Come montare un nuovo pluviale

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il pluviale è una delle parti che consente di svolgere la corretta raccolta delle acque piovane dai terrazzi e dai tetti. In pratica rappresenta la parte di raccolta e scolo dell'acqua una volta che la grondaia inizia a riempirsi, quindi si tratta delle tubazioni verticali. Questi con il tempo devono avere la giusta manutenzione e se è il caso vanno sostituiti. Nella guida vedremo infatti come si dovrà montare un nuovo pluviale.

27

Occorrente

  • Pluviale
  • Caccivite
  • Collarini
  • Pozzetto
37

Come prima cosa bisogna rimuovere il vecchio pluviale, quindi con molta cura si procede a staccare ogni sua componente, come il pluviale curvo, a gomito e i canali verticali. Fatto questo si possono prendere le misure di questi elementi appena smontati oppure misurare la lunghezza della parete, in modo tale da conoscere i metri lineari occorrenti. Per un buon lavoro l'ideale è quello di ordinare le componenti del nuovo pluviale dello stesso materiale della grondaia.

47

Un volta ottenuti i pezzi bisogna raccordare il canale di scolo e la curva a gomito con il pluviale, avendo cura che sia messo in posizione verticale, aiutandovi con il filo a piombo. Procedete a raccordare i pluviali utilizzando le riduzioni ogni qual volta termina la lunghezza del pluviale. Al pluviale si devono aggiungere i collarini disposti ad ogni metro di altezza, fermarli con le viti e dopo agganciarli alla parete lasciando qualche centimetro di spazio. Lo spazio tra pluviale e muro consente di far scivolare al meglio l'acqua esternamente così da evitare macchie sulle pareti, infiltrazioni e formazioni di muschi e licheni.

Continua la lettura
57

I pluviali devono raggiungere il livello di terra e solitamente vengono conclusi con una curva che sfocia sul piano di calpestio. Per una buona resa del lavoro l'ideale è raccordare il pluviale all'interno del pozzetto che poi questo di collegherà allo scarico della fognatura principale. In questo modo si eviterà di trovare il piano di calpestio ricolmo di acqua, che oltre a bagnare chi vi passa, si evita acqua stagnante ed infiltrazioni nel terreno. Per procedere a questo tipo di lavorazione occorre fare uno scavo profondo e largo di circa 20 centimetri per far entrare il pozzetto. Fatto ciò bisogna rompere il foro di uscita verticale in direzione dello scarico fognario e collegare il primo pluviale con una pendenza del 5-6% verso la fognatura principale. Nel coperchio compiere un foro dove si andrà ad innestare il pluviale principale che proviene dalla grondaia. Fatto ciò si può chiudere il tutto riportandolo al livello di terra, mentre nella parti di ingresso e raccolta delle acque dove la grondaia si dovrà mettere un po' di silicone per evitare perdite di acqua.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prestare attenzione agli accordi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come Realizzare La Finitura Su Un Soffitto Nuovo

Se ci piace eseguire i vari interventi di manutenzione per la nostra abitazione con le nostre mani, evitando di richiedere l'intervento di esperti per cercare di risparmiare qualcosa, dovremo prima di tutto capire quali sono le operazioni da eseguire...
Ristrutturazione

Come montare un lavandino da appoggio

Ultimamente va molto di modo un nuovo tipo di lavandino, molto particolare, il lavandino d'appoggio. Si tratta di un lavandino di dimensioni più piccole che non è alto fino in vita e appoggiato a terra, ma una sorta di elegante bacinella, sempre in...
Ristrutturazione

Come posare un nuovo pavimento direttamente su uno vecchio

In ogni casa prima o poi giunge il momento di eseguire dei lavori di ristrutturazione, i quali possono essere necessari sia per garantire la sicurezza della struttura, sia per abbellirne gli interni e gli esterni. Questi lavori lavori in alcuni casi potrebbero...
Ristrutturazione

Come montare una grondaia in rame

In una qualsiasi struttura, la grondaia è un elemento di fondamentale importanza in quanto è in grado di raccogliere tutta l'acqua piovana e convogliarla direttamente nel sistema fognario attraverso un tubo chiamato pluviale. In questo modo, è possibile...
Ristrutturazione

Come mettere a nuovo le giunzioni del pavimento in cattivo stato

Le giunzioni presenti nel pavimento, che vengono anche chiamate comunemente fughe, sia nelle pavimentazioni interne agli edifici che in quelle esterne, con il trascorrere degli anni si possono sgretolare, si spaccano e, di conseguenza, si rende necessario...
Ristrutturazione

Come rimettere a nuovo un mobile libreria

Con il passare del tempo e con l'utilizzo, potrebbe capitare che i mobili presenti nelle varie camere della nostra abitazione tendano a rovinarsi ed in questi casi, la maggior parte delle volte preferiamo gettarli via ed acquistarne di nuovi, spendendo...
Ristrutturazione

Come installare un nuovo bagno in mansarda

Quando la casa è grande, la mansarda serve soltanto come ripostiglio ma quando l'abitazione ha dimensioni ridotte la mansarda può diventare un'altra stanza completa di bagno in camera. Inoltre, una stanza in più aumenta il valore dell'immobile di circa...
Ristrutturazione

Come Stendere Un Nuovo Sottofondo Nella Riparazione Di Un Pavimento Di Cemento

La messa in opera di un rivestimento presuppone di dover lavorare su di un pavimento integro, piano e molto regolare, cosa che accade raramente nei locali vecchi. È necessario, quindi, eseguire una serie di operazioni preliminari. Le piccole irregolarità...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.