Come pulire i tappeti con l'aceto

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Per pulire tanti ambienti e superfici all'interno della nostra casa ci sono una moltitudine infinita di prodotti, ma ormai quasi nessuno è più naturale al 100%. Questo può comportare tutta una serie di problemi: allergie, eruzioni cutanee ecc. Se volete evitare tutte queste problematiche, specialmente se avete bambini piccoli in casa, è opportuno virare su prodotti naturali, un su tutti è l'aceto. L'aceto davvero si presta a mille e più usi, e tra questi abbiamo anche la pulizia, dato la sua forte capacità scrostante e igienizzante. Tra le varie cose che si possono pulire con l'aceto rientrano anche le suppellettili della nostra casa, come i tappeti, che di certo sono belli e contribuiscono a rendere la casa più accogliente, ma tendono a raccogliere polvere e a macchiarsi facilmente. Che siano di lana, cotone o altri materiali sintetici, non è importante, queste sono caratteristiche comuni a tutti i tipi di tappeti, ma basta conoscere il metodo che illustrerò in questa guida per pulire facilmente e senza un'eccessiva fatica il vostro tappeto preferito. Ecco quindi come pulire i tappeti con l'aceto.

28

Occorrente

  • Mezzo litro di aceto bianco
  • Ccontagocce
  • Bacinella
  • Mezza tazzina di sale fine e mezza di bicarbonato (se la trama è particolarmente robusta usate quello grosso)
  • Panno morbido
  • Pennello
  • Vecchia spugna o spazzola se il tappeto è ruvido
  • Aspirapolvere o battipanni
  • Spugna
38

Per mantenere sempre belli e ordinati i tappeti di casa, occorre eseguire periodicamente una buona manutenzione, innanzitutto passandovi frequentemente l'aspirapolvere per asportare qualsiasi traccia di sporco e polvere, elementi che tendono a depositarsi a terra con estrema facilità. È inoltre anche buona norma non calpestarli mai con le stesse scarpe calzate per uscire, ma solo indossando calzature usate in casa (ma questa è una buona abitudine da osservare possibilmente anche per il pavimento). Quando notate aloni e tracce di sporco su tappeti che non si possono mettere in lavatrice o lavare manualmente, non vi resta che portarli a pulire in tintoria o agire con metodi casalinghi, risparmiando notevolmente.

48

La prima cosa da fare per pulire accuratamente il vostro tappeto è ovviamente eliminare tutto lo sporco in eccesso, rimuovendo con un'aspirapolvere o con il battipanni tutta la polvere che si è raccolta sul tappeto. In questo modo lavoreremo in un ambiente sicuramente più pulito ed eviteremo di dover ripetere le operazioni più volte, dato che la polvere tende ad assorbire i liquidi con cui viene a contatto.

Continua la lettura
58

Va poi valutata l'entità della macchia e la sua tipologia. Dobbiamo infatti considerare se la macchia è incrostata, o se è fresca. Se è incrostata cercate intanto di asportare delicatamente il sottile strato di sporco con il manico di un cucchiaino, poi con un pennello spazzolate via i residui; se invece si tratta di una chiazza fresca di unto, tamponatela immediatamente con carta assorbente, poi prendete un cucchiaino di amido di mais e picchiettatelo a lungo sullo sporco. Quando lo notate ben inzuppato, aspiratelo con il tubo dell'aspirapolvere (per non sporcare le spazzole) e sempre con un pennello spazzolate l'area. Iniziate poi a preparare l'efficace 'detergente' casalingo: mettete in un recipiente una bacinella l'aceto bianco leggermente intiepidito, il sale fine e il bicarbonato, quindi agitate bene la miscela.

