Come pulire e conservare i mobili da giardino in legno e fibre

Tramite: O2O 23/09/2016
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Non di rado chi possiede una casa con giardino è solito adornare quest'ultimo con mobili generalmente in legno oppure in fibre. Questo tipo di arredamento però richiede numerose cure ed attenzioni affinché possa risultare sempre bello ed in ordine. Pulire e conservare i mobili da esterni può sembrare un'operazione piuttosto complicata ma in realtà non è affatto così: basta infatti seguire solamente alcuni semplici e pratici consigli per non sbagliare. In questa guida pertanto verrà spiegato dettagliatamente come fare.

26

Occorrente

  • Sapone di mrsiglia
  • Olio di lino cotto
  • Cera per mobili
  • Impregnante per legno
  • Panno a trama compatta
  • Pennelli morbidi
36

La prima cosa fondamentale che bisogna fare per poter mantenere i propri mobili situati in giardino sempre belli e puliti consiste nello spolverarli accuratamente. Per poter effettuare questo lavoro facilmente occorre procurarsi dei panni a trama compatta piuttosto resistenti e alcuni pennelli morbidi che serviranno a pulire i mobili nelle zone più complicate. Ci sono alcune tipologie di legno che però necessitano di trattamenti specifici come l'olio di lino che aiuta a ravvivare il colore oppure una cera protettiva che fa in modo che lo sporco non penetri all'interno delle fibre del mobile. Nel caso in cui la lucidatura fosse ormai rovinata, è consigliabile carteggiare il mobile ed effettuare due passate di impregnante per proteggere la superficie dall'umidità.

46

Bisogna far assorbire il prodotto e poi ripassare un panno morbido. I mobili in legno devono essere messi al riparo, preferibilmente riponendoli in un ambiente chiuso: solo quelli in teak possono essere lasciati all'esterno anche durante tutta la stagione fredda. Anche le sedie e tavolini devono essere spolverati con cura adottando una spazzola, mentre i mobili in fibra (rattan), potranno essere puliti con l'aspirapolvere per eliminare tutta la polvere che si è annidata nell'intreccio. Per una maggiore pulizia, puoi lavare i tuoi mobili con del sapone di Marsiglia. In seguito risciacqua e fai asciugare all'aria aperta.

Continua la lettura
56

Dopo aver effettuato il lavaggio le fibre si devono asciugare molto bene. In un secondo tempo poi proteggi anche quest'ultime con dell'impregnante. In caso vi sia presenza di muffa, utilizza uno straccio imbevuto con acqua e ammoniaca. Con alcuni materiali che compongono i mobili da giardino (midollino, rattan, vimini e bambù) non bisogna utilizzare solventi e acidi perché possono danneggiare irrimediabilmente le fibre. Infine, ricorda in autunno di riporre i mobili in un ambiente coperto, lontano dall'umidità.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Esterni

Come verniciare i mobili da giardino

Il giardino è un luogo splendido in cui potersi godere un bel po' d'aria fresca nella propria abitazione. Molti giardini sono talmente ampi, che è possibile arredarli con mobili adatti e specifici per l'aria aperta. Mobili in legno, in vimini e in ferro,...
Esterni

Come proteggere i mobili da giardino in vimini

Il vimine, solitamente intrecciato, è molto utilizzato per la costruzione di accessori da giardino: mobili, tavoli, sedie. Si tratta di un legno molto resistente ma al tempo stesso facilmente lavorabile grazie alla sua flessibilità. Una volta essiccato...
Esterni

Come rimuovere la muffa dai mobili da giardino

Mobili da giardino con la muffa? Purtroppo capita spesso. Invece di buttare via i nostri mobili da giardino, decidendo di affrontare anche una spesa importante per acquista dei mobili nuovi, possiamo provare a rimuovere la muffa in maniera efficace con...
Esterni

Il modo migliore per riporre i mobili del giardino in inverno

Se possedete un giardino sapete bene quanto sia confortevole e divertente passare delle serate estive seduti su una sdraio a parlare con degli amici o semplicemente organizzare una cenetta all'aperto. Tuttavia con l'arrivo dell'inverno e delle prime piogge...
Esterni

Come rimuovere la ruggine dai mobili da giardino

A causa dell'umidità eccessiva nell'aria, sulla superficie dei mobili (soprattutto quelli da esterno), si forma la ruggine. Tuttavia, la rimozione della ruggine dal metallo non è così difficile come si potrebbe pensare; è possibile infatti, utilizzare...
Esterni

Come scegliere i mobili da giardino in ferro battuto

Avere un giardino in casa, è sicuramente una grande fortuna, perché si ha la possibilità di poter trascorrere parecchio tempo all'aria aperta restando in casa. Ogni giardino però, necessità di un arredamento specifico, in grado di resistere a tutte...
Esterni

Come restaurare i mobili da giardino

I mobili da giardino sono soggetti a pioggia, sole, caldo, umidità e forti cambi di temperatura ed è per questo motivo che possono fare in fretta a rovinarsi. Oltre a prestare attenzione alle intemperie (portandoli magari in garage nei periodi di disuso...
Esterni

Come costruire una doccia in legno da giardino

Se per il periodo estivo intendete corredare il vostro giardino di una doccia in legno funzionale e nel contempo adeguata al contesto di arredo impostato, potete realizzarla sia scheletrica che con una sorta di recinzione. In entrambi i casi, è possibile...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.