Come lavare l'organza

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'organza è un tessuto leggero, quasi impalpabile e trasparente: per ottenerlo, si usa l'organzino, un filato di seta impiegato anche per la produzione di altri tessuti, come il taffetà. Da sempre tessuto pregiato e di lusso, l'organza oggi conosce anche varianti più economiche, in cotone e fibre sintetiche, come poliestere e nylon, ma le organze più lussuose sono ancora tessute in seta. Questo fantastico e versatile tessuto si presta molto bene alla realizzazione di abiti glamour, lingerie pregiata, sciarpe e cravatte morbide, complementi d'arredo di grande stile, specie tendaggi, tappezzeria e decori per il bagno. La texture è delicata e traslucida, molto simile allo chiffon, ma leggermente più consistente. I produttori la ottengono lavorando fibre eccezionalmente sottili. Questo procedimento la rende però piuttosto fragile, suscettibile alla comparsa di macchie e alla scoloritura. In questa guida, con pochi e semplici passaggi, vi daremo degli utili suggerimenti su come lavare l'organza per evitare di danneggiare il tessuto.

26

Occorrente

  • sapone neutro liquido
  • Acqua non superiore a 30 gradi
  • Stendibiancheria
36

Leggere bene l'etichetta

Prima di prendere qualsiasi iniziativa, controllate sempre l'etichetta per leggere le istruzioni specifiche di lavaggio. Non tutte le organze sono uguali: quelle originali al 100% e non tessute con altri materiali, vanno lavate esclusivamente a secco. Una volta esclusa questa possibilità, riempite il lavello o la vasca da bagno con acqua calda, immergete il capo fino a sommergerlo completamente. Fate attenzione che ci sia uno spazio sufficiente, perché non potrete né strizzarlo né ripiegarlo su sé stesso.

46

Lavare delicatamente a mano

Ora aggiungete una piccola quantità di sapone neutro liquido e fate schiumare; lavate delicatamente l'organza solo con l'ausilio delle vostre mani e senza sfregare eccessivamente. Assicuratevi che la temperatura dell'acqua rimanga stabile e non superi i 30°C (se avete dei dubbi, immergete un termometro per qualche secondo). Lasciate in ammollo per un'oretta circa, controllando che il tessuto non si scolorisca o perda elasticità. In questo caso, toglietelo immediatamente dal lavandino, passatelo sotto il getto dell'acqua fredda e stendetelo senza torcerlo.

Continua la lettura
56

Lasciare asciugare lontano dai raggi del sole

Trascorso il tempo necessario, sciacquate abbondantemente, avendo cura di non strizzare il capo e fatelo sgocciolare poggiandolo su un telo di spugna. Quando vedete che è solo leggermente umido, trasferitelo, aprendolo bene su ogni lato, su uno stendibiancheria: non lasciatelo mai esposto alla luce diretta del sole, o si seccherà irrimediabilmente e perderà la sua caratteristica morbidezza. Una volta asciutto, stiratelo a temperatura bassa, mettendo tra esso e la piastra del ferro, un telo di cotone.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come lavare le federe dei cuscini

Lavare le federe dei cuscini può essere a volte abbastanza difficile. Tutto dipende dalla tipologia delle macchie e dal tessuto con cui è fatta la federa stessa. Le federe possono essere dei tessuti più disparati, si va dal cotone fino alla seta passando...
Pulizia della Casa

Come lavare i capi a mano

Su tutti i capi che acquistiamo, è presenta una piccola etichetta che ci indica quando l'abito può essere lavato in lavatrice, e quando invece si deve necessariamente lavare a mano, per non rovinare il tessuto delicato o anche per non danneggiare qualche...
Pulizia della Casa

Come lavare i maglioni di lana più delicati

A volte si è indecisi su come lavare i maglioni di di lana più delicati. Un ottimo sistema per far durare più a lungo questi maglioni è quello di eseguire il giusto lavaggio. Inoltre è fondamentale il modo con cui si fanno asciugare e si stirano....
Pulizia della Casa

Come lavare le coperte in lavatrice

Quando la stagione fredda è ormai lontana e il caldo sta bussando alle porte, è giunto il momento di lavare e riporre negli armadi tutte le coperte che ci hanno tenuto al caldo durante la stagione invernale. Lavare le coperte, specie quelle di lana,...
Pulizia della Casa

Come lavare a secco i vestiti in casa

Quando si devono lavare dei vestiti realizzati con tessuti delicati, per evitare i costi della lavanderia, dei detersivi e il consumo di energia elettrica (quando si utilizza la lavatrice), è possibile farlo in casa seguendo però delle specifiche linee...
Pulizia della Casa

Come lavare le lenzuola di cotone

Eccoci qui, pronti a proporvi una guida, veramente molto utile ed anche interessante, per imparare come poter lavare, nella maniera più corretta possibile, le lenzuola di cotone.Eseguire il lavaggio delle lenzuola della nostra camera da letto o anche...
Pulizia della Casa

Come lavare piatti e stoviglie senza detersivo

In una società che è sempre più attenta a salvaguardare gli ecosistemi e l'ecologia, anche una piccola azione quotidiana, come lavare piatti e stoviglie senza usare detersivo chimico, eseguita da una moltitudine di persone, apporta un notevole aiuto...
Pulizia della Casa

Come lavare in casa le tende con risultati da lavanderia

Le tende a parete oppure a soffitto sono adatte per qualsiasi ambiente e per ogni tipo di finestra. La maggior parte di esse si può lavare tranquillamente in lavatrice; in questo modo si risparmia un po' di tempo e del danaro. Leggendo questo tutorial...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.