Come ottenere l'olio di girasoli

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'Italia è uno dei Paesi con la più ricca tradizione enogastronomica del mondo. Tra le sue specialità, note in tutto il pianeta, vi è l'olio di oliva. La ricca produzione di olio d'oliva, in particolare extravergine, consente abbondanti esportazioni all'estero. Ma le conoscenze nel settore non si limitano soltanto ad estratti di oliva, infatti riguardano anche tutti quei semi oleosi da cui trarre dell'ottimo olio alimentare. Uno di questi è l'olio di girasoli, estremamente comune in cucina, soprattutto per fritture. L'olio di girasoli si utilizza anche come condimento leggero per insalate di ogni tipo, inoltre può diventare un ottimo ingrediente per la cura del corpo. Come ottenere l'olio di girasoli in casa? Le procedure non sono affatto complesse.

26

Occorrente

  • Almeno 35 chili di semi di girasole (o 140 piante selvatiche).
36

Acquistare i semi di girasole

Sebbene ottenere olio di girasoli non sia difficile sarà necessaria una grossa quantità di semi (i semi dei girasoli sono di colore nero). Tali semi li vediamo spesso come parte integrante dell'alimentazione di alcuni roditori. Per produrre in casa dell'olio di girasoli avremo bisogno di almeno 35 chili di semi (saranno sufficienti a produrre tre litri di olio di girasoli). Un quantitativo notevole, che dovremo prenotare da un rivenditore.

46

Frullare i semi e cuocerli

Per iniziare la produzione dell'olio dovremo frullare i semi per almeno cinque minuti. Otterremo una pasta oleosa e consistente, che verseremo in una pentola capiente. Accendiamo il gas e cuociamo l'impasto di semi per circa 25 minuti. Noteremo come la parte più oleosa dei semi di girasole inizierà a separarsi dalla pasta. Durante questa fase dovremo mescolare spesso il composto, in modo che non si attacchi. Al termine della cottura trasferiamo il contenuto della pentola in un colino, filtriamo con cura il composto e raccogliamo esclusivamente l'olio di girasoli. Successivamente potremo imbottigliarlo e conservarlo in un luogo fresco.

Continua la lettura
56

Tostare i semi in forno e schiacciarli

Un altro metodo prevede la tostatura in forno a 160°C per venti minuti (anche in questo caso dovremo ricordare di mescolare i semi di frequente). Al termine dei venti minuti sforniamo e facciamo raffreddare, quindi schiacciamo i semi dei girasoli mediante uno schiacciapatate (esercitare una forte pressione permette all'olio di girasoli di fuoriuscire). Per quantità maggiori possiamo utilizzare un torchio, come quelli per la spremitura delle vinacce. Filtriamo attraverso un colino e raccogliamo in un recipiente resistente al calore e freddo. La produzione dell'olio al naturale, senza conservanti, ne accorcia la durata, perciò è fondamentale consumarlo entro tre settimane.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricordiamo di indossare indumenti protettivi e guanti: l'olio caldo può creare lesioni e ustioni.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

Come conservare l'olio d'oliva

L'olio d'oliva è un ingrediente che si utilizza frequentemente in cucina sia per aromatizzare la pasta che i vari tipi di insalata. L'olio di oliva è un prodotto alimentare che viene estratto dalle olive; nella tipologia vergine si ottiene dalla spremitura...
Economia Domestica

5 modi per riutilizzare l'olio da cucina usato

L'olio è, di sicuro, l'alimento che utilizziamo di più in cucina, presente in quasi tutte le ricette, sia dolci che salate. Un buon olio è, però, anche costoso ed è importante, per il risparmio delle spese domestiche, non sprecarlo. Ci sono vari...
Economia Domestica

Come conservare le acciughe salate sott'olio

Chi di noi non conosce le acciughe sott'olio? Si tratta di un alimento che può essere utilizzato in tantissimi modi, come per esempio per condire la pizza, preparare bruschette o per realizzare gustosi primi piatti. Prepararle in casa è semplicissimo...
Economia Domestica

Come conservare le cipolle sott'olio

Se nel periodo primaverile acquistiamo un buon quantitativo di cipolle, ed in particolare quelle più piccole comunemente conosciute con l'appellativo di "cipolline novelle", possiamo approfittarne per conservarle a lungo per i mesi invernali. Il tipo...
Economia Domestica

Come conservare lo zenzero sott'olio

Probabilmente avete acquistato un grande pezzo di radice di zenzero fresco. Ma sapete bene che non lo userete tutto, ma solo un pizzico per ogni ricetta. Proprio per questo un pezzo di radice di zenzero potrebbe consumarsi tutto dopo diverse settimane....
Economia Domestica

Come conservare i funghi champignon sott'olio

I funghi champignon sono piuttosto utilizzati in cucina, anche come condimento alle verdure o alla carne. Il loro sapore è delicato, ed il prezzo non elevato induce a farne una buona scorta. Si possono inoltre conservare sott'olio per avere un antipasto...
Economia Domestica

Come conservare il tartufo nero sott'olio

Il tartufo è un elemento culinario pregiato: si trova sottoterra, nei boschi, da trovare solo da parte di esperti grazie all'aiuto dei cani ben addestrati a sentirne l'odore. Questo ne fa un alimento importante che richiede un prezzo al peso non indifferente....
Economia Domestica

Come conservare le verdure grigliate sott'olio

Se intendiamo conservare sott'olio delle verdure grigliate, è necessario adottare alcuni accorgimenti affinché l'operazione risulti positiva e garantisca durabilità dei prodotti. Ogni tipo di verdura va trattata in un determinato modo, e condita con...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.