Come organizzare i circuiti di un impianto domestico

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'impianto elettrico di una casa si potrebbe definire un po' il suo sistema linfatico: al giorno d'oggi possediamo tanti e tali dispositivi elettronici che l'assenza di energia elettrica di traduce in una vera e propria tragedia. Però è anche importante che l'impianto di distribuzione sia strutturato in modo coerente e funzionale, e soprattutto rispettoso delle normative vigenti. Per questo quando arriva il momento di rinnovare il circuito elettrico della propria casa, o si costruisce un nuovo appartamento, è sempre bene rivolgersi a del personale competente che sappia come muoversi. Ciò non toglie che è bene che ognuno di noi sappia cosa è giusto e cosa è sbagliato fare quando si struttura un impianto elettrico. Ecco dunque alcune regole da sapere su come organizzare i circuiti di un impianto domestico.

25

Un impianto elettrico ha sempre un cuore, ovvero la centralina, che solitamente viene collocata accanto alla porta d'ingresso. Questo quadro generale è dotato di una serie di interruttori magnetotermici che controllano le varie linee elettriche; sono poi sempre presenti un interruttore generale e un interruttore differenziale detto "salvavita". Per intenderci, è quello che si attiva quando c'è un cortocircuito o un sovraccarico di corrente, interrompendo il passaggio di energia per prevenire incidenti. Dalla centralina partono i cavi elettrici, che solitamente sono inseriti nella parete.

35

In ogni impianto elettrico sono presenti tre circuiti principali. C'è quello che collega tra di loro le prese elettriche alle quali attacchiamo i vari dispositivi, come la televisione, il computer o l'aspirapolvere, a 16 Ampere. C'è il circuito dedicato alle luci e all'alimentazione che è a 10 Ampere in fine c'è il circuito a 12V destinato ai dispositivi di chiamata. A quest'ultimo circuito si collega, ad esempio, il campanello d'allarme che usualmente viene posizionato all'interno delle docce nella stanza da bagno. I cavi che formano ogni circuito devono sempre essere sfilabili, per motivi di sicurezza.

Continua la lettura
45

Ci sono poi alcuni accorgimenti sul modo in cui i punti elettrici devono essere dislocati in casa che si riconducono sia alle normative vigenti, sia al semplice buonsenso. Ad esempio, è necessario che i punti presa vengano distribuiti in modo uniforme sulle pareti, presupponendo il posto in cui verranno messi i mobili o gli elettrodomestici e non dove capita. In bagno ci devono essere sempre almeno due prese; in cucina bisogna rispettare le altezze minime per il piano cottura. Ogni presa telefonica e ogni presa tv deve avere una sua scatola elettrica dedicata; il comando dei punti luce di ogni stanza deve essere collocato accanto alla porta da cui si entra. Quando date a qualcuno l'incarico di realizzare l'impianto elettrico di casa vostra, controllate che rispetti tutte queste regole.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come pulire l'impianto Hi Fi

Avere cura delle proprie cose è indispensabile per risparmiare soldi in eventuali manutenzioni. Tale discorso vale anche per gli impianti Hi-Fi o sistema Hi-Fi, ovvero un complesso di apparecchi che permette la riproduzione della musica. Le sorgenti...
Ristrutturazione

Come collegare un interruttore a tre vie

In questa guida dedicata al mondo dell'elettronica, vedremo come collegare un interruttore a tre vie. L'impianto si rivela molto utile quando i punti di contatto sono vicini tra loro, ma il punto luce è lontano. Prima di procedere, è indispensabile...
Ristrutturazione

Come progettare il riscaldamento per il pavimento

Nei periodi più freddi dell'anno è molto importante riuscire a riscaldare alla perfezione la propria abitazione in modo da ricreare un ambiente con un clima più adatto alle nostre esigenze. Il riscaldamento più utilizzato in Italia è sicuramente...
Economia Domestica

Come comportarsi in caso di corto circuito

Il corto circuito è un particolare caso di conduzione elettrica nel quale la corrente assume il suo valore massimo. Generalmente il corto circuito più comune è quello che avviene in casa quando i fili neutro e di fase della corrente si toccano tra...
Ristrutturazione

Come sostituire una presa elettrica a parete

Come tutti i dispositivi anche le prese elettriche ad un certo punto si guastano. Non bisogna aspettare che la presa elettrica a parete non funziona più per sostituirla. Se si vedono delle scintille quando la spina è inserita esiste un reale pericolo...
Pulizia della Casa

Come pulire bene il frullatore a immersione

Se abbiamo un frullatore ad immersione e lo utilizziamo spesso, è importante pulirlo accuratamente dopo il suo utilizzo, onde evitare che restino attaccati residui di cibo; infatti, essi potrebbero generare cattivo odore sia nell'ambiente cucina che...
Economia Domestica

Come riscaldare la casa senza il gas

I sistemi di riscaldamento a gas sono più frequenti negli appartamenti, all'interno di palazzi sia nuovi che datati. Ciò in quanto l'installazione di un impianto a gas tramite caldaia, termosifoni, bombolone centralizzato o metanodotti sotterranei comporta...
Ristrutturazione

Come installare sensori magnetici a porte e finestre

Al giorno d'oggi è molto importante avere una casa a prova di ladro. Uno dei tanti sistemi esistenti per proteggere la propria casa dalle intrusioni di ladri, consiste nell'installare un sistema di sensori magnetici a circuito chiuso. Questi sensori...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.