Come Migliorare Le Condizioni Di Un Vecchio Fregio In Stile Luigi Filippo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Qualsiasi oggetto antico è sempre prezioso. Anche se le sue condizioni non sono tra le migliori, tutto questo non va ad inficiare il suo valore. Infatti il valore di un vecchio oggetto, antico oppure vintage, può essere anche abbastanza elevato. Possiamo avere a che fare con un vecchio cimelio di famiglia, con un antico oggetto acquistato ad un prezzo contenuto presso un piccolo negozio di usato o di antiquariato, oppure con un qualcosa dal grande valore economico. In ogni caso il valore di un vecchio oggetto è spesso anche soltanto affettivo. Un vecchio oggetto può rappresentare, senza alcun dubbio, un bel ricordo di un tempo trascorso o di una persona che, anni prima, lo possedeva ed ha successivamente deciso di regalarlo a te. Per questo motivo può essere importante e fondamentale imparare come migliorare le condizioni di un vecchio oggetto. Spesso, nelle nostre abitazioni, sono presenti degli oggetti molto vecchi e antichi, anche di un certo valore che, per via della loro età, hanno bisogno di essere ritoccati per riprendere l'aspetto di un tempo. Con questa semplice ed esauriente guida potrai imparare a migliorare l'aspetto di un vecchio fregio in stile Luigi Filippo. Potrebbe diventare un elemento di arredo molto particolare, originale ed unico per il proprio appartamento, dandogli quel tocco prezioso di antico tale da renderlo davvero semplice e speciale. A questo punto devi soltanto metterti all'opera, leggendo i vari passi di questa guida. Pertanto, a seguire vedremo come è possibile migliorare le condizioni di un vecchio fregio in stile Luigi Filippo.

26

Occorrente

  • decapante
  • guanti
  • grembiule
  • pennello
  • paglietta e acetone
  • colla di coniglio
  • gesso da doratori
  • pentolino
  • bolo giallo
  • spiedino di legno
  • panno di lana e cotone
  • colla di pesce
  • pietra d'agata
  • oro decalco in due tonalità
  • terra bruna
  • foglia d'oro
36

Per prima cosa è necessario andare a pulire il proprio vecchio fregio in stile Luigi Filippo, avvalendosi dell'utilizzo del decapante, soprattutto se questo è annerito. Quindi, è fondamentale indossare il grembiule ed i guanti, per poi stendere opportunamente il decapante con un vecchio pennello su tutto quanto il fregio. Successivamente si deve lasciare agire la sostanza fino al momento in cui il colore nero comincia a sollevarsi. Pertanto, mediante l'ausilio della paglietta è necessario rimuovere più materia possibile. Il prossimo procedimento consiste nel ripetere l'operazione più volte, in modo tale da poter ripulire il vecchio fregio in modo completo. Una volta fatto tutto ciò, occorre continuare a pulire il fregio in ogni dettaglio. Inoltre, con molta pazienza e mediante l'utilizzo della paglietta di ferro sottile e di uno spiedino di legno ricoperto di cotone, si può continuare la procedura. Quindi, è necessario riportare il fregio a legno naturale, per poi pulire tutta quanta la superficie con un batuffolo di cotone imbevuto di acetone. Una volta fatta quest'altra operazione, inizia la fase della gessatura.

46

Per eseguire la gessatura del proprio vecchio fregio in stile Luigi Filippo, è necessario mettere la colla di coniglio e l'acqua in un pentolino, ossia una parte di colla più cinque parti d'acqua. Successivamente si può passare a riscaldare il composto fino a farlo sciogliere completamente. Arrivati a questo punto, occorre versare a fontana il gesso da doratori, fino a realizzare una pastella dalla consistenza liscia. Dopodiché, mediante l'utilizzo di un pennello, si deve passare il gesso su tutta quanta la superficie. Il prossimo passaggio consiste nel lasciare asciugare il tutto, per poi ripetere l'operazione fino a creare una base abbastanza consistente. A questo punto, è necessario andare a levigare il fregio con la carta vetrata sottile fino a quando non presenti alcuna asperità. In seguito si deve stendere il bolo, per esempio giallo, sfruttando un pennello morbido, ed agendo in maniera uniforme su tutta quanta la superficie interessata. Pertanto occorre lucidare il bolo con un panno di lana. A seguire, si deve mettere in ammollo la colla di pesce in poca acqua fredda, per poi lasciarla ammorbidire.

