Come Pitturare Un Camera Usando La Tecnica Del Tadelakt O Stucco Orientale

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

I lavori di ristrutturazione della casa possono richiedere tempo, fatica e denaro. Per questo motivo, sono sempre di più coloro che decidono di eseguirli in maniera autonoma piuttosto che richiedere l'intervento di personale qualificato. Questo è, effettivamente, un buon modo per risparmiare sui costi della manodopera; stesso discorso vale se bisogna eseguire una tinteggiatura particolare come il Tadelakt, chiamato anche stucco orientale. Si tratta di un particolare tecnica impermeabile a base di calce, originaria del Marocco ed utilizzata soprattutto nei paesi nel Nord Africa e del Medio Oriente. Vediamo allora come pitturare un camera usando la tecnica del Tadelakt o stucco orientale.

25

Occorrente

  • cera
  • tadelakt
  • rullo
  • frattazzo
35

Iniziamo con il procurarci tutto l'occorrente, rivolgendoci ad un negozio specializzato in pitture murarie. Dopodiché prepariamo la tinta. Dovremo miscelare il Tedelakt con una dose di colorante, quindi aggiungere dell'acqua fredda e pulita, seguendo le dosi indicate sulla confezione. Mescoliamo il tutto con un trapano meccanico dotato di frullino o uno sbattitore, lasciamo che riposi per circa trenta minuti e poi mescoliamo nuovamente. Quando il prodotto è ben amalgamato, stendiamolo con un rullo, compiendo movimenti dall'alto verso il basso.

45

Quando avremo applicato la pittura su circa 5 mq, ripassiamo con il rullo, questa volta senza tinta, così da regolarizzare lo spessore del prodotto. Lasciamo quindi asciugare per almeno venti minuti. Trascorso tale tempo, muniamoci di frattazzo, reperibile in qualsiasi ferramenta. Il frattazzo altro non è che una piccola spatola di forma rettangolare, particolarmente usata in edilizia. Con il frattazzo dunque, passiamo su tutta la superficie lavorata in modo la lisciare lo strato di pittura applicata. Prestiamo attenzione ad eliminare ogni rilievo, o asperità e cavità. Lasciamo asciugare per circa 24 ore.

Continua la lettura
55

Quando il primo strato è asciutto, diamo una seconda mano con il frattazzo, stendiamo la pittura in modo leggero, raschiando in tutte le direzioni con un'ampiezza dai 20 ai 30 cm. Lisciare bene il muro ed accarezziamolo con le mani per verificare che non siano rimaste delle imperfezioni o dei grumi. Aspettiamo che si secchi del tutto e lucidiamo a cera utilizzando il frattazzo. Quando la pittura sarà seccata del tutto, sempre con il frattazzo, passiamo a lucidare con l'apposita cera che accentuerà il colore e renderà impermeabile e lavabile il Tadelakt.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come decorare le pareti con lo stucco veneziano

Da qualche anno a questa parte la moda del fai-da-te sta spopolando, anche a causa della crisi economica che ci affligge giorno dopo giorno. Grazie a questa tecnica è possibile creare nuovi oggetti utilizzando magari materiale di riciclo. I prodotti...
Ristrutturazione

Come organizzarsi per pitturare casa

Con la primavera arriva la voglia di rinnovare l'arredo e di rinfrescare la casa. Cosa c'è di meglio di una bella mano di pittura fresca? Pitturare casa è divertente e permette di avere ambienti nuovi e freschi. Ma per farlo in allegria, c'è bisogno...
Ristrutturazione

Come realizzare lo stucco fluido per pavimenti in legno

Per evitare il problema delle infiltrazioni di acqua nelle fessure del pavimento e la conseguente formazione della muffa nera, in edilizia si usa lo stucco, che è un impasto fatto con gesso calce o cemento. Alcuni tipi di stucco possono, però, causare...
Ristrutturazione

Come pitturare le stanze della tua casa in modo diverso

Vi siete stancati di vedere le vostre pareti con il colore di sempre? Avete voglia di rinnovare? Magari adottare queste tecniche innovative, per dare, oltre al colore, un aspetto nuovo alle pareti di casa vostra. Un modo per rinnovarle, con poca spesa,...
Ristrutturazione

Come applicare lo stucco veneziano sui mattoni

La chiave per l'uso dello stucco veneziano sta principalmente nell'applicare degli strati sottili, creando così l'impressione di profondità e lucentezza simile a quella del marmo. Questa tecnica richiede non solo una speciale applicazione dell'intonaco,...
Ristrutturazione

Come restaurare lo stucco veneziano

lo stucco veneziano ovvero una miscellanea di vernici nella tonalità pastello, è il fiore all'occhiello della tradizione artistica e pittorica della città lagunare. Un parete rifinita con dello stucco antico, può essere costantemente restaurata,...
Ristrutturazione

Come rimuovere lo stucco epossidico dalle piastrelle

Se avete appena rifinito le piastrelle con dello stucco epossidico ed intendete eliminare quello in eccesso che si è indurito, potere farlo senza danneggiare la superficie e nel contempo in modo semplice e veloce. In riferimento a ciò, nei passi successivi...
Ristrutturazione

Come Calcolare La Quantità Necessaria Di Vernice Per Pitturare Una Stanza

Sicuramente, a molti di noi sarà capitato di trovarsi a scegliere la vernice per colorare una stanza. Per via della crisi degli ultimi anni, si sceglie sempre più frequentemente di fare questo tipo di lavoro per la casa in modalità fai da te. Questo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.