Come mettere il copridivano facilmente

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Ogni casa che si rispetti ha al suo interno almeno un divano, solitamente posto in soggiorno, dove potersi sdraiare e rilassare guardando la tv oppure leggendo un libro. Ma con il tempo e l'uso costante il nostro divano preferito rischia di rovinarsi e perdere la sua bellezza originaria, per questo è bene proteggerlo al meglio.
Per evitare che il divano si possa rovinare, specialmente se si tratta di un tessuto pregiato, l'unica precauzione da prendere è mettere un copridivano. Divani in pelle vera o similpelle, seta, velluto e taffetà si sporcano e si rovinano con estrema facilità per cui conviene coprirli spesso e scoprirli soltanto nei momenti più importanti. Oggi ci sono a disposizione una miriade di modelli con svariati colori e motivi, di vari prezzi e di diversi brand; ma la cosa importante è scegliere un tessuto lavabile. A volte si tratta di un'impresa davvero ardua ma con pazienza e calma vedremo insieme come il copridivano si possa mettere facilmente. Mettiamoci all'opera quindi.

27

Occorrente

  • Due persone
  • Spatola di legno
37

La scelta del tessuto

I copridivani sono di vario materiale e naturalmente bisogna periodicamente lavarli, quindi è necessario controllare quale programma della vostra lavatrice sia più adatto al tipo di tessuto. Bisogna scegliere anche il modello perché alcuni hanno i braccioli e altri no, nonché verificare la lunghezza e la larghezza a seconda delle misure del vostro divano. Una volta che vi sarete accertati di quale tipo di copridivano acquistare, passiamo alla fase di posa, ovvero bisogna letteralmente farlo "indossare" al divano. Il primo consiglio è quello di seguire le istruzioni alla lettera (se ci sono), il secondo è farsi aiutare da una seconda persona perché in questo modo si può inserire contemporaneamente da ambedue i lati.

47

La posa in opera

Togliete i cuscini dal divano e adagiate il copridivano sia sulla seduta che sul retro (attenzione ai braccioli se ci sono), cercando di fare in modo che non avanzi troppa stoffa da un lato o dall'altro e che quindi le lunghezze siano uniformi in entrambi. Armatevi di una specie di spatola di legno come quelle che si usano per posare la moquette e iniziate a inserire il tessuto del copridivano tra la seduta e i braccioli facendo attenzione che non sia troppa e di conseguenza qualche parte resti scoperta. Se non disponete di questo attrezzo potete anche infilare la stoffa con le mani, ma dovrete essere energici affinché sia ben inserita e non sfugga al primo movimento. Eseguite l'operazione prima da un lato e poi dall'altro. Se vi accorgete che c'è ancora molta stoffa eccedente, mettetene di più tra le fessure sopraindicate. Se avete qualcuno che vi aiuta è utile fare questa operazione in tandem perché avrete più possibilità di riuscire bene al primo tentativo.

Continua la lettura
57

La verifica finale

Passate adesso al retro: coprite attentamente il retro del vostro divano e girate la stoffa eccedente sotto lo schienale. Ricordatevi che se il materiale è elasticizzato come ad esempio la lycra, l'operazione sarà facilitata e il tessuto aderirà così bene al divano da sembrare la tappezzeria. Tirate bene la stoffa in modo da girare quella in eccesso sotto la base del divano ed il gioco è fatto. Adesso rivestite i cuscini se avete per loro delle fodere a parte (in tal caso avrete scelto un colore o una fantasia che si armonizzino con il resto). Ora è il momento della verità: se vi sedete sul divano e la stoffa non "scappa" significa che avete fatto un buon lavoro, altrimenti è meglio togliere il copridivano e ricominciare da capo: in questi casi, specie se la copertura vi sembra particolarmente "storta", è infatti meglio riprendere dall'inizio l'operazione di copertura per correggere subito gli errori di misurazione più eclatanti.
Mettere il coprivano potrebbe risultare a volte un'impresa difficile, ma con un po' di pazienza e seguendo le istruzioni di questa guida potrete riuscirci piuttosto facilmente; il consiglio è quello di utilizzare materiali elasticizzati o persino già sagomati come quelli del copri-materasso, di certo vi faciliterà la vita. Non mi resta quindi che augurare buon lavoro e buona fortuna.

67

Guarda il video

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Economia Domestica

5 modi per eliminare il calcare

È risaputo che quando l'acqua è dura, incrostazioni e calcare si formano facilmente. Rimuovere il calcare poi, può risultare davvero difficile e poco piacevole, anche se si utilizzano appositi prodotti chimici. Se siete interessati a conoscere ulteriori...
Economia Domestica

Idee per regali di Natale fatti a mano

Con l'avvicinarsi del Natale, nasce la preoccupazione di cosa regalare ai propri amici e familiari. La tecnica del fai da te va molto di moda ultimamente! Con essa è possibile realizzare vere e proprie opere d'arte con le proprie mani. Conserve, biscotti,...
Economia Domestica

Come conservare l'erba cipollina fresca

L'erba cipollina è una spezia gustosa e facile da abbinare. Si coltiva con grande semplicità in vasetti o nell'orto. Cresce senza grandi problemi e senza bisogno di particolari cure. L'erba cipollina inoltre si abbina facilmente a molte pietanze. Il...
Economia Domestica

Controsoffitti in granito: pro e contro

I controsoffitti vengono solitamente installati e realizzati in una casa, per migliorare l'ambiente non solo a livello estetico, ma anche acustico. I controsoffitti sono inoltre in grado di creare un certo calore all'ambiente e possono essere realizzati...
Economia Domestica

5 usi del borace per le pulizie di casa

Il borace è un minerale il cui nome scientifico è "tetraborato di sodio". Proviene dall'evaporazione di laghi non di acqua dolce ma salata, in particolar modo dai laghi dell'America, della Turchia e della Romania. Si può facilmente acquistare in negozi...
Economia Domestica

Come liofilizzare il cibo

La liofilizzazione è un processo di essicazione utilizzato prevalentemente per conservare i cibi più a lungo, senza l'uso di sostanze conservanti di tipo chimico. La liofilizzazione si ottiene attraverso varie fasi. Inizialmente si abbassa la temperatura...
Economia Domestica

Come sistemare le posate in un buffet in piedi

Non importa quale evento stiate organizzando, un buffet è sempre in grado di farvi risparmiare tempo e fatica. Dare agli ospiti l'opportunità di servirsi da soli gli permette di consumare esattamente ciò che è di loro gradimento, e lasciare il resto...
Economia Domestica

Pavimentazione in ardesia: pro e contro

Molte persone oggi optano per i pavimenti in ardesia. Quest'ultimo è un materiale a grana fine appartenente alla famiglia delle rocce metamorfiche, composto da quarzo, mica, clorite e calcite. In passato, l'ardesia era comunemente utilizzata soprattutto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.