Come pulire i carciofi

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

I carciofi sono una verdura originaria del Nord Africa; essi sono stati coltivati in Italia fin dall'epoca romana. Quando si comprano i carciofi freschi bisogna prestare attenzione; essi infatti devono essere: stretti, con le foglie compatte, senza rughe e con poche macchie brunastre. È opportuno scegliere quelli più piccoli; i carciofi possiedono tantissimi elementi nutritivi per cui si possono preparare delle gustosissime ricette. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette indicazioni su come pulire i carciofi correttamente.

26

Occorrente

  • Coltello
  • Ciotola in acciaio
  • Limone
  • Cucchiaio
36

Utilizzare limone o aceto

Per pulire i carciofi si può utilizzare un coltello ed una ciotola in acciaio inox. Il ferro e l'alluminio fanno diventare i carciofi blu oppure neri quindi è consigliabile utilizzare successivamente dell'acqua acidula con il limone oppure l'aceto per prevenire l'imbrunimento. I carciofi sono particolarmente inclini all'ossidazione per questo motivo è opportuno strofinarli in superficie con un limone, subito dopo il taglio. Quando si puliscono i carciofi quindi si deve tagliare un limone a metà; poi si spreme nella ciotola e si aggiungono acqua fredda e qualche fetta di limone. Per evitare problemi alle mani durante la pulizia dei carciofi è preferibile l'uso dei guanti.

46

Tagliare il carciofo

A questo punto si deve cominciare ad eliminare la parte superiore del carciofo. Poi, si strofina il limone sul bordo che è tagliato. Successivamente si taglia il gambo, non eccessivamente in quanto esso ha un ottimo sapore. In seguito si sbuccia la parte esterna fibrosa del gambo, partendo dal basso. Quando si raggiunge la testa del carciofo bisogna tirare fuori con il coltello le foglie più basse. È preferibile strofinare il gambo con mezzo limone per impedire che sbiadisca.

Continua la lettura
56

Togliere le foglie scure

Ora si devono tirare fuori con le dita le foglie che sono scure, ruvide e dure; bisogna cioè trovare le foglie che sono verdi e tenere. Poi, con il coltello si ripulisce il bordo dove sono state tolte le foglie; per eliminare l'interno spinoso basta utilizzare un cucchiaio. Successivamente si posiziona il carciofo sul tagliere e si taglia a metà per togliere le fibre pelose che sono al centro. A questo punto si mettono i carciofi nell'acqua acidula e si lasciano fino a quando devono essere cucinati. Si coprono con un piatto e si tengono nell'acqua con il limone. In seguito i carciofi si possono utilizzare per qualsiasi ricetta. Generalmente essi vengono cucinati: fritti, ripieni, alla griglia, ecc.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Indossiamo all'occorrenza anche un paio di guanti
  • Stiamo attenti alle spine

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare i carciofi sott'aceto

I carciofi sono uno dei tipici prodotti della primavera e in questa stagione è possibile trovarli molto facilmente nei banchi del mercato. Non dobbiamo pensare però di dovercene privare durante gli altri periodi dell'anno: con una conserva preparata...
Economia Domestica

Frutta e verdura di stagione: la spesa di Dicembre

Per vivere bene e per mangiare sano, è indispensabile sempre mangiare i frutti e le verdure di stagione che ogni mese dell'anno è in grado di offrirvi. In ogni mese dell'anno infatti, sono disponibili diversi tipi di frutta e verdura, adatti per la...
Economia Domestica

Mese di marzo: guida agli ortaggi da comprare

Il terzo mese dell'anno è quello che ci conduce verso lo sbocciare della primavera. A marzo, gli inconfondibili colori e sapori di questa stagione, entrano nelle nostre case con tutto il loro carico di naturale bontà. Nel mese di marzo la tavola risulta...
Economia Domestica

Come riutilizzare gli scarti delle verdure in cucina

Ridurre gli sprechi è da sempre pratica buona e giusta, riducendo rifiuti e massimizzandone l'utilizzo.Così facendo si andrebbe inevitabilmente a ridurre le spese, sfruttando al massimo ciò che si ha già in casa. La cucina, ad esempio, è il luogo...
Economia Domestica

Guida alla spesa di stagione: inverno

Nell'ultimo secolo, grazie al progresso tecnologico, è possibile reperire sui banchi del supermercato o del fruttivendolo, frutta e verdura fuori stagione proveniente da chissà dove o più semplicemente prodotta nelle serre. Probabilmente ognuno di...
Economia Domestica

Come conservare gli alimenti in salamoia

Molti hanno la passione di preservare gli alimenti in salamoia, che possono essere olive, oppure peperoni, o ancora dei buonissimi funghi e così via dicendo. Ma prima di tutto, bisogna sapere cos'è la salamoia e sopratutto come la si può creare. La...
Economia Domestica

Come conservare frutta e verdura fresca in frigo

Se diamo una rapida occhiata ai tempi trascorsi, considerando quanto fosse complicato conservare gli alimenti in mancanza della moderna tecnologia, ci rendiamo conto di vivere attualmente in un periodo sicuramente vantaggioso per l'uomo, scevro da molte...
Economia Domestica

Come scegliere la centrifuga per frutta e verdura

La centrifuga è un elettrodomestico indispensabile in cucina. Grazie ad essa è possibile realizzare succhi e centrifugati di frutta e verdura ottimi e salutari, senza particolare sforzo e velocemente. In commercio ne esistono svariati modelli. Ecco...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.