Come pulire gli oggetti in ceramica

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Molto spesso in casa su possiedono degli oggetti d'arredamento in ceramica. Essi sono senza dubbio estremamente eleganti e raffinati e conferiscono all'ambiente un tocco classico senza però risultare pesanti. Questi oggetti però necessitano di molte attenzioni e vanno puliti piuttosto frequentemente affinché non si rovinino e non perdano la loro bellezza. Per la cura degli oggetti in ceramica è possibile adoperare dei detergenti specifici che vengono venduti nei negozi oppure si possono usare dei metodi alternativi. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato, in pochi e semplici passaggi, come pulire questi oggetti.

25

Occorrente

  • Acqua, aceto, alcol, detersivo per piatti, cera d'api liquida, sapone di marsiglia, bicarbonato
35

Togliere la polvere

Per prima cosa bisogna sicuramente procedere a rimuovere la polvere presente sugli oggetti in ceramica. Per farlo è possibile adoperare dei semplici panni in tessuto, che devono essere abbastanza morbidi e delicati. È consigliabile inoltre adoperare un panno in lana in modo tale da non rischiare di graffiare l'oggetto.

45

Usare l'acqua calda

Il primo tipo di ceramica esistente è quello a pasta compatta. Rientrano in questa categoria il gres e le porcellane. Per pulire questo tipo di ceramica potremo effettuare una pulizia di base con acqua calda, da ripetere eventualmente anche tutti i giorni. Se però ci fossero delle macchie o per un'azione igienizzante, dovremo versare nel secchio tre litri di acqua calda, quattro cucchiai di aceto bianco e quattro cucchiai di alcol. Utilizziamo questa soluzione per pulire il pavimento oppure gli oggetti, eventualmente arieggiando un po' la stanza se l'odore intenso dovesse darci fastidio.

Continua la lettura
55

Usare l'aceto bianco

Il secondo tipo di ceramica esistente è quello a pasta porosa. Rientrano in questa categoria le maioliche, le terraglie e le terracotte. Per pulire questo tipo di ceramica versiamo nel secchio tre litri d'acqua calda, quattro cucchiai d'aceto bianco, quattro cucchiai d'alcol ed una goccia di detersivo per piatti. Una volta al mese tuttavia sarà necessario lucidare la ceramica, in modo da preservare sempre il loro splendore. Per far ciò uniamo al composto precedentemente preparato tre cucchiai di cera d'api liquida. Se infine ci fossero delle macchie insistenti, togliamole strofinando la zona con del sapone di marsiglia e del bicarbonato. In questa operazione usiamo una spugna molto morbida imbevuta leggermente d'acqua. Terminata l'operazione risciacquiamo bene la superficie con uno straccio bagnato ed assicuriamoci di togliere tutti i residui di sapone.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come pulire un lavello in ceramica

Questa guida può risultare molto utile a tutti coloro che desiderano sapere come pulire un lavello in ceramica in maniera approfondita e senza rischiare di rovinare la superficie in ceramica, essendo essa particolarmente delicata e suscettibile di...
Pulizia della Casa

Come pulire le macchie di tinta dalla ceramica dei sanitari

Molte persone utilizzano la tintura per colorare i propri capelli e la maggior parte esegue questa operazione nel lavandino o nella vasca da bagno senza usare alcuna protezione. Di conseguenza, accade spesso che la tintura possa lasciare delle macchie...
Pulizia della Casa

Come Pulire Piastrelle In Ceramica O Gres

Una casa bella e sempre in ordine è il desiderio nascosto di ogni padrone di casa, ma affinché ciò possa realizzarsi è indispensabile mantenere sempre perfettamente pulita ogni superficie. Certamente le superfici che richiedono più manutenzione e...
Pulizia della Casa

Come pulire gli oggetti di porcellana

Chi possiede degli oggetti di porcellana sa bene che, con il passare del tempo, sulla superficie dell'oggetto si forma una sgradevole patina gialla, frutto dell'usura del tempo e dell'incuria: questa deve essere necessariamente rimossa per far tornare...
Pulizia della Casa

Come pulire lo stucco dai pavimenti in ceramica

A seconda del tipo di pavimento, le macchie di stucco possono essere eliminate con metodi diversi per essere rimosse. La prima operazione da fare, è sempre quella di spazzare efficacemente la superficie con una comune scopa. Ecco vari metodi e diversi...
Pulizia della Casa

Come pulire il pavimento in ceramica

Con l'arrivo della primavera, e delle belle giornate, potremo finalmente pulire in maniera integrale, tutte le stanze della nostra abitazione. Queste giornate, sono le giornate ideali per poter aprire le finestre, fare entrare aria pulita, e far cambiare...
Pulizia della Casa

Come pulire oggetti laccati in gesso e in ottone in modo naturale

Le nostre case sono sempre pieni di oggetti, alcuni di valore altri un po' meno. Averne cura è un nostro dovere se vogliamo che tutto rimanga in ordine. Pulire correttamente i nostri oggetti è un qualcosa di fondamentale se vogliamo che tali oggetti...
Pulizia della Casa

Come pulire gli oggetti in rame

Gli oggetti in rame hanno un fascino senza tempo, ma per far sì che siano sempre evocativi, hanno bisogno di essere sottoposti a periodica pulizia. La pulizia del rame non serve solo per un fattore estetico, ma evita anche che con il passare del tempo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.