Come lucidare i mobili con la gommalacca

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
18

Introduzione

Con il passare del tempo e con l'utilizzo, i mobili presenti all'interno della nostra abitazione potrebbero danneggiarsi per cui per poterli continuare ad utilizzare dovremo necessariamente ripararli. In questi casi, per riparare i nostri elementi di arredo, preferiamo recarci presso delle falegnamerie, in modo che degli operai specializzati possano eseguire per noi la lavorazione desiderata riportando il nostro mobile allo stato iniziale. Il costo di questo intervento, può tuttavia risultare molto elevato, tanto da spingerci ad acquistarne uno nuovo. In alternativa potremo riparare con le nostre mani il mobile danneggiato risparmiando moltissimi soldi e per farlo dovremo semplicemente seguire alcune indicazioni che troveremo all'interno delle varie guida presenti su internet. Nei passi successivi di questa guida, in particolare, vedremo come fare per riuscire a lucidare i nostri mobili con la gommalacca.

28

Occorrente

  • guanti
  • gommalacca
  • tampone
  • pennello
  • alcool denaturato
  • macherina
  • cera
  • polvere di pomice
  • panni morbidi e asciutti
38

Iniziamo col dire che la gommalacca non ha eguali in questo campo, perché dona al nostro mobile una lucentezza ed una piacevolezza al tatto molto particolare. Questo prodotto viene venduto solitamente in scaglie, quindi necessita di una fase di preparazione prima dell'utilizzo che consiste nel far sciogliere le scaglie in alcool a circa 95°/99° gradi.

48

Può sembrare una sciocchezza eseguire il tutto, ma bisognerà armarsi di molta pazienza e dedizione per far si che il lavoro finale sia di ottima riuscita. Questo tipo di lavoro viene meglio definito come lucidatura a tampone proprio perché necessita della presenza di un tampone, solitamente costituito da uno strato interno di lana avvolto da una tela di lino.

Continua la lettura
58

Le fasi in cui si suddivide il nostro lavoro di lucidatura sono sostanzialmente 3: pomiciatura, lucidatura e brillantatura. "LA POMICIATURA" ha lo scopo di rendere il legno visibilmente omogeneo e privo di fori antiestetici. In questa prima fase ci serviremo di polvere di pomice che va apposta sulle zone che ne necessitano, per poi essere fissata all'interno dei fori o delle fessure tramite il tampone imbevuto di gommalacca che va passato sopra di essi in maniera abbastanza energica e ripetuta, finché il risultato non sarà ottimale.

68

Per "LA LUCIDATURA" si necessita sempre di un tampone (obbligatoriamente nuovo), e si inizia imbevendolo di gommalacca, leggermente più diluita rispetto alla prima fase, spalmandolo sulla superficie di legno solitamente seguendo le venature di quest'ultimo. Questo procedimento richiede più mani, divise in più giorni, in modo che ci sia il tempo di far asciugare il lavoro precedente.

78

Infine "LA BRILLANTATURA" non è altro che il tocco che manca per un lavoro perfetto. Anche qui lo strumento fondamentale è lo stesso, ovviamente differente dai precedenti, e ancora imbevuto di gommalacca, molto più diluita. Questa volta i movimenti da compiere sono veloci e lievi in modo da eliminare possibili sbavature delle fasi precedenti e donare quella lucentezza desiderata.

88

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come lucidare il legno

Il legno è un materiale vegetale proveniente dagli alberi e fin dall'antichità viene impiegato dall'uomo come materiale da costruzione e fortemente diffuso nel settore dell'interior design. Essendo un materiale naturale, è sensibile ad un eventuale...
Pulizia della Casa

Come passare la cera sui mobili

Ci sono molte opzioni per la finitura dei mobili. La maggior parte delle persone sa che, per ottenere una finitura resistente sui propri mobili, è necessario sigillare i pezzi con un sigillante di protezione come il poliuretano. Ma per ottenere un aspetto...
Pulizia della Casa

Come lucidare il piano laminato

Se in casa avete dei mobili da cucina o del soggiorno che presentano dei ripiani laminati, per evitare di rovinarli durante le fasi di pulizia o di lucidatura è necessario usare materiali e prodotti adeguati. Si tratta infatti di rivestimenti che se...
Pulizia della Casa

Come eliminare le macchie dai mobili in legno

Il legno è sempre stato un materiale molto apprezzato per le sue particolari caratteristiche e si utilizza in svariate applicazioni: costruzione di case e di utensili, ma soprattutto per i mobili. Questi ultimi che abbiamo nelle nostre case sono tuttavia...
Pulizia della Casa

Consigli per lucidare il marmo

Le superfici in marmo, lisce e brillanti, sono delicate e sensibili a molte sostanze, bisogna dunque pulirle correttamente in modo da preservarne il più possibile le caratteristiche. Nella guida che segue vi sarà parlato di uno dei modi per lucidare...
Pulizia della Casa

Come pulire i mobili in bambù

Per chi ama un arredamento esotico, sofisticato e dii grande impatto estetico, un posto d'onore potrebbe essere rappresentato dai mobili in bambù, un legno bello a guardarsi ma anche versatile perché può essere utilizzato per arredare non solo gli...
Pulizia della Casa

Lucidare il marmo: soluzioni naturali

Dedicarsi alla cura del marmo non è una cosa facile, specie se si desidera lucidare il marmo ed ottenere un risultato realmente efficace. In commercio è possibile trovare diversi prodotti adatti alla lucidatura, tuttavia non sempre sono sostanze ecologiche....
Pulizia della Casa

Come lucidare le superfici in mogano

Il mogano, ricavato da alberi originari dell'America Centrale e delle Indie occidentali, è un'essenza legnosa di colore bruno tendente al rossiccio. Si tratta di un genere di legno duro e resistente che viene lavorato con facilità e con risultati eccellenti....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.