Come pulire i vasi di coccio

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Sono in molti ad amare i vasi di coccio, questi splendidi vasi rendono la propria abitazione elegante da un punto di vista artistico, donando anche un tocco esemplare di antico. Questi vasi, però, se non puliti bene, rischiano di perdere la loro bellezza originale. Tuttavia, in questa guida, scopriremo insieme come pulire i vasi di coccio sino a renderli perfetti!

26

Occorrente

  • Vaso di coccio, panno morbido, guanti, candeggina, aceto, olio di semi, tovagliolo.
36

La candeggina

Per pulire in modo dettagliato un vaso di coccio abbiamo bisogno di un prodotto sensazionale come la candeggina. Dal suo canto, la candeggina, ha il ruolo di disinfettante oltre che alla grande abilità di rendere puliti i vasi di coccio. Dopo aver messo in acqua il vaso versare al suo interno la candeggina lasciandola riposare per circa due giorni, dopo lo scadere dei giorni risciacquiamo il vaso che tornerà bello e splendente.

46

L'aceto

Se invece ci accorgessimo che all'interno del vaso ci sono piccoli strati di calcare possiamo eliminarlo grazie all'ausilio dell'aceto. L'aceto è il miglior alleato per una pulizia ottima e piena di risultati! Questo composto ci permetterà di eliminare tutti i strati di calcare che si addensano all'interno o all'esterno del nostro vaso. Dopo aver pulito bene il vaso, passiamo con una spugnetta bagnata d'aceto la parte che ci interessa, lasciamo che l'aceto svolga il suo compito lasciandolo agire per qualche minuto dopodiche, sempre con la stessa spugnetta, premiamo a fondo sino ad eliminare lo strato di calcare annidato all'interno​ del vaso. Risciacquiamo il tutto in acqua tiepida.

Continua la lettura
56

L'olio di semi

Dopo aver reso il vaso di coccio pienamente pulito, ci renderemo conto, che, la maggior parte di essi perde a lungo andare il suo originale colorito. Tutto questo avviene perché nel momento del lavaggio il vaso viene messo maggiormente a dura prova essendo trattato con prodotti che "mangiano" il suo colore in eccedenza. In questi casi, però, ci viene in aiuto un'altro alleato che oltre a rendere il vaso di coccio più vivo ha la capacità di renderlo ancora più bello. Stiamo parlando dell'olio di semi. Quest'olio (che possiamo acquistare in tutti i supermercati a prezzi abbastanza economici) ha la capacità di rendere brillante il vaso di coccio fino a sottoporlo ad un' intensa levigazione. Una volta che abbiamo lavato il vaso asciughiamolo con un panno morbido asciutto. Fatto ciò, imbeviamo con un po' d'olio di semi un tovagliolo e spalmiamolo su tutto il vaso fino a renderlo lucido. Lasciamo per qualche ora riposare il vaso affinché l'olio di semi faccia il suo corso. Una volta asciugato il nostro vaso sarà pronto!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Indossare sempre i guanti ad ogni lavaggio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come pulire le pentole in coccio

Le pentole in coccio hanno sempre avuto un loro fascino, sono utensili antichi ma con i loro vantaggi! Infatti queste pentole mantengono il calore anche dopo che il fuoco viene spento, assicurando una cottura dolce ed omogenea perfetta per i piatti che...
Pulizia della Casa

Macchie ostinate sulle pentole: consigli

A volte per lavare e igienizzare pentole e padelle non basta il semplice detersivo per piatti, togliere le macchie ostinate risulta una cosa difficilissima e i prodotti costosi non sempre riescono a risolvere il problema.Qui di seguito vi proponiamo alcuni...
Pulizia della Casa

Come lavare a mano le pentole

È sempre più ampia la diffusione di elettrodomestici tecnologicamente avanzati per le pulizie di casa. Sono un aiuto non da poco, poiché permettono di ottimizzare al meglio i tempi. Inoltre, permettono di fare meno fatica nelle faccende domestiche....
Pulizia della Casa

Come Lavare I Piatti In Modo Veloce Ed Efficace

Uno dei primi mestieri casalinghi che impariamo sin dalla giovane età è quello di lavare i piatti, perché si tratta di un'esigenza quotidiana, per tenere la cucina in ordine e pulita, con le stoviglie pronte per essere utilizzate al prossimo pasto....
Economia Domestica

6 modi per riutilizzare i vasi rotti

Per decorare giardini, terrazze e balconi generalmente si pensa a grandi e bei contenitori. Purtroppo pochi sono a conoscenza del fatto che si possono riutilizzare in maniera unica ed originale anche i vasi rotti per decorare e non solo, risparmiando...
Ristrutturazione

Come riutilizzare i materiali di risulta

I materiali di risulta sono quelli che derivano dalla demolizione di edifici ed essi andrebbero conferiti in apposite discariche e non dispersi nell'ambiente, tanto più che possono contenere rottami pericolosi, quali l'amianto. Proprio per scongiurare...
Arredamento

Come arredare il bagno con i fiori secchi

Arredare la propria casa non significa solo riempirla di mobili e quadri, ma esistono una serie di complementi d'arredo o accessori in grado di conferire un'atmosfera unica nel suo genere. Tra le varie stanze della casa, quella che di solito viene un...
Economia Domestica

Tecniche di conservazione domestica

Per avere ortaggi, verdura e frutta a disposizione anche oltre il loro periodo di maturazione, possiamo ricorrere ad alcune tecniche di conservazione domestica. Conservare correttamente gli alimenti vuol dire anche mangiare sano: durante il procedimento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.