Come preparare la confettura di prugne

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Molto spesso viviamo alcune nostre giornate annoiati e svogliati. In questi casi bisogna in un certo qual modo prendere in mano la situazione, e dedicarsi in maniera decisa verso qualche attività produttiva. In cucina possiamo ad esempio prendere in considerazione l'idea di preparare qualcosa con le proprie mani. In questo modo riusciremo a dare sfogo alla nostra creatività, ma soprattutto alla nostra fantasia. In questa guida ci focalizzeremo principalmente sulla preparazione di un dolce molto particolare. Vediamo, quindi, attraverso una seria di passaggi molto chiari e molto semplici, come poter preparare la confettura di prugne.

24

Preparare la purea

All'inizio dobbiamo prendere un chilogrammo o un chilogrammo e mezzo di prugne, dipende della quantità di confettura che vogliamo preparare. Dividiamo a metà le prugne per togliere il nocciolo, poi le mettiamo in una pentola e le facciamo cuocere a fuoco medio-basso con succo di limone. Se desideriamo rendere più veloce la cottura bisogna tagliare le prugne in pezzi piccoli. Quando le prugne diventano morbide e ben cotte le togliamo dal fuoco e le riduciamo in purea. Per fare questa operazione utilizziamo un pimer o un passaverdure; nel secondo caso è opportuno eliminare la buccia del frutto in quanto ha un sapore aspro. Se preferiamo la confettura con i pezzi di frutta all'interno è consigliabile frullare solo metà delle prugne per ottenere la purea, l'altra metà deve essere tagliata a mano.

34

Cuocere

Dopo aver preparato la purea la pesiamo e la mettiamo insieme all'acqua in un'altra pentola. In seguito bisogna aggiungere lo zucchero: solitamente deve essere la metà del peso della frutta; una quantità diversa rende la confettura più o meno dolce. Poi si può unire al tutto un bicchierino di Cherry, una punta di cannella in polvere oppure la scorza di una mela: la scelta dipende dai gusti. Facciamo cuocere per circa trenta-trentacinque minuti a fuoco basso e mescoliamo di tanto in tanto; alla fine la confettura diventa densa e così raggiunge la consistenza ideale.

Continua la lettura
44

Confezionare

Quando la cottura è ultimata togliamo la confettura dal fuoco e la versiamo nei barattoli adatti alla conserva; essi vanno sterilizzati preventivamente. Chiudiamo i barattoli in modo che l'aria non passa per evitare la formazione della muffa; in seguito li capovolgiamo e li copriamo con un telo fino a quando la confettura non si è completamente raffreddata. A questo punto non rimane altro da fare che mettersi subito al lavoro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Frutta e stagione di luglio: cosa comprare

Chi non avrebbe voglia di una bella macedonia o di un'insalata fresca? L'estate è il momento migliore per fare scorpacciate di frutta e verdura. Alimenti freschi, dissetanti e gustosi, perfetti per i mesi piú caldi. Ma quando acquistiamo frutta e verdura,...
Economia Domestica

Come preparare le conserve di marmellata

Le confetture sono ottime per iniziare la giornata con una colazione sana e genuina. Sono altresì ideali per le merende dei più piccoli e per la preparazione di crostate, biscotti e altri dolci della pasticceria tradizionale. Vantaggio da non sottovalutare...
Economia Domestica

Come preparare la farina di riso

La farina di riso potrebbe essere un'ottima alternativa per chi ha delle intolleranze o allergie alimentari, come ad esempio la celiachia; se i vostri ospiti hanno determinate esigenze alimentari, infatti, non dovete preoccuparvi: potete acquistare farine...
Economia Domestica

Come preparare un pranzo per tante persone

In occasione di un evento importante, come ad esempio un compleanno, è fondamentale saper preparare del cibo abbondante e renderlo nel contempo gustoso. Gli invitati ad un pranzo, infatti, sono soliti aspettarsi una discreta quantità di cibo di buona...
Economia Domestica

Come preparare un pranzo di Natale veloce ed economico

Le vacanze di Natale sono l'occasione ideale per organizzare tavolate in famiglia. I parenti si radunano per condividere il cibo tra chiacchierate e sorrisi, dopodiché si inizia a ascartare qualche regalo prima dei consueti giochi da tavolo. Insomma,...
Economia Domestica

Cosa preparare per un pranzo a sacco

Al giorno d'oggi per un lavoratore la maggior parte della vita è trascorsa fuori casa. Cambiano molte abitudini, una di queste riguarda l'alimentazione. Pranzare fuori porta a problemi di salute che sarebbe meglio evitare portando il pranzo direttamente...
Economia Domestica

Come preparare un pranzo di Natale risparmiando

Il Natale è per tutti una grande festa. Un momento unico da condividere con familiari e amici intorno ad una tavola imbandita. Ma con il rincaro esorbitato dei prezzi e la crisi fare attenzione ai prezzi è quadi un'esienza. Infatti tra regali e banchetti...
Economia Domestica

Come preparare l'olio piccante

L'olio piccante è il prodotto derivante dalla macerazione del peperoncino nell'olio d'oliva. Si tratta di un condimento davvero gustoso, che vivacizza qualunque pietanza. Il peperoncino fa parte di quelle spezie che sono ricche di vitamine e svolge una...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.