68

Con un contagocce aspirate poco liquido e fatelo scendere, direzionandolo con precisione sulla zona chiazzata. Inzuppate una pezza di cotone (va benissimo un pezzo di un vecchio asciugamano), strizzatela e passatela con decisione sulla parte macchiata. Ripetete l'operazione più volte sino ad eliminare la macchia e se questa dovesse risultare piuttosto resistente, sfregatevi un pezzetto di sapone di Marsiglia; lasciatelo in posa alcune ore e poi strofinate la zona con uno straccetto umido, quindi passatevi nuovamente un panno imbevuto nella miscela preparata precedentemente.

78

Procedete con la totale pulizia del tappeto passandovi lo straccio nuovamente imbevuto e strizzato nel liquido e strofinate delicatamente l'intera superficie (anche la parte del retro), igienizzando completamente il tessuto. Con una pezza pulita, bagnata in acqua tiepida e strizzata, eseguite una specie di risciacquo sul sopra e sul sotto e infine fate asciugare il vostro tappeto possibilmente all'esterno oppure appoggiandolo sullo stendibiancheria e lasciando aperta qualche ora la finestra: trascorso il tempo necessario, lo potrete finalmente riporre ben pulito e con le tinte perfettamente brillanti.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La quantità di micela all'aceto può essere ovviamente aumentata o diminuita secondo l'ampiezza del tappeto da pulire. Non preoccupatevi per l'odore: se ne andrà completamente in breve tempo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come pulire i tappeti di valore

Siamo tutti d'accordo che i tappeti, anche il bellissimo persiano che abbiamo in casa, col tempo, si riempiono di polvere o macchie e necessariamente hanno bisogno di essere sottoposti ad un'operazione di nettoyage Tuttavia, anche se abbiamo prestato...
Arredamento

Consigli per la scelta dei tappeti nella zona giorno

Nella decorazione d'interni la scelta di un tappeto costituisce un'operazione delicata: puó rappresentare il tocco di classe che definisce un ambiente, cosí come farlo apparire pacchiano o privo di personalitá. Fattore estetico a parte, i rischi di...
Pulizia della Casa

Come pulire i tappeti a vapore

Sporco e macchie che attaccano in profondità i tappeti, oltre ad essere poco piacevoli alla vista, possono danneggiare gravemente le fibre e l'imbottitura protettiva. A queste problematiche, si aggiunge l'eccessiva polvere di un tappeto, che può provocare...
Pulizia della Casa

Come sbattere correttamente i tappeti

La cura e la manutenzione dei notri tappeti è un qualcosa di molto importante se vogliamo che i tappeti si conservino alla perfezione nel tempo. Oltre a curare e mantenere i nostri tappeti utilizzando prodotti appositi, dovremo sbatterli correttamente...
Pulizia della Casa

Come pulire i tappeti in modo ecologico

I tappeti sono degli indispensabili elementi di arredamento che non devono mancare nella vostra casa: che siano colorati, persiani, orientali, in fibre naturali o sintetiche, inoltre sono destinati a sporcarsi molto facilmente ed è quindi molto importante...
Arredamento

Come scegliere un tappeto

Il tappeto è entrato a far parte della casa ormai da anni. Il tappeto può essere definito a tutti gli effetti parte dell'arredamento. La sua funzione prettamente funzionale si è trasformata, nel corso di tutti questi anni, in una funzione principalmente...
Pulizia della Casa

Come eliminare le macchie dai tappeti

Mettere dei tappeti in casa, è un qualcosa di fondamentale importanza se vogliamo valorizzare a dovere il nostro salotto, la nostra camera da letto oppure il nostro studio, nel caso lo possedessimo. Tuttavia, i tappeti possono macchiarsi molto facilmente,...
Pulizia della Casa

Come rimuovere l'odore di naftalina dai tappeti

Tutte le fibre tessili, così come il legno, sono soggetti ad usura e deterioramento. Il tempo non è amico né dei mobili, né dei tessuti. Oltre all'invecchiamento naturale della materia, infatti, concorrono nelle operazioni di danneggiamento, sia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.