Come pulire il piano della cucina in okite

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L’okite è un materiale molto comune, utilizzato per la realizzazione di vari complementi d’arredo e anche di lavelli, frigoriferi e piani cottura, in quanto non si arrugginisce ed è di facile manutenzione. Un piano cottura in okite, presenta una lucentezza vitrea e anche una forte resistenza agli urti. In commercio esistono piani cottura in okite di designer e stili differenti. Ecco come pulire il piano della cucina in okite.

25

Occorrente

  • aceto bianco
  • bicarbonato di sodio
  • succo di limone o mela
  • panno in microfibra e di cotone
  • detergente per l'okite
  • spazzola a setole morbide
  • pugna non abrasiva
35

Inumidite la superficie del piano cottura con una spugna morbida. Passate uno scrub apposito per pulire l’okite e diffondetelo sul piano cottura con una spazzola, aventi setole in nylon. Aggiungete più acqua se è necessario, in modo che la soluzione non si secchi troppo. Sciacquate abbondantemente con acqua pulita. Usate un panno morbido o la spazzola di nylon per spazzare via ogni residuo di cibo e di sporco. Risciacquate solo con acqua e asciugate con un asciugamano in cotone. Ripetete questa operazione se è necessario o fino a quando tutte le macchie non vengono rimosse.

45

Rimuovete le griglie dal piano cottura e cospargete al di sopra il sale grosso. Aggiungete l'aceto bianco sopra il sale, preferibilmente utilizzando un flacone spray. Aggiungete un cucchiaino di bicarbonato di sodio sopra l'aceto. Lasciate agire per 5 minuti o poco più, avverrà un’azione effervescente che contribuirà ad eliminare le macchie di cibo sul piano di cottura. Se ci sono aree che sono particolarmente incrostate, eseguite questo procedimento di sera e lasciate agire durante la notte. Indossate un paio di guanti e strofinate il composto sopra il piano. Utilizzate uno spazzolino da denti con setole morbide, per rimuovere le incrostazioni più difficili. Risciacquate con acqua tiepida e asciugate con un panno in cotone.

Continua la lettura
55

Per evitare l'accumulo di depositi di calcare, risciacquate sempre il piano cottura accuratamente e asciugatelo dopo ogni utilizzo. Non usate mai forti agenti alcalini come soluzioni a base di ammoniaca o di soda caustica, per pulire l’okite. Evitate anche l'uso di sostanze altamente chimiche. Non pulite il piano cottura con polveri abrasive o pastiglie, in quanto possono graffiare la superficie, provocando una maggiore difficoltà nell'eliminare le macchie.
Pulite il piano cottura regolarmente, con un detergente delicato (o come consigliato dal produttore). È possibile inoltre, eseguire la lucidatura con il succo di limone o con l'aceto di mele. Spruzzate direttamente il succo sulla superficie e lucidate con un panno in cotone.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come pulire i battiscopa in alluminio

L’alluminio è un metallo molto comune, utilizzato per la realizzazioni di vari complementi d’arredo e anche di battiscopa, lavelli, frigoriferi e piani cottura, in quanto non si arrugginisce ed è di facile manutenzione. Un piano cottura in alluminio,...
Pulizia della Casa

Come pulire il piano della cucina in acciaio

L’acciaio è un metallo molto comune, utilizzato per la realizzazioni di vari complementi d’arredo e anche di lavelli, frigoriferi e piani cottura, in quanto non si arrugginisce ed è di facile manutenzione. Un piano cottura in acciaio, presenta una...
Pulizia della Casa

Come pulire il piano della cucina in quarzo

Il quarzo è un minerale molto comune, composto dal biossido di silicio (SiO2), di solito è incolore oppure bianco. Un piano cottura in quarzo, presenta una lucentezza vitrea e anche una forte resistenza agli urti. In commercio esistono piani cottura...
Pulizia della Casa

Come pulire un forno in acciaio

L’acciaio è un metallo molto comune, utilizzato per la realizzazioni di vari complementi d’arredo e anche di lavelli, frigoriferi, forni e piani cottura, in quanto non si arrugginisce ed è di facile manutenzione. Un forno in acciaio, presenta una...
Pulizia della Casa

Come pulire le spazzole per abiti

Le spazzole per gli abiti servono per rimuovere i pelucchi e la polvere dai tessuti; inoltre, sono presenti in commercio in materiali differenti, poiché in base al tipo di stoffa è necessario impiegare le setole giuste. Queste possono essere morbide...
Pulizia della Casa

Pulire lo stucco dai pavimento in pochi step

I lavori di ristrutturazione, come la posa in opera di un camino in sala o delle piastrelle in bagno e cucina, lasciano inevitabilmente le loro tracce sul pavimento di casa. In particolare cemento e stucco, se lasciati a contatto prolungato con la ceramica,...
Pulizia della Casa

Come eliminare le macchie da un pavimento in ardesia

I pavimenti in ardesia sono molto belli ma richiedono una manutenzione diligente, per evitare la formazione di macchie antiestetiche e l'accumulo di sporcizia con formazione di eventuali graffi. Si consiglia di eseguire una pulizia regolare e quotidiana....
Pulizia della Casa

Come pulire lo sporco ostinato sull'acciaio inossidabile

L'acciaio inossidabile risulta essere uno dei materiali che resiste maggiormente alla ruggine e alla fastidiosa opacità. Naturalmente, l'acciaio è in grado di durare perfettamente negli anni se viene eseguita una regolare e corretta manutenzione di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.