Come pulire diverse superfici in rame

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il rame è sicuramente uno dei metalli più noti già dall'antichità e che, ancora oggi, trova largo impiego nella fabbricazione di oggetti come monete, tubature di gas ed acqua, e per la realizzazione di padelle e pentole, così come mille altre applicazioni. Ognuno di voi avrà nella propria casa almeno un arnese fatto con questo materiale e sapete bene quanto sia difficile mantenerli in condizioni ottimali. In questa guida, troverete dei consigli utili su come pulire diverse superfici in rame tenendo conto che sia dorato, verniciato, cesellato o semplicemente rovinato. Vediamo quindi come procedere.

27

Occorrente

  • acqua
  • aceto
  • Spugna
  • mezza cipolla o mezzo limone
  • panno di lana
  • foglie di carciofo
  • detersivo
  • pelle di daino
  • farina gialla
  • batuffolo di cotone
  • alcol
  • spazzola da cucina
  • vino rosso
  • panno umido
  • sale
37

Come prima cosa, per pulire accuratamente il rame verniciato, il metodo più valido è quello di servirsi di una miscela fatta con acqua e aceto e, armati di una spugna (non abrasiva), bisogna sfregare la superficie da pulire in modo deciso (ma non aggressivo) assestando brevi "strappi". Per la pulizia del rame, cesellato il processo è diverso: questa volta, dovrete sfregare la superficie da trattare con mezza cipolla (naturalmente cruda) o mezzo limone. Una volta fatta questa operazione, risciacquate il manufatto con acqua calda, per poi asciugarlo con cura utilizzando un panno di lana riscaldato.

47

Successivamente, per rendere splendente del rame antico, utilizzate invece delle foglie di carciofo bagnate nell'aceto. Anche qui con pazienza sfregate, lavate e infine asciugate bene. In seguito, nel caso di un oggetto dorato, utilizzate acqua tiepida e detersivo, per poi sciacquare il tutto con acqua bollente. Dopo aver fatto ciò, fate asciugare all'aria e poi servitevi di una pelle di daino per lucidare. Se il vostro oggetto è solamente rovinato, ad esempio dal fuoco, dovrete utilizzare della farina gialla (mais) bagnata con l'aceto riscaldato, quindi sfregate questa miscela sulla superficie da pulire.

Continua la lettura
57

Arrivati a questo punto, nel caso in cui vi troviate dinnanzi a delle macchie cosiddette verderame, basterà passare un semplice batuffolo di cotone imbevuto in un po' di alcool, oppure una spazzola da cucina bagnata nel vino rosso e procedere come negli altri casi sopra indicati. Infine, se avete la necessità di pulire del rame semplicemente annerito, sfregate con un po' di forza utilizzando un panno umido con sale ed aceto, dopodiché risciacquate e poi asciugate. Come avrete potuto notare, per far risplendere il rame come un tempo, basterà semplicemente seguire i metodi descritti precedentemente. Buon lavoro!

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come pulire gli oggetti in rame

Gli oggetti in rame hanno un fascino senza tempo, ma per far sì che siano sempre evocativi, hanno bisogno di essere sottoposti a periodica pulizia. La pulizia del rame non serve solo per un fattore estetico, ma evita anche che con il passare del tempo...
Pulizia della Casa

Come pulire al meglio le pentole di rame

Anche se la presenza di pentole in rame all'interno delle abitazioni è sempre più rara, alcuni continuano ad usarle per la loro buona conducibilità termica; il calore infatti si diffonde in maniera uniforme per tutta la pentola. Molti inoltre pensano...
Pulizia della Casa

Come pulire le superfici in cemento

Alcune operazione di pulizia hanno a volte alcune problematiche molto importanti. Infatti esse dipendono dalla tipologia di superficie che dobbiamo pulire. In questa guida ci focalizzeremo maggiormente su un tipo di superficie molto particolare. Il cemento,...
Pulizia della Casa

Come pulire gli oggetti in rame con il dentifricio

Il dentifricio, è una pasta creata per la pulizia e lo sbiancamento dei denti. In commercio esistono varie tipologie di dentifrici ma, molti non li usano semplicemente per lavarsi i denti, ma li dirottano per altri usi come per esempio pulire scarpe...
Pulizia della Casa

Come pulire le pantole di rame

Chi ha la passione per la cucina conosce le qualità delle pentole in rame. Esse sono più "calde" dell'acciaio, cioè hanno una capacità termica molto più elevata e sono un ottimo conduttore. Nelle pentole di rame il calore si diffonde uniformemente...
Pulizia della Casa

Come pulire oggetti in rame e ottone

Gli oggetti in rame ed ottone non sono più tanto di moda e i giovani sposi, spesso, preferiscono acquistare i ninnoli e le decorazioni per la casa nei grossi centri commerciali, piuttosto che da un artigiano. Tuttavia l'arte non segue i "dictat" delle...
Pulizia della Casa

Come pulire una pentola di rame stagnato

Una volta il rame si usava spesso come materiale per produrre i recipienti da cottura. A tutt'oggi comunque questo metallo è sempre consigliabile per cibi che richiedono lunghe cotture. Oppure per delle preparazioni di pasticceria particolari. Di certo...
Pulizia della Casa

Come pulire e lucidare il rame

Gli oggetti in rame sono molto belli da vedere, le pentole e gli attrezzi per la cucina hanno inoltre la particolarità di esaltare il sapore del cibo. Ricordiamo la veneta polenta, che si cucina con la farina di mais, acqua e sale, ma rigorosamente in...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.