Continua la lettura
56

A questo punto, è necessario riscaldare la colla sul fornelletto e, una volta fatto ciò, stenderla con un pennello sulle piccole parti di legno. Per concludere il tutto, occorre passare ad applicare la foglia d'oro. Una volta che si avrà effettuato anche questa operazione, è importante ricoprire con l'oro tutte le parti in rilievo, per poi lasciarle asciugare accuratamente. Per quanto riguarda le parti lisce, è consigliabile l'utilizzo dell'oro decalco. Successivamente si deve lasciare asciugare il tutto per 24 ore, per poi passare a brunire con la pietra d'agata le parti in rilievo. A seguire, si deve antichizzare il fregio con una soluzione di colla di coniglio e di terra bruna. Quindi possiamo affermare che il fregio è finalmente pronto. Ecco, pertanto, che il tuo vecchio fregio in stile Luigi Filippo, ora si trova in ottime condizioni, proprio come se fosse nuovo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Cerca di avere molta pazienza e procedi lentamente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Ristrutturazione

Come riciclare mobili usati in buone condizioni

Le persone più creative e movimentate non si assoggettano alla medesima routine. Anche per ciò che riguarda l'arredamento della propria abitazione. Cercano sempre delle variazioni, per renderlo più interessante e consono alle esigenze del momento....
Ristrutturazione

Come ristrutturare un vecchio capannone

Con la chiusura di molti esercizi commerciali a causa della crisi che ha colpito diversi paesi europei, molti capannoni sono rimasti vuoti e inutilizzati. Solitamente, si tratta di capannoni di grandi dimensioni, alcuni anche in buone condizioni che,...
Ristrutturazione

Come ristrutturare un vecchio casale

Delle volte, passeggiando per graziose strade di campagna, capita di scorgere dei tipici casali e fantasticare su di essi, pensando di acquistarne uno per viverci in tranquillità con tutta la famiglia. Queste strutture spesso appartengono a contadini...
Ristrutturazione

Come ristrutturare un vecchio tavolo con delle piastrelle

Se troviamo giù in cantina un vecchio tavolo dimenticato nel tempo, ma che verte ancora in buone condizioni, potremmo trovare una buona soluzione creando qualcosa di utile e allo stesso tempo creativo. Basta che si tratti di un tavolo semplice, senza...
Ristrutturazione

Come rimodellare un bagno vecchio

A volte ci si stufa del look della propria abitazione e si vogliono apportare dei miglioramenti. Questi variano dal cambiare le piastrelle a ristrutturare l'intera casa. Il costo, il tempo e i materiali necessari dipenderanno in larga misura dal vostro...
Ristrutturazione

Consigli per la rimozione dell'intonaco vecchio

Ristrutturare e "rinfrescare" un po' la propria casa è un lavoro per mani esperte. Alcuni interventi particolarmente invasivi richiedono esperienza e competenza. Altri, invece, sono praticabili anche da persone meno ferrate in edilizia. Alcuni edifici...
Ristrutturazione

trasformare un vecchio tavolo in un sottolavello

Se si ha a disposizione un vecchio tavolo che è davvero irrecuperabile si può trasformare con l'utilizzo di un seghetto, viti da legno e con l'aggiunta di pannelli di multistrato. Con un po' di impegno e tanta fantasia si riesce ad ottenere un sottolavello...
Ristrutturazione

Come rendere un vecchio casale ecosostenibile

Avere rispetto per la natura è molto importante e ci sono molti modi per farlo: non costruire o disboscare alcune zone protette, effettuare la raccolta differenziata, non sprecare i beni comuni quali l'acqua, ecc. Aiutare il pianeta a non peggiorare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.