Come pulire gli oggetti in plastica

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La plastica rappresenta probabilmente uno dei materiali più utilizzati per la realizzazioni di numerosi oggetti. È capitato sicuramente ad ognuno di noi almeno una volta di voler pulire un oggetto di plastica ma di non sapere esattamente come fare. Pertanto in questa guida verrà spiegato in pochi e semplici passaggi il procedimento corretto.

26

Occorrente

  • bicarbonato
  • aceto di vino bianco
  • alcool o detergente per vetri
  • limone
  • panno in microfibra
36

Solitamente la plastica è un materiale piuttosto semplice da pulire e non necessita di grande attenzione. Tuttavia, se vengono adoperati dei prodotti errati, si rischia di danneggiare inesorabilmente la superficie dell'oggetto. Per poter lavare un oggetto in plastica quindi dobbiamo per prima cosa immergerlo nell'acqua non troppo fredda e poi aggiungere un sapone neutro. È importante in questi casi non utilizzare mai dell'acqua calda che potrebbe rovinare l'oggetto. Dopodiché risciacquiamo bene oppure puliamo utilizzando un semplice panno umido. Particolarmente consigliati sono i panni in microfibra che risultano essere molto delicati ma al tempo stesso efficaci.

46

Alcuni oggetti sono più difficili da pulire e disinfettare. In questo caso possiamo usare una soluzione di aceto e acqua e aggiungere del bicarbonato per le incrostazioni più difficili. Sfreghiamo i punti difficili con uno spazzolino vecchio o con una spazzolina per le unghie. Se le tende della doccia sono in plastica, possono essere lavate lasciandole in ammollo in acqua e aceto e dopo risciacquate. Il bicarbonato di sodio sciolto in acqua è utile anche per pulire l'interno delle bottiglie: basterà inserirlo all'interno con un imbuto agitando per lavare bene le pareti interne. Trascorse le ventiquattro ore risciacquiamo abbondantemente. Facciamo attenzione a non usare acidi, detergenti o spugne abrasive sulla plastica per non strisciarne la superficie oppure corroderla. Gli elettrodomestici e i dispositivi elettronici con delle parti in plastica non devono essere bagnati: scolleghiamoli sempre dalla corrente o rimuoviamo le batterie. Passiamo un panno umido o leggermente imbevuto di aceto per pulire le aree sporche e lasciamo asciugare per alcune ore prima di utilizzarlo.

Continua la lettura
56

Per rimuovere gli odori dai contenitori di plastica possiamo usare svariati ingredienti naturali: limone, fondi di caffè, bicarbonato, carbone. Mettiamo il contenitore al sole oppure inseriamo della carta da giornale all'interno per una notte finché il cattivo odore verrà assorbito.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come pulire oggetti laccati in gesso e in ottone in modo naturale

Le nostre case sono sempre pieni di oggetti, alcuni di valore altri un po' meno. Averne cura è un nostro dovere se vogliamo che tutto rimanga in ordine. Pulire correttamente i nostri oggetti è un qualcosa di fondamentale se vogliamo che tali oggetti...
Pulizia della Casa

Come pulire il forno dalla plastica bruciata

Capita a tutti di fare degli errori in cucina. Ad esempio possiamo aver messo un contenitore di plastica dentro il forno acceso. Naturalmente la plastica si è fusa e si è appiccicata per bene alla superficie. La puzza di plastica e il fumo sarà sicuramente...
Pulizia della Casa

Come pulire gli oggetti in rame

Gli oggetti in rame hanno un fascino senza tempo, ma per far sì che siano sempre evocativi, hanno bisogno di essere sottoposti a periodica pulizia. La pulizia del rame non serve solo per un fattore estetico, ma evita anche che con il passare del tempo...
Pulizia della Casa

Come pulire i contenitori di plastica

I contenitori di plastica vengono utilizzati per preservare diversi prodotti alimentari e per riporre oggetti di uso comune, grazie alla loro praticità e resistenza. Di seguito vedremo come pulirli in modo adeguato ed igienizzarli per un uso ottimale....
Pulizia della Casa

Come pulire gli oggetti d'acciaio

L’acciaio è un composto di metalli che oltre alla resistenza offre il vantaggio di non ossidarsi. Quando in casa abbiamo oggetti realizzati con questo materiale come posate, posacenere e fermacarte, può capitare che le superfici si opacizzano o...
Pulizia della Casa

Come pulire gli oggetti in rame con il dentifricio

Il dentifricio, è una pasta creata per la pulizia e lo sbiancamento dei denti. In commercio esistono varie tipologie di dentifrici ma, molti non li usano semplicemente per lavarsi i denti, ma li dirottano per altri usi come per esempio pulire scarpe...
Pulizia della Casa

Come pulire gli oggetti in cromo ed in rame

Il cromo e il rame sono due meravigliosi materiali che rendono gli oggetti presenti nella vostra abitazione molto lucidi e brillanti oppure abbastanza opachi e romantici.Nella seguente interessante e informativa guida che vi enuncerò in modo dettagliato...
Pulizia della Casa

Come pulire le tovaglie di plastica

Le tovaglie di plastica sono davvero utili in quanto fanno in modo che il tavolo, in fase di utilizzo, non si sporchi con le bibite e gli alimenti e nel contempo lo difende da possibili graffi. Il loro uso è ideale in casa ed, in modo particolare, quando...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.