Come montare il parquet flottante

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Cambiare pavimento o metterne uno nuovo è sempre una scelta difficile e molto spesso costosa. Ecco perché è consigliabile montare il parquet flottante, in modo da avere più vantaggi che svantaggi: se non vi piace lo potete rimuovere in pochi minuti; se invece dovete cambiate casa e non volete spendere per un altro pavimento, lo potete portare con voi, e se poi lo scegliete di bamboo, avrete altri benefici. A tal proposito, questa guida vi darà alcuni consigli su come montare il parquet flottante.

26

Occorrente

  • listoni di parquet
  • connettori
  • tappetino fonoassorbente
36

Il parquet flottante ha dei bordi che si incastrano tra loro, permettendogli di essere montato e smontato senza problemi. I listoni possono essere riutilizzati in un secondo momento poiché sono progettati appositamente per essere posati senza bisogno dell'utilizzo della colla. Può essere montato anche da chi non è un esperto del settore; inoltre montarlo è veloce e facile e non avrete bisogno di attrezzi. Iniziate con il sopralluogo del pavimento: controllate oppure fate controllare da un esperto che il pavimento già esistente (se non lo volete togliere per evitare di vedere casa sottosopra per una settimana) o il massetto sia perfettamente pulito, asciutto e in piano; se non è così, dovrete usare un autolivellante per sistemare il tutto.

46

Fatto ciò stendete un tappetino fonoassorbente che, creando una barriera, ha varie funzioni tra cui la protezione contro l'umidità, l'isolamento termico e l'insonorizzazione, così da evitare di sentire l'eco delle vostre camminate sul parquet. Sopra questo strato incastrate, come un puzzle, i listoni di parquet, al limite mettete un goccio di colla (meglio quella tedesca, che contiene pochissima formaldeide) sulle teste dei listoni. Cominciate quindi a montarli partendo dal muro, avendo l'accortezza di lasciare qualche millimetro da esso, in modo che nel tempo i listoni; in caso di umidità eccessiva, gonfiandosi, si accomodino tra loro, e non vi succederà come con il parquet incollato, che lo vedreste saltare di qua e di là.

Continua la lettura
56

Dovete inoltre sapere che esistono vari tipi di parquet flottante: se scegliete il parquet di bambù, oltre a salvare quelle pochissime foreste rimaste, scoprirete anche come è facile pulirlo e quanto è resistente. Per lavarlo basta uno straccio bagnato con acqua e strizzato bene; inoltre, come già detto, è molto resistente all'acqua poiché è già di per sé una pianta acquatica. Non essendo incollato, non si rovina nello staccarsi dal pavimento, non sentirete la puzza dentro casa della colla per un mese (quindi non respirerete sostanze tossiche). Potete passarci sopra subito ed è più duro del rovere del 30%.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Collocando sotto al parquet dei connettori di plastica, si garantisce maggiore stabilità, anche perchè il tappetino va ad incastrarsi dentro.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come posare il parquet prefinito

Per molti il parquet è un elemento imprescindibile, soprattutto in alcune stanze come la camera da letto. Poggiare il piede nudo sul legno anziché sul freddo marmo o sulle piastrelle in monocottura è un'esperienza certamente più gradevole. È possibile...
Ristrutturazione

Come installare il parquet finto

Quando si acquista una nuova abitazione, è indispensabile dedicare un po' di tempo alla scelta della pavimentazione che andrete a montare su tutta la superficie piana dell'appartamento. Sicuramente scegliere un parquet è la soluzione migliore per rendere...
Ristrutturazione

Come scegliere il parquet giusto

Se siete in procinto di cambiare casa o di ristrutturare la vostra attuale abitazione e tra le modifiche rientra anche la pavimentazione dovrete prendere in considerazione l'idea di scegliere il parquet. Questo tipo di rivestimento ha un certo fascino...
Ristrutturazione

Il parquet industriale: caratteristiche

Il parquet è un tipo di pavimentazione fatta con il legno. Questo tipo di pavimento è sicuramente una scelta ottima per dare alla vostra abitazione un aspetto elegante, ricercato e molto accogliente. Il legno infatti ha il pregio di dare un aspetto...
Ristrutturazione

Come trattare il parquet in rovere

In questa guida, vogliamo proporvi il modo per imparare insieme, come e cosa fare per trattare il parquet in rovere, cercando di pulirlo e tenerlo in ottimo stato, per tutta la vita. Avere un pavimento in parquet è forse il desiderio di molti di noi,...
Ristrutturazione

Come scegliere una vernice per il parquet

Nonostante gli anni passano e nuovi materiali salgono alla ribalta, il parquet resta una delle superfici più amate da tutti. Infatti la pavimentazione più accogliente, più isolante e più bella è il parquet. Il parquet è molto delicato e necessita...
Ristrutturazione

Come dare nuova vita al vecchio parquet

Il parquet è un tipo di pavimentazione composto da listelli di legno, in genere di diverse lunghezze e larghezze, che vengono affiancati gli uni agli altri, per creare una composizione a mosaico. Spesso il parquet è anche di diversi colori, per un effetto...
Ristrutturazione

Il parquet scricchiola: come fare

Il parquet, è una tipologia d pavimento diffusa da molti anni e sempre in evoluzione dal punto di vista strutturale e innovativo. Oggi infatti in commercio vengono proposti diverse tipologie di parquet con listoni grandi e piccoli, grezzi o predefiniti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.