Come pelare le cipolle senza piangere

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

A quanti di noi è successo di lacrimare mentre si puliscono le cipolle. Ciò succede perché le cipolle crescendo assorbono dal terreno lo zolfo. Il momento in cui vengono affettate, le cipolle rilasciano un enzima che associandosi con lo zolfo produce un gas volatile ed instabile. Questo gas quando giunge vicino agli occhi si trasforma in acido solforico. La reazione dell'occhio al contatto con questo acido solforico si manifesta con la lacrimazione. Queste lacrime che cadono copiose dagli occhi, provocano di conseguenza una produzione via via sempre maggiore di acido solforico, innescando così una reazione a catena che impedisce al malcapitato di non piangere. Per evitare questa reazione, ci sono dei metodi abbastanza validi da provare. Seguiamo passo passo i suggerimenti contenuti in questa guida su come pelare le cipolle senza piangere.

27

Occorrente

  • Cipolle - tagliere - robot - frigorifero
37

Acqua fredda

Il modo più pratico e funzionale, è quello di mettere le cipolle sotto un getto di acqua fredda per qualche minuto. In alternativa, conservatele nel frigo o mettetele, per circa una decina di minuti, nel congelatore. Anche se questo metodo non è condiviso da alcuni esperti culinari, in quanto sembra che ne possa alterare leggermente il gusto. La seconda regola d'oro consiste nel tagliare le cipolle per metà, effettuando questa operazione in prossimità di una pentola nella quale avremo messo a bollire dell'acqua. Sembra comprovato che anche il vapore acqueo e l'umidità ad esso connessa, possa ridurre sensibilmente la volatilità degli enzimi deputati e responsabili della lacrimazione.

47

Buccia

A questo punto, prendete un bel tagliere di legno e tagliate in due la vostra cipolla, rivolgetela con la parte tagliata verso il tagliere e attuate, con un coltello che di tanto in tanto passerete sotto l'acqua fredda, dei tagli in senso verticale. Ora dovrete asportarne la buccia e con essa la protezione che evita la lacrimazione, togliete anche la parte superiore ed inferiore della cipolla con due tagli netti ed una manovra veloce. Spostate le parti di cipolla tagliata da sopra il tagliere, alloggiatele ad una distanza di almeno 80 centimetri e procedere al taglio di un'altra cipolla.

Continua la lettura
57

Occhiali

Un altro valido aiuto per non lacrimare è indossare semplicemente, un paio di occhiali chiusi sui lati, un modello simile a quelli che si utilizzano nei laboratori di chimica o meglio ancora, degli occhialini che si utilizzano per proteggere gli occhi dal cloro delle piscine. Un altro rimedio, semplice e tecnologico, consiste nel togliere la buccia alle cipolle e metterle in un robot da cucina. In questo modo risparmieremo sicuramente un bel po' di tempo, provvederà la macchina stessa a tagliare le cipolle al nostro posto. Una volta tagliate le cipolle, versatele velocemente nella padella o nel tegame destinato alla loro cottura ed il gioco è fatto.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Cipolle: le più buone varietà coltivate in Italia

Gentili lettori, all'interno della presente guida ci occuperemo di cipolle. Nello specifico, andremo a prendere in esame le cipolle più buone, quelle che appartengono alle varietà coltivate in Italia.Faremo una sorta di giro d'Italia, andando a toccare...
Economia Domestica

Come conservare le cipolle sott'olio

Se nel periodo primaverile acquistiamo un buon quantitativo di cipolle, ed in particolare quelle più piccole comunemente conosciute con l'appellativo di "cipolline novelle", possiamo approfittarne per conservarle a lungo per i mesi invernali. Il tipo...
Economia Domestica

Come conservare patate e cipolle durante l'inverno

Se avete un grande quantitativo di patate e cipolle, per conservarle tutto l'inverno, bisogna rispettare alcune regole basilari. Ed adottare dei semplici ma importanti accorgimenti. In questa guida, vi illustreremo in modo dettagliato, come conservare...
Economia Domestica

5 modi per usare le bucce di cipolla

Quando in cucina utilizzate degli ortaggi come ad esempio le cipolle, è importante sapere che le bucce si possono sfruttare in svariati modi come ad esempio per la cura della persona, per lenire le infiammazioni o anche per preparare brodi ed infusi....
Economia Domestica

Come sbucciare le patate bollenti

Cucinare è un’attività che molte persone desiderano fare. Però sicuramente la più noiosa è quella di pelare le patate. Infatti, se queste ultime sono state appena lessate e non si ha il tempo per farle raffreddare il lavoro diventa abbastanza fastidioso....
Economia Domestica

Come conservare aglio e cipolla

Avere in casa una buona scorta di aglio e cipolla è fondamentale per evitare di trovarsi sprovvisti di due degli ingredienti fondamentali proprio nel momento in cui ci si accinge a mettersi ai fornelli. L'aglio e la cipolla sono note piante bulbose che...
Economia Domestica

Come cucinare con pochi grassi

La salute passa senza dubbio dalla tavola e imparare a cucinare con pochi grassi costituisce una base ottima per restare in forma. Un'eccessiva quantità di grassi, infatti, comporta problemi circolatori e cardiaci e l'innalzamento dei valori del colesterolo....
Economia Domestica

Come conservare la buccia di limone

I limoni sono agrumi che si prestano a svariati tipi di utilizzazioni. Il loro succo rappresenta un utile ingrediente, molto apprezzato in cucina. Forse non tutti sanno, tuttavia, che anche la buccia di questo frutto presenta delle caratteristiche nutritive...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.