Come posare le piastrelle in porfido

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Per chi vuole sistemare l'esterno di casa, sia esso un giardino o un cortile, l'ideale è utilizzare come materiale il porfido. Si tratta di una pietra leggermente grezza, ma allo stesso tempo anche economica e con varie sfumature di colore. Le colorazioni variano dal grigio al viola scuro e ne esistono di diversi tagli: quadrati, rettangolari oppure frammentate. Le ultime sono quelle che più vengono usate per le ville in quanto consente un incastro casuale degli elementi: trattandosi di pietre di forma irregolare, quindi prive di lavorazione è chiaro che il costo è piuttosto inferiore. Bisogna posare correttamente questo tipo di piastrelle e in questa guida spiegheremo come fare.

25

Realizzare un massetto

I rivestimenti in porfido sono disponibili sia a cubetti, ideali per giardini e via di accesso alla casa, che in piastrelle per una pavimentazione rustica ed elegante. Per ottenere un piano d'appoggio ben solido è opportuno creare un massetto alto con una recinzione fatta con cubetti di porfido che fungono da telaio. Dopo la posa di quest’ultima, viene applicato all'interno del pietrisco fino ad un’altezza di 6-8 cm e ben compattato. Il successivo strato prevede un letto di sabbia di circa 2 centimetri, con una spruzzata di cemento bianco. Quest’ultimo va livellato di volta in volta poiché deve essere perfettamente in piano, e ben levigato.

35

Disporre le piastrelle di porfido

Se si presentano irregolarità, si può rimediare con l’aggiunta o la rimozione di sabbia in eccesso fin quando non si riesce a raggiungere il livello corretto. A questo punto, contrariamente a quanto avviene con la posa delle piastrelle in casa, il massetto non deve necessariamente essiccarsi del tutto, ma si può subito procedere ad allineare le piastrelle di porfido e a lavoro ultimato, si mescola in un recipiente un misto sabbia (1/4) e cemento (3/4) e si cosparge tra le fughe naturali presenti tra le giunture, fino a livellarle con la superficie delle piastrelle in porfido.

Continua la lettura
45

Irrigare la superficie con acqua

A questo punto, ci possiamo avviare alla conclusione della posa, prendendo una cannula di plastica per irrigare la superficie con acqua, proprio come si fa con un letto di terreno dopo la semina. L’acqua, bagna il composto misto sabbia e cemento e lo indurisce in superficie e nel contempo per tracimazione penetra al di sotto delle piastrelle e si fonde con il massetto precedentemente trattato con altro cemento asciutto. Grazie alla corretta posa in opera del massetto si evita di rischiare la rottura della pietra: per quanto possa sembrare friabile, poiché si tratta di una pietra sedimentaria, con la giusta posa in opera del massetto si evita qualunque problema. Diventa adatta non solo per il passaggio pedonale, ma anche per quello carrabile.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Esterni

Come scegliere le piastrelle in porfido per esterni

Il porfido è un materiale di origine magmatica utilizzato fin dall'antichità per le sue caratteristiche di durezza e resistenza. Scegliere le piastrelle in porfido per esterni richiede un minimo di conoscenza delle caratteristiche di questa roccia e...
Esterni

Come pulire le piastrelle in porfido per esterni

Tra i vari materiali impiegati per pavimentare le superfici esterne, il porfido (una varietà di roccia di origine vulcanica) viene spesso preferito ad altre tipologie di pietre per i suoi numerosi vantaggi. La sua elevata resistenza gli permette di sopportare...
Esterni

Come posare un pavimento esterno con piastrelle in legno

Come vedremo nel corso di questo interessante tutorial, uno spazio esterno della casa diventa maggiormente funzionale se caratterizzato da un pavimento con piastrelle in legno, a listoni o a quadrotti. È necessario tuttavia un minimo grado di dimestichezza...
Esterni

Come posare le piastrelle in gomma per esterni

L'installazione di una pavimentazione in gomma per esterni è un modo semplice, funzionale ed ecosostenibile di migliorare la vostra casa. Le mattonelle in gomma, infatti, sono un'opzione di rivestimento del pavimento contemporaneamente resistente e flessibile...
Esterni

Come fare una pavimentazione in porfido

Il porfido è uno dei materiali naturali più utilizzati per realizzare pavimentazioni da esterni; infatti, il vantaggio di questa pietra è che garantisce resistenza, si può reperire di diverse tonalità e sfumature, ed è ideale per eccellenti decorazioni....
Esterni

Come posare un pavimento per esterno

Una piastrella può dare al vostro ingresso di casa un aspetto lussuoso. In commercio ci sono molte varietà, colori e modelli di piastrelle di ceramica tra cui alcuni realizzati appositamente per l'esterno.Queste piastrelle, possono essere installare...
Esterni

Come posare un rivestimento decorativo per esterni

Se sull'uscio di casa oppure nell'atrio del giardino o del cortile intendiamo posare un pavimento decorativo, possiamo farlo senza necessariamente convocare un tecnico specializzato. Si tratta infatti, di procedere in base a delle linee guida ben precise...
Esterni

Come scegliere le piastrelle in graniglia per esterno

I pavimenti in graniglia, valorizzano al meglio gli spazi esterni, soprattutto di giardini, terrazzi e spiazzi. Scegliere un pavimento in graniglia, conviene sopratutto a livello estetico. Questo materiale è infatti molto moderno, molto pratico e sicuramente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.