Come lavare il lino

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il lino è una fibra tessile naturale già conosciuta ai tempi degli Antichi Egizi. Il suo campo d'impiego riguarda sia il vestiario, soprattutto leggero e da sfoggiare in estate, che una grande varierà di accessori tessili per la casa come le tovaglie, i runner per la tavola ed i copricuscini. La sua caratteristica principale è quella di essere uno tra i tessuti maggiormente resistenti agli strappi e alle tensioni. Un altro elemento distintivo del lino è che tende spesso a stropicciarsi: per questo motivo viene spesso abbinata ad altri filati, creando così il famoso misto lino. Malgrado il progresso ci abbia ormai abituati ad una vasta gamma di scelta in fatto di fibre, specialmente introducendo quelle sintetiche, vestirsi con capi in tessuti naturali resta un'ottima scelta, ma anche un lusso, vista la difficoltà che si ha nel reperire queste materie e i costi non sempre agevoli. Se si posseggono dei capi in lino e la preoccupazione è quella di tenerli in ottime condizioni è bene conoscere alcune semplici tecniche per non alterarne la lucentezza e per non rovinarne le fibre. Attraverso i passaggi seguenti andremo quindi a vedere come lavare al meglio un qualsiasi accessorio o abito in lino, così da mantenerlo a lungo e poter godere della sua bellezza, comodità e freschezza.

27

Occorrente

  • Lavatrice o bacinella per lavare a mano
  • Detersivi per lino con sbiancante o senza
  • Ferro da stiro
37

Precauzioni di lavaggio

La prima cosa da fare è leggere con attenzione l'etichetta del capo che si vuole lavare e verificare se ci sono eventuali raccomandazioni e suggerimenti relativi al tipo di lavaggio consigliato. Se il capo di lino è puro al 100% sarà in grado di resistere anche ad alte temperature (solitamente fino ai 90° centigradi circa), mentre se si tratta di misto lino bisognerà necessariamente attenersi alle specifiche riportate sull'etichetta. Si può incappare in suggerimenti di lavaggio diversi anche in base alla lavorazione del capo: ad esempio un abito cucito a mano sicuramente esigerà un lavaggio più delicato e che non comprometta le cuciture. Nel lavaggio in lavatrice che può danneggiare maggiormente il lino è la centrifuga, pertanto è bene accertarsi di poterla utilizzare e anche in caso affermativo è bene propendere per un'intensità non troppo forte.

47

Lavaggio in lavatrice e a mano

Se si effettua un lavaggio in lavatrice è bene sapere che i capi vanno divisi in base al colore. In particolare i capi in lino bianco vanno trattati con dei detersivi specifici per questo tessuto: la maggior parte di questi sono anche sbiancanti e oltre a mantenere il classico candore tipico del tessuto, prevengono l'ingiallimento e smacchiano a fondo i capi già compromessi a livello di nuance. Per quanto riguarda i capi di lino colorati invece, è consigliabile utilizzare dei detersivi più delicati, in maniera tale da non scolorire o alterare il colore. In commercio si trovano anche prodotti specifici per lino colorato, ideali sia per lavaggio a mano che in lavatrice. Qualora si decidesse di optare per il lavaggio a mano, è importante non sfregare eccessivamente per non creare pieghe che, in questo particolare tessuto, già si formano naturalmente con il tempo e l'uso. Per poi facilitarne la stiratura è necessario evitare quanto più possibile il formarsi di queste increspature.

Continua la lettura
57

Stesura e asciugatura

Dopo il lavaggio bisogna prestare molta attenzione a come stendere i capi di lino, così da non danneggiarli e agevolare le successive procedure di stiratura. Che siano chiari o scuri è importante evitare di stendere abiti o complementi tessili vari sotto i raggi diretti del sole, poiché a lungo andare il sole ingiallisce il lino bianco e forma degli aloni difficili da eliminare su quello colorato. Il consiglio è dunque quello di stendere in zone in ombra, magari protette da tende o da portici e verande. Se proprio non si può far altro che stendere al sole è bene capovolgere i capi da asciugare al rovescio e coprirli con uno scampolo di cotone bianco o di colore chiaro. In questo modo si cercherà di preservarne la bellezza e la tinta originale del lino stesso. Infine è bene ritirare i panni stesi quando sono ancora umidi per stirarli più agevolmente. Con questi semplici consigli sarete sicuramente in grado di lavare senza grossi problemi i vostri capi in lino e mantenerli quanto più possibile belli, puliti e funzionali a lungo.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Impostate la centrifuga a bassa intensità per non danneggiare i capi.
  • Togliete i capi dallo stenditoio quando sono ancora umidi per stirarli più agevolmente.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pulizia della Casa

Come lavare il lino

Il lino è una fibra tessile naturale già conosciuta ai tempi degli Antichi Egizi. Il suo campo d'impiego riguarda sia il vestiario, soprattutto leggero e da sfoggiare in estate, che una grande varierà di accessori tessili per la casa come le tovaglie,...
Pulizia della Casa

Come lavare le lenzuola di lino nuove

Le lenzuola di lino posseggono delle caratteristiche che le differenziano nettamente da tutti gli altri tessuti: sono resistenti e durature nel tempo, non si deteriorano facilmente e trattengono bene sporco e odori. Un piccolo problema, tuttavia, può...
Pulizia della Casa

Come lavare i cuscini in semi di lino

I benefici che i semi di lino possono garantire al nostro organismo sono innumerevoli, ma siamo sicuri di conoscerli tutti? Come è noto i semi di lino sono un prodotto alimentare ricco di omega 3 (gli acidi grassi necessari per la nostra buona salute),...
Pulizia della Casa

Come togliere le macchie di sudore dal lino

Molto spesso capita che su della stoffa pregiata come ad esempio il lino, si creano delle macchie che poi è difficile rimuovere. Il sudore è senza alcun dubbio il nemico numero uno di lenzuola e camicie, per cui bisogna trovare la soluzione migliore...
Pulizia della Casa

Consigli per stirare le tende di lino

È risaputo. Il lino è fra i tessuti più complessi durante lo stiraggio poiché ha la tendenza di stropicciarsi anche solo toccandolo. Nonostante sia una fibra 100% naturale e fresca se utilizzata nell'abbigliamento, per le massaie rimane il cruccio...
Pulizia della Casa

Come smacchiare i tessuti di lino

Il lino è un tessuto di origine naturale, si ricava infatti dalla corteccia della pianta del lino e si tratta di un prodotto molto apprezzato, che viene utilizzato per biancheria e capi di abbigliamento di qualità. È una fibra piuttosto resistente,...
Pulizia della Casa

Come smacchiare le lenzuola di lino ingiallite

Nell'arco di una vita accumuleremo tantissimi elementi che costituiscono il cosiddetto "corredo", per cui avremo a disposizione molte lenzuola, tovaglie, copriletti, copripiumini e chi più ne ha più ne metta. Il corredo è fondamentale per poter creare...
Pulizia della Casa

Come lavare il pizzo

Il pizzo è un tessuto da sempre utilizzato per l'abbellimento di lenzuola in cotone (o in lino), centrini e biancheria intima. Considerata la sua estrema delicatezza, si rende necessario l'uso di precise precauzioni per evitare di maltrattare o rovinare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.