Come preparare la confettura di prugne

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Molto spesso viviamo alcune nostre giornate annoiati e svogliati. In questi casi bisogna in un certo qual modo prendere in mano la situazione, e dedicarsi in maniera decisa verso qualche attività produttiva. In cucina possiamo ad esempio prendere in considerazione l'idea di preparare qualcosa con le proprie mani. In questo modo riusciremo a dare sfogo alla nostra creatività, ma soprattutto alla nostra fantasia. In questa guida ci focalizzeremo principalmente sulla preparazione di un dolce molto particolare. Vediamo, quindi, attraverso una seria di passaggi molto chiari e molto semplici, come poter preparare la confettura di prugne.

24

Preparare la purea

All'inizio dobbiamo prendere un chilogrammo o un chilogrammo e mezzo di prugne, dipende della quantità di confettura che vogliamo preparare. Dividiamo a metà le prugne per togliere il nocciolo, poi le mettiamo in una pentola e le facciamo cuocere a fuoco medio-basso con succo di limone. Se desideriamo rendere più veloce la cottura bisogna tagliare le prugne in pezzi piccoli. Quando le prugne diventano morbide e ben cotte le togliamo dal fuoco e le riduciamo in purea. Per fare questa operazione utilizziamo un pimer o un passaverdure; nel secondo caso è opportuno eliminare la buccia del frutto in quanto ha un sapore aspro. Se preferiamo la confettura con i pezzi di frutta all'interno è consigliabile frullare solo metà delle prugne per ottenere la purea, l'altra metà deve essere tagliata a mano.

34

Cuocere

Dopo aver preparato la purea la pesiamo e la mettiamo insieme all'acqua in un'altra pentola. In seguito bisogna aggiungere lo zucchero: solitamente deve essere la metà del peso della frutta; una quantità diversa rende la confettura più o meno dolce. Poi si può unire al tutto un bicchierino di Cherry, una punta di cannella in polvere oppure la scorza di una mela: la scelta dipende dai gusti. Facciamo cuocere per circa trenta-trentacinque minuti a fuoco basso e mescoliamo di tanto in tanto; alla fine la confettura diventa densa e così raggiunge la consistenza ideale.

Continua la lettura
44

Confezionare

Quando la cottura è ultimata togliamo la confettura dal fuoco e la versiamo nei barattoli adatti alla conserva; essi vanno sterilizzati preventivamente. Chiudiamo i barattoli in modo che l'aria non passa per evitare la formazione della muffa; in seguito li capovolgiamo e li copriamo con un telo fino a quando la confettura non si è completamente raffreddata. A questo punto non rimane altro da fare che mettersi subito al lavoro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Tecniche di conservazione domestica

Per avere ortaggi, verdura e frutta a disposizione anche oltre il loro periodo di maturazione, possiamo ricorrere ad alcune tecniche di conservazione domestica. Conservare correttamente gli alimenti vuol dire anche mangiare sano: durante il procedimento...
Economia Domestica

Come lavare frutta e verdura

Al giorno d’oggi non si può più essere sicuri di quello che si mangia, è per questo che risulta molto importante l’igiene quando si tratta alimenti, soprattutto per quanto riguarda la frutta e la verdura. Non di rado infatti succede che i vari...
Arredamento

Come arredare la casa con l'azzurro e il blu

Di sicuro avete sentito parlare qualche volta della cromoterapia. Si tratta di una medicina alternativa che si basa sull'impiego delle tonalità di colore, per influenzare in modo benefico lo stato d'animo e il metabolismo. In questo senso, arredare la...
Economia Domestica

Frutta e stagione di luglio: cosa comprare

Chi non avrebbe voglia di una bella macedonia o di un'insalata fresca? L'estate è il momento migliore per fare scorpacciate di frutta e verdura. Alimenti freschi, dissetanti e gustosi, perfetti per i mesi piú caldi. Ma quando acquistiamo frutta e verdura,...
Pulizia della Casa

Come eliminare i "moscerini della frutta" con metodi naturali

I "moscerini della frutta" sono degli insetti che creano problemi per il loro proliferare specialmente sulla frutta e sul cibo in decomposizione. Se si lascia la frutta matura sui mobili è per essi un invito a nozze; le loro cibarie preferite sono l'uva,...
Economia Domestica

Come conservare le amarene con lo zucchero

Al solo pensiero le amarene ci portano a qualcosa di dolce e invitante, siano esse da decorazione o da gustare in composta. Quante cose si possono preparare con questi piccoli frutti dal sapore dolce intenso con un pizzico di acerbo, di provenienza asiatica...
Economia Domestica

I consigli per risparmiare sulla spesa mensile

Oggi si fanno salti mortali per gestire il budget mensile. I continui rincari di prezzi e tariffe, costringono le famiglie italiane a stare attenti anche ai centesimi. Risparmiare sembra sia diventata la parola d’ordine. Tuttavia tutti cercano di risparmiare...
Economia Domestica

Frutta e stagione di giugno: cosa comprare

La "Società Italiana Nutrizione Umana" (SINU) definisce la frutta come un insieme di svariate tipologie di frutto e piante da frutto (come il melo, il nespolo o il pero) che ogni essere umano dovrebbe consumare spesso nella sua alimentazione, ma senza...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.