Come pulire gli stampi in silicone

tramite: O2O
Difficoltà: facile
18

Introduzione

Oggi giorno in cucina, al posto delle vecchie teglie, si usano sempre più spesso gli stampi in silicone, perché sono più pratici e igienici e consentono di dare forme estrose e originali ai nostri dolci. Bisogna però prestare attenzione ad alcune accortezze per farle durare nel tempo e non rovinarli. Vediamo quindi come pulire gli stampi in silicone.

28

Occorrente

  • Straccio
  • Scolapiatti
  • Acqua tiepida
  • Panno umido
38

Gli stampi di silicone sono ormai molto diffusi in cucina. Basteranno delle piccole accortezze per riuscire a pulirle per bene dopo l'utilizzo. Ad esempio, quando andremmo ad estrarre la torta o i dolcetti dal nostro stampo, dovremmo per prima cosa rivoltarlo da dentro a fuori. Accade infatti che frammenti di dolce possano rimanere nelle pieghe delle forme, e questi vanno rimossi affinché lo stampo non prenda cattivo odore. Ricordiamoci però di non utilizzare coltelli o altri oggetti taglienti: interveniamo con le mani o al limite con la spugnetta per i piatti, usando la parte non abrasiva.

48

Bisognerà assolutamente evitare di usare detersivi o detergenti di qualunque genere, che impregnerebbero il silicone del loro odore e renderebbero lo stampo inutilizzabile per cucinare di nuovo. Mettiamo lo stampo rovesciato sotto l'acqua corrente, un po' tiepida ma non troppo, tanto da sciogliere i residui ma non da surriscaldare il materiale dello stampo, e verifichiamo che non rimanga niente nemmeno negli angoli più nascosti.

Continua la lettura
58

Quando lo stampo sarà pulito, potremmo asciugarlo, tamponando con uno strofinaccio morbido, poi, tenendolo sempre rovesciato, appendiamolo allo scolapiatti e lasciamo che asciughi ben bene, in modo che non resti nemmeno un po' d'acqua. Quando vedremo che sarà ben asciutto, potremmo rimetterlo nella sua forma originaria. Quindi lo possiamo riporre in uno scaffale in modo che non abbia altre pentole sopra, perché il loro peso lo potrebbe deformare.

68

Gli stampi in silicone devono essere sempre lavati prima del loro primo utilizzo, in questo modo eviteremo che i cibi entrano in contatto con eventuali sostanze nocive presenti sulla superficie.
Per mantenere i nostri stampi nel tempo non dobbiamo sistemarli in luoghi a contatto con fonti di calore. Possiamo tranquillamente riporli uno sopra l’altro e collocarli nella credenza o in un cassetto. Infine, appena terminiamo di utilizzare gli stampi, passiamo sulla superficie un panno umido, andando a rimuovere gran parte dei residui alimentari. In questo modo renderemo più semplice le operazioni di pulizia.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Evitiamo detergenti nocivi
  • Puliamoli con dell'acqua tiepida
  • Stiamo attenti a non deformarli nel tempo
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come riutilizzare stampi e formine per dolci

Se in casa abbiamo degli stampi per torte in alluminio che sono anneriti e preferiamo non versarci dell'impasto dentro oppure delle formine in silicone che si sono rovinate con il calore non è il caso di buttarle. Con un po' di fantasia e di abilità...
Pulizia della Casa

Come pulire un tritarifiuti elettrico

Il tritarifiuti elettrico è uno tra gli elettrodomestici più pratici e diffusi nelle cucine moderne. Esso, infatti, è stato appositamente progettato per liberare la casa da tutti i rifiuti vegetali o organici che solitamente avanzano dopo un pranzo...
Pulizia della Casa

Come fare il sapone dall'olio usato

L'olio della frittura potrebbe essere particolarmente dannoso per l'ambiente se questo viene buttato via, dopo essere stato usato, in modo scorretto. Esistono degli appositi punti di raccolta per gettare via l'olio usato ma perché non trarne vantaggio...
Esterni

Come piazzare un vialetto nel giardino

La prima impressione è un fattore sempre più importante in tutti gli aspetti della propria vita. Nell'aspetto fisico, nel carattere ma anche dei propri oggetti materiali, come può essere la casa. Non tutti dispongono di un giardino nella propria casa...
Pulizia della Casa

Come lavare i pirottini in silicone

Quando ci dedichiamo alla preparazione di gustosi dolci, impieghiamo diversi strumenti. I diversi impasti prendono forma all'interno di particolari stampi aventi misure e forme differenti. Se vogliamo stupire i nostri ospiti con un ottimo dessert al forno,...
Economia Domestica

Come fare la pasta di bicarbonato e maizena

Se amate le decorazione fai da te, sicuramente conoscete la lavorazione del das e dell'argilla. Avete mai provato, a modellare invece una pasta di bicarbonato e maizena? Esso è un metodo parecchio più economico per creare oggi meravigliosi oggetti prodotti...
Pulizia della Casa

5 detersivi fai da te per la lavastoviglie

Preferire la lavastoviglie piuttosto che lavare i piatti a mano, si traduce in un netto risparmio d'acqua e di energia. Per quanto riguarda il detersivo i costi non sono altrettanto contenuti, ma possono invece pesare significativamente sulla propria...
Arredamento

Come scegliere gli utensili da cucina

Che siate cuochi provetti o casalinghe con la passione per l'arte culinaria, una cosa è certa: avete bisogno degli attrezzi giusti. Scegliere gli utensili da cucina è importante sia per realizzare piatti di successo sia per cuocere i cibi con criterio,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.