Come pulire e lucidare il rame

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Gli oggetti in rame sono molto belli da vedere, le pentole e gli attrezzi per la cucina hanno inoltre la particolarità di esaltare il sapore del cibo. Ricordiamo la veneta polenta, che si cucina con la farina di mais, acqua e sale, ma rigorosamente in pentole di rame. Questo metallo, che ha origini molto antiche richiede però delle cure per mantenerlo bello e lucente. Il pericolo che si ossidi e che presenti macchie verdastri esiste, quindi è importante pulire e lucidare il rame per mantenerlo come nuovo. Vediamo come è possibile farlo.

27

Occorrente

  • Sale
  • Aceto o in alternativa succo di limone
  • Farina
  • Alcool denaturato
  • Talco
  • Prodotti per la lucidatura (facoltativo)
  • Spugna morbida
37

Innanzi tutto è importante non utilizzare spugnette, che siano particolarmente invasive, perché sicuramente tolgono lo sporco, ma incidono sul rame, graffiandolo inesteticamente. Quindi acqua e detersivo, alternandolo al sale da cucina ed all'aceto vanno benissimo. In alternativa anche il limone spremuto toglie le macchie e lucida il rame. L'importante è usare sempre cautela con le spugne e la detersione, prodotti appositi per la lucentezza del rame, danno un ottimo risultato senza danneggiare il prodotto, nel caso si debbano pulire dei quadretti o dei soprammobili.

47

Prodotti naturali come il bicarbonato possono sostituire detersivi troppo forti e per togliere le eventuali macchie di ossidazione, possiamo preparare un composto formato da talco ed alcool denaturato, intingere un panno morbido in esso e passare i nostri oggetti di rame. Naturalmente in seguito si toglierà il composto, che abbiamo precedentemente steso con acqua e detersivo per piatti, asciugando con strofinacci morbidi.

Continua la lettura
57

Oltre ai prodotti appositi che troviamo nei supermarket e nei negozi che trattano di detergenti, possiamo preparare da soli in casa altri preparati naturali, uno di questi lo otteniamo sciogliendo sale nell'aceto e quindi aggiungendo farina bianca. Amalgamiamo bene il tutto e stendiamo sull'oggetto da pulire. Dopo avere lasciato agire il nostro detergente naturale, sciacquiamo con acqua calda ed asciughiamo con un panno morbido.

67

Anche se può essere difficile crederlo, anche il Ketchup è una sostanza che possiamo usare per pulire il rame, facendo attenzione a non sporcarci. Stendiamolo negli oggetti da pulire, specialmente se si notano le famose macchie verdi di ossidazione e lasciamolo riposare ed agire per almeno cinque minuti. Quindi laviamo bene e togliamo ogni residuo rosso, se è il caso anche con le dita ed asciughiamo con un panno morbido, il risultato ci stupirà!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come pulire gli oggetti in rame

Gli oggetti in rame hanno un fascino senza tempo, ma per far sì che siano sempre evocativi, hanno bisogno di essere sottoposti a periodica pulizia. La pulizia del rame non serve solo per un fattore estetico, ma evita anche che con il passare del tempo...
Pulizia della Casa

Come pulire gli oggetti in rame con il dentifricio

Il dentifricio, è una pasta creata per la pulizia e lo sbiancamento dei denti. In commercio esistono varie tipologie di dentifrici ma, molti non li usano semplicemente per lavarsi i denti, ma li dirottano per altri usi come per esempio pulire scarpe...
Pulizia della Casa

Come pulire gli oggetti in cromo ed in rame

Il cromo e il rame sono due meravigliosi materiali che rendono gli oggetti presenti nella vostra abitazione molto lucidi e brillanti oppure abbastanza opachi e romantici.Nella seguente interessante e informativa guida che vi enuncerò in modo dettagliato...
Pulizia della Casa

Come pulire le pantole di rame

Chi ha la passione per la cucina conosce le qualità delle pentole in rame. Esse sono più "calde" dell'acciaio, cioè hanno una capacità termica molto più elevata e sono un ottimo conduttore. Nelle pentole di rame il calore si diffonde uniformemente...
Pulizia della Casa

Come pulire diverse superfici in rame

Il rame è sicuramente uno dei metalli più noti già dall'antichità e che, ancora oggi, trova largo impiego nella fabbricazione di oggetti come monete, tubature di gas ed acqua, e per la realizzazione di padelle e pentole, così come mille altre applicazioni....
Pulizia della Casa

Come pulire al meglio le pentole di rame

Anche se la presenza di pentole in rame all'interno delle abitazioni è sempre più rara, alcuni continuano ad usarle per la loro buona conducibilità termica; il calore infatti si diffonde in maniera uniforme per tutta la pentola. Molti inoltre pensano...
Pulizia della Casa

Come pulire una pentola di rame stagnato

Una volta il rame si usava spesso come materiale per produrre i recipienti da cottura. A tutt'oggi comunque questo metallo è sempre consigliabile per cibi che richiedono lunghe cotture. Oppure per delle preparazioni di pasticceria particolari. Di certo...
Pulizia della Casa

Come pulire e lucidare l'ottone con prodotti naturali

L'ottone è una lega composta prevalentemente da rame e zinco, elementi che gli danno una buona resistenza alla corrosione. Nelle nostre case l'ottone si trova dappertutto: maniglie, serrature, letti, rubinetteria e molto altro. Le persone per pulirlo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.