevata e sono un ottimo conduttore. Nelle pentole di rame il calore si diffonde uniformemente...
Pulizia della Casa

Come pulire una pentola di rame stagnato

Una volta il rame si usava spesso come materiale per produrre i recipienti da cottura. A tutt'oggi comunque questo metallo è sempre consigliabile per cibi che richiedono lunghe cotture. Oppure per delle preparazioni di pasticceria particolari. Di certo...
Pulizia della Casa

Come pulire diverse superfici in rame

Il rame è sicuramente uno dei metalli più noti già dall'antichità e che, ancora oggi, trova largo impiego nella fabbricazione di oggetti come monete, tubature di gas ed acqua, e per la realizzazione di padelle e pentole, così come mille altre applicazioni....
Pulizia della Casa

Come pulire e lucidare il rame

Gli oggetti in rame sono molto belli da vedere, le pentole e gli attrezzi per la cucina hanno inoltre la particolarità di esaltare il sapore del cibo. Ricordiamo la veneta polenta, che si cucina con la farina di mais, acqua e sale, ma rigorosamente in...